Oktavia in Europa

1 Flares Filament.io 1 Flares ×

Presentazione della candidata dei Verdi altoatesini e SEL sulla Lista „Tsipras“v.l./d.s. Riccardo Dello Sbarba, Nicola Fratoianni, Oktavia Brugger, Brigitte Foppa
Nicola Fratoianni, coordinatore nazionale di SEL, in visita a Bolzano – un’occasione per i Verdi e SEL, per presentare in una conferenza stampa la candidatura di Oktavia Brugger all’interno della lista “Tsipras”, “L’altra Europa”.

Oktavia Brugger, ex giornalista RAI, ha esposto le linee guida della sua campagna elettorale. Al contrario delle tante voci e i toni spesso populisti che stroncano l’Europa, Oktavia vuole sottolineare il progetto di pace che l’Europa rappresenta e che va protetto, difeso e sviluppato, per fare dell’unione economica un’unione politica a tutti gli effetti. Non c’è bisogno di meno Europa, ma di più Europa, nel senso di una politica comunitaria del lavoro e del sociale. Allo stesso momento l’Europa deve imparare a gestire meglio la sua pluralità umana e ambientale.

Infatti l’uscita dalla crisi può avvenire solo nel senso della sostenibilità, visto anche che la via del cieco neoliberalismo è già stata percorsa con gli esiti disastrosi che conosciamo e che ci hanno portato in un vicolo cieco. La solidarietà, valore alla base dell’Europa stessa, dovrà tornare ad essere la linea guida della politica europea – su questo hanno concordato tutti i presenti alla conferenza stampa (tra cui gli esponenti di punta dei Verdi e di SEL locali e l’ex europarlamentare Sepp Kusstatscher).

Nicola Fratoianni ha aggiunto che la crisi non può certo essere combattuta solo con la politica dell’austerità come ha dimostrato il caso della Grecia. Questo paese ha maggiormente pagato il prezzo della politica antisolidale dell’Europa. Anche in questa prospettiva l’alleanza con Alexis Tsipras è carica di senso.

I Verdi altoatesini ci vedono un ideale completamento dei propri valori, sostenuti da sempre – e allo stesso momento offre le chances migliori per superare la soglia nazionale del 4 %.

Nel panorama dei candidati altoatesini al Parlamento europeo Oktavia Brugger costituisce l’unico vero elemento di novità, un volto conosciuto e allo stesso tempo fresco e politicamente nuovo. L’alternativa per tutti gli elettori e le elettrici ecosociali, democratici, critici ed aperti al mondo il 25 maggio è proprio lei.

Bolzano, 23/04/2014

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

Gli stravolgimenti delle elezioni nazionali austriache hanno superato tutte le aspettative: la lista Kurz (una volta ÖVP) ha concluso alla grande con una campagna super-egocentrica, la FPÖ è ritornata alle vette dei tempi di Haider, la SPÖ ha chi[...]
Cinque smentite all’assessora Stocker

Cinque smentite all’assessora Stocker

La tragica vicenda del bambino profugo curdo morto a Bolzano ha sollevato in tutto l’Alto Adige una forte emozione. Ciò dovrebbe portare i responsabili politici e amministrativi a un profondo esame di coscienza. Al contrario, l’assessora Stocker cont[...]
Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: sulla ricostruzione delle circostanze che sono costate la vita al giovane Adan. Così non può andare avanti, assessora Stocker! L’agenda profughi deve passare al Presidente Kompatscher. Durante l’odierna confe[...]
L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

In merito alla tragica morte a Bolzano del minore disabile e profugo curdo-iracheno, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa interrogazione urgente per chiedere alla Giunta provinciale una dettagliata ricostruzione dei fatti e d[...]
Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo sull’Autobrennero: la protesta dei camionisti è comprensibile, ma il disagio di chi vive lungo l’a22 è molto più grande. I camionisti dell’Alto Adige e la Camera di commercio protestano all’unisono contro l’ingorgo creatosi nel fine settiman[...]
Autorizzazioni ambientali:  la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

Autorizzazioni ambientali: la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

La nuova legge n. 135/17 sulla “Valutazione ambientale per piani e progetti”  offre la possibilità di marcare finalmente una chiara distinzione tra tecnica e politica, che finora si è riservata la possibilità di ribaltare arbitrariamente i pareri[...]
Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Ordine del giorno DdL 135/17 La questione di un nuovo collegamento sciistico tra Vallelunga nell’Alta Val Venosta e Kaunertal in Tirolo si trascina da parecchio tempo. Si tratta di impianti di risalita che dovrebbero essere realizzati tra l'ancora[...]
Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Più di 2 milioni di sì per l’indipendenza della Catalogna sono un risultato impressionante. Anche se la sua legittimità giuridica è fragile, l’espressione democratica della volontà popolare è da prendere sul serio. La carenza di disponibilità a un co[...]