Politiche dei trasporti europee: opportunità e vicoli ciechi

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

DSC_0169Michael Cramer, membro del Parlamento europeo a Bolzano.

Michael Cramer, Parlamentare europeo dei Verdi e Presidente della Commissione trasporti e turismo, in visita a Bolzano su invito del suo ex collega Sepp Kusstatscher, in un suo intervento ha fatto riferimento alle priorità delle politiche europee sui trasporti:
„Senza cambiamenti nelle politiche dei trasporti non potremo fermare il cambiamento climatico. Infatti sono macchine e camion le principali cause dell‘aumento delle emissioni di CO2“. Allo stesso modo è da rafforzare il ruolo delle rotaia, che però in tutta Europa viene messo in difficoltà da massicci dazi. La ferrovia però viene svantaggiata rispetto al trasporto su ruota e aereo a causa dei bassi dazi e delle sovvenzioni a favore del petrolio di cui godono queste altre categorie.
Del budget europeo per il periodo 2014-2020 previsto di 26 Mrd. toccano agli „storici“ Stati europei come Italia e Germania solo 12,5 Mrd. € zu. E questi mezzi, piuttosto limitati per la scala europea vengono riversati principalmente su grandi opere come il Tunnel di base del Brennero, i quali rappresentano solo in modo molto limitato delle soluzioni futuribili al problema dei trasporti.
Secondo Michael Cramer così come per i Verdi sudtirolesi, le grandi opere come il BBT rimangono problematiche, poiché sono troppo spesso delle soluzioni isolate.

I lavori per il Tunnel di Base del Brennero sono in piena attività – non c’è dubbio: di tutto il sistema di gallerie di circa 230 km sono stati realizzati fino a ora 36 km del tunnel principale e 14 km di cunicoli esplorativi. Il termine dei lavori è previsto per il 2025.
Dei costi previsti di circa 8,8 miliardi di Euro (stima al ribasso) ne sono stati appaltati già 1,37 miliardi di Euro. Nell‘autunno 2014 è stato pubblicato il progetto del sottopasso dell’Isarco a Fortezza, con i suoi 301 milioni di Euro di appalto, e ora si sta lavorando a tutta forza.

Più avanzano i lavori del tunnel, più diventa chiaro che per le condizioni e il futuro utilizzo del BBT molte domande sono ancora aperte.

A oggi manca ogni accenno a una solida politica di trasferimento del trasporto pesante dalla strada alla rotaia.
Le tratte d’accesso necessarie per il pieno utilizzo e l’efficienza della linea sono in Germania e a sud del Brennero in uno stato di pianificazione e finanziamento assolutamente insoddisfacente.
Con quest’opera vengono tolti mezzi finanziari necessari per l‘importante sostituzione delle rotaie, dei vagoni merci, dei locomotori, per misure antirumore urgenti.

Ma è proprio qui che bisogna intervenire: una politica dei trasporti futuribile ha bisogno di molti interventi di piccole dimensioni. Per rafforzare i trasporti regionali in forte crescita, per rinvigorire il trasferimento dei trasporti pesanti su rotaia, per portare avanti le misure di protezione dal rumore cambiando i materiali. Soprattutto mettere rimedio ai vuoti delle coincidenze e dei punti nodali sembra avere molta più efficacia rispetto alle grandi opere.

Proprio qui, nell‘armonizzazione di tante piccole misure si trovano i compiti per il futuro della politica europea dei trasporti. „Cervello e non cemento“ è il motto del programma alternativo dei Verdi per un vero cambiamento delle politiche dei trasporti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Tram Bolzano-Oltradige, il Consiglio provinciale approva la mozione del gruppo Verde. La scelta per il tram diventa così irreversibile

Tram Bolzano-Oltradige, il Consiglio provinciale approva la mozione del gruppo Verde. La scelta per il tram diventa così irreversibile

Con l'approvazione della mozione favorevole al Tram del Gruppo Verde, firmata in una versione modificata anche da alcuni colleghi del Gruppo Svp, il Consiglio provinciale fissa in modo definitivo la scelta di fondo di realizzare un collegamento su bi[...]
Doppia cittadinanza: come la politica è in grado di crearsi i problemi ed è poi incapace di risolverli

Doppia cittadinanza: come la politica è in grado di crearsi i problemi ed è poi incapace di risolverli

Chiediamo ai partiti al governo una linea chiara e di prendere in considerazione tutti i gruppi linguistici dell’Alto Adige nella discussione sul doppio passaporto. Durante il suo primo incontro con il Ministro degli esteri Alfano a Roma, la nuova[...]
Interrogazione: “Bike & Sci” nel parco naturale

Interrogazione: “Bike & Sci” nel parco naturale

Il 5 gennaio 2018, sull’Alpe di Siusi, si è tenuto l’evento “Bike & Sci”. La manifestazione, che vedeva in gara sulla pista Bullaccia una combinazione di motociclisti e sciatori, è stata organizzata dall’Alpe di Siusi Marketing Soc. coop. Da [...]
A Bolzano il Vertice Euregio sul traffico: tre azioni concrete invece di inutili promesse

A Bolzano il Vertice Euregio sul traffico: tre azioni concrete invece di inutili promesse

Se oggi i governatori dell’Euregio e gli/le assessori/e competenti di ambiente e trasporti si incontrano per un vertice su traffico e trasporti, vuol dire che tutti hanno preso atto della gravità della situazione del traffico sull’asse del Brennero: [...]
Disegno di legge provinciale - Democrazia diretta, partecipazione e formazione politica
I Verdi del Alto Adige – Südtirol con Liberi e Uguali

I Verdi del Alto Adige – Südtirol con Liberi e Uguali

Il Coordinamento Provinciale dei Verdi ha deciso nella sua riunione di sabato, 30 dicembre, di aderire alla Lista „Liberi e Uguali“ guidata dal Presidente del Senato Pietro Grasso e dalla Presidente della Camera Laura Boldrini. La decisione è stata [...]
Pensiamo alle  conseguenze - Posizione dei Verdi sulla doppia cittadinanza 

Pensiamo alle  conseguenze - Posizione dei Verdi sulla doppia cittadinanza 

  Partiamo dai fatti: già oggi in Europa migliaia di persone hanno un doppio passaporto. Ciò rispecchia a buon diritto la storia loro e della loro famiglia in un’Europa i cui confini sono stati continuamente attraversati. La nostra posizi[...]
Il governo ÖVP-FPÖ in Austria è fatto: comincia una trasformazione blu-turchese della vicina Repubblica - con preoccupanti conseguenze per l'Alto Adige

Il governo ÖVP-FPÖ in Austria è fatto: comincia una trasformazione blu-turchese della vicina Repubblica - con preoccupanti conseguenze per l'Alto Adige

I vertici di ÖVP e FPÖ hanno concluso velocemente la formazione del nuovo governo a Vienna. Esattamente due mesi dopo le elezioni, nasce il gabinetto Kurz-Strache. Con tre sorprese: tante nuove facce, una folta rappresentanza di donne nelle file dell[...]