Perché gli standard open sono importanti per la democrazia

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Sostenibilità digitale in Alto Adige/Südtirol: Perché gli standard open sono importanti per la democrazia

È stato uno dei temi affrontati nel dialogo estivo “Cloud: Mito, realtà, autonomia” tenutosi venerdì 29 luglio alla Casa Kolping di Bolzano.

gruppenbildÈ stato il primo evento pubblico del nuovo gruppo verde „Digital Sustainability”, a cui hanno partecipanto una quarantina di persone. Il relatore principale Italo Vignoli, fondatore di The Document Foundation, ha fornito una rapida panoramica sulla storia delle open source, delle loro possibilità di utilizzo e dei loro vantaggi rispetto ai prodotti creati e venduti dalle multinazionali i quali tendono a legare gli/le utenti in maniera esclusiva. Nel corso di una discussione molto interessante sono state affrontate le problematiche legate alla sicurezza, al copyright, agli effetti democratici dell’utilizzo dei software, ai confini della trasmissibilità e della trasmissione dei dati. Markus Mittelberger, Corinna Lorenzi e Anton Auer hanno raccontato di esperienze concrete con l’utilizzo di sistemi Cloud o Telegram come piattaforme di comunicazione per la creazione di documenti comuni. I Verdi bolzanini hanno organizzato tutta la campagna elettorale tramite Telegram.
Nel corso della serata si è presentato anche il nuovo gruppo di lavoro verde „Digital Sustainability”. Si tratta del quinto gruppo di lavoro accanto ai quattro già esistenti: Donne, Young Greens, verdECOnomia e social&green. È stato creato intorno alla necessità di creare in modo sostenibile il sistema digitale e nei prossimi mesi si occuperà di democrazia, accessibilità, pari opportunità del mondo digitale.

I criteri più importanti in tal senso sono stati raccolti nel „Manifesto per la sostenibilità digitale in Alto Adige/Südtirol“, presentato all’inizio della serata.
Il manifesto contiene 10 criteri della sostenibilità e 4 obiettivi:

1) Contenuti liberi: è importante sostenere modelli aperti e partecipativi di produzione culturale (ad es. Wikipedia…) affinché contenuti finanziati con soldi pubblici vengano resi liberamente accessibili.

2) Libero accesso al sapere: risultati di ricerche e attività educative finanziate dalla collettività devono essere resi disponibili quali beni di pubblico dominio.
3) Free Open Source Software (FOSS): grazie al software libero e liberamente modificabile è nata una nuova visione dell’informatica quale infrastruttura strategica in grado di legare trasparenza, indipendenza e sicurezza con efficienza dei costi a lungo termine.
4) Standard aperti, come fondamenta dell’interoperabilità e dell’interscambiabilità nelle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, le quali devono essere in grado di unire la sicurezza degli investimenti con la loro sostenibilità.

Nel corso del dialogo estivo dello scorso venerdì è stato sottolineato con forza il significato concreto di questi 4 obiettivi per una strategia della “democrazia digitale” come parte di una democrazia moderna, la quale sarà assolutamente necessaria anche per una Autonomia moderna dell’Alto Adige/Südtirol.

A questo primo evento seguirà un „Dialogo autunnale“, dove si parlerà degli aspetti socio-politici della sostenibilità digitale.

Bolzano, 01.08.2016

ds-paradigma colloquio-DSCN3012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

Gli stravolgimenti delle elezioni nazionali austriache hanno superato tutte le aspettative: la lista Kurz (una volta ÖVP) ha concluso alla grande con una campagna super-egocentrica, la FPÖ è ritornata alle vette dei tempi di Haider, la SPÖ ha chi[...]
Cinque smentite all’assessora Stocker

Cinque smentite all’assessora Stocker

La tragica vicenda del bambino profugo curdo morto a Bolzano ha sollevato in tutto l’Alto Adige una forte emozione. Ciò dovrebbe portare i responsabili politici e amministrativi a un profondo esame di coscienza. Al contrario, l’assessora Stocker cont[...]
Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: sulla ricostruzione delle circostanze che sono costate la vita al giovane Adan. Così non può andare avanti, assessora Stocker! L’agenda profughi deve passare al Presidente Kompatscher. Durante l’odierna confe[...]
L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

In merito alla tragica morte a Bolzano del minore disabile e profugo curdo-iracheno, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa interrogazione urgente per chiedere alla Giunta provinciale una dettagliata ricostruzione dei fatti e d[...]
Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo sull’Autobrennero: la protesta dei camionisti è comprensibile, ma il disagio di chi vive lungo l’a22 è molto più grande. I camionisti dell’Alto Adige e la Camera di commercio protestano all’unisono contro l’ingorgo creatosi nel fine settiman[...]
Autorizzazioni ambientali:  la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

Autorizzazioni ambientali: la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

La nuova legge n. 135/17 sulla “Valutazione ambientale per piani e progetti”  offre la possibilità di marcare finalmente una chiara distinzione tra tecnica e politica, che finora si è riservata la possibilità di ribaltare arbitrariamente i pareri[...]
Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Ordine del giorno DdL 135/17 La questione di un nuovo collegamento sciistico tra Vallelunga nell’Alta Val Venosta e Kaunertal in Tirolo si trascina da parecchio tempo. Si tratta di impianti di risalita che dovrebbero essere realizzati tra l'ancora[...]
Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Più di 2 milioni di sì per l’indipendenza della Catalogna sono un risultato impressionante. Anche se la sua legittimità giuridica è fragile, l’espressione democratica della volontà popolare è da prendere sul serio. La carenza di disponibilità a un co[...]