Politiche dei trasporti europee: opportunità e vicoli ciechi

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

DSC_0169Michael Cramer, membro del Parlamento europeo a Bolzano.

Michael Cramer, Parlamentare europeo dei Verdi e Presidente della Commissione trasporti e turismo, in visita a Bolzano su invito del suo ex collega Sepp Kusstatscher, in un suo intervento ha fatto riferimento alle priorità delle politiche europee sui trasporti:
„Senza cambiamenti nelle politiche dei trasporti non potremo fermare il cambiamento climatico. Infatti sono macchine e camion le principali cause dell‘aumento delle emissioni di CO2“. Allo stesso modo è da rafforzare il ruolo delle rotaia, che però in tutta Europa viene messo in difficoltà da massicci dazi. La ferrovia però viene svantaggiata rispetto al trasporto su ruota e aereo a causa dei bassi dazi e delle sovvenzioni a favore del petrolio di cui godono queste altre categorie.
Del budget europeo per il periodo 2014-2020 previsto di 26 Mrd. toccano agli „storici“ Stati europei come Italia e Germania solo 12,5 Mrd. € zu. E questi mezzi, piuttosto limitati per la scala europea vengono riversati principalmente su grandi opere come il Tunnel di base del Brennero, i quali rappresentano solo in modo molto limitato delle soluzioni futuribili al problema dei trasporti.
Secondo Michael Cramer così come per i Verdi sudtirolesi, le grandi opere come il BBT rimangono problematiche, poiché sono troppo spesso delle soluzioni isolate.

I lavori per il Tunnel di Base del Brennero sono in piena attività – non c’è dubbio: di tutto il sistema di gallerie di circa 230 km sono stati realizzati fino a ora 36 km del tunnel principale e 14 km di cunicoli esplorativi. Il termine dei lavori è previsto per il 2025.
Dei costi previsti di circa 8,8 miliardi di Euro (stima al ribasso) ne sono stati appaltati già 1,37 miliardi di Euro. Nell‘autunno 2014 è stato pubblicato il progetto del sottopasso dell’Isarco a Fortezza, con i suoi 301 milioni di Euro di appalto, e ora si sta lavorando a tutta forza.

Più avanzano i lavori del tunnel, più diventa chiaro che per le condizioni e il futuro utilizzo del BBT molte domande sono ancora aperte.

A oggi manca ogni accenno a una solida politica di trasferimento del trasporto pesante dalla strada alla rotaia.
Le tratte d’accesso necessarie per il pieno utilizzo e l’efficienza della linea sono in Germania e a sud del Brennero in uno stato di pianificazione e finanziamento assolutamente insoddisfacente.
Con quest’opera vengono tolti mezzi finanziari necessari per l‘importante sostituzione delle rotaie, dei vagoni merci, dei locomotori, per misure antirumore urgenti.

Ma è proprio qui che bisogna intervenire: una politica dei trasporti futuribile ha bisogno di molti interventi di piccole dimensioni. Per rafforzare i trasporti regionali in forte crescita, per rinvigorire il trasferimento dei trasporti pesanti su rotaia, per portare avanti le misure di protezione dal rumore cambiando i materiali. Soprattutto mettere rimedio ai vuoti delle coincidenze e dei punti nodali sembra avere molta più efficacia rispetto alle grandi opere.

Proprio qui, nell‘armonizzazione di tante piccole misure si trovano i compiti per il futuro della politica europea dei trasporti. „Cervello e non cemento“ è il motto del programma alternativo dei Verdi per un vero cambiamento delle politiche dei trasporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]