No all’Alemagna

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

MOZIONE – VOTO

BrennerautobahnNo all’Alemagna: l’Italia ritiri la sua “interpretazione” del Protocollo dei Trasporti

Con la legge 196 del 9 novembre 2012 il parlamento italiano ha ratificato il Protocollo sui Trasporti della Convenzione delle Alpi. Con la legge tuttavia è stato approvato anche un Ordine del Giorno che “interpreta” alcuni articoli del protocollo stesso, in particolare l’articolo 11 il cui comma 1 così recita: “1. Le Parti contraenti si astengono dalla costruzione di nuove strade di grande comunicazione per il trasporto transalpino”.

L’”interpretazione” data dall’Italia consiste invece in una “dichiarazione interpretativa” in cui è scritto che “le disposizioni dell’articolo 11 non pregiudicano la possibilità di realizzare progetti stradali di grande comunicazione sul territorio italiano, comprese le infrastrutture necessarie per lo sviluppo degli scambi con i Paesi situati a nord dell’arco alpino“. Tale dichiarazione è stata ufficialmente depositata dall’Italia il 7 febbraio 2013 (BGBI. III 2013/37 ratificata con BGBI. III 2013/138) e da quel momento assume rilevanza internazionale e non solo interna.

L’argomentazione dell’Italia è in sostanza la seguente: il Protocollo trasporti vieta la realizzazione di nuove autostrade “transalpine”, ma non vieta a ciascun paese di costruire nuove autostrade “interalpine”, cioè nel territorio di ciascun singolo stato. E’ evidente che così l’Italia si è lasciata aperta la possibilità di realizzare grandi progetti stradali come quello dell’autostrada “Alemagna” dal Cadore attraverso la Pusteria fino al confine austriaco. Se poi Austria e Germania interpretassero allo stesso modo il Protocollo Trasporti, esso diventerebbe carta straccia.

L’obiettivo del Protocollo trasporti infatti è di impedire che nuove grandi strade aumentino “il transito transalpino” su gomma, al fine di spostare il più possibile merci e persone su vettori più sostenibili, innanzitutto su ferrovia, e difendere così la salute delle popolazioni alpine, l’ambiente e il paesaggio.

L’evidente contrasto della “dichiarazione interpretativa” italiana con il Protocollo dei trasporti è stato approfonditamente chiarito in un parere del “Servizio legale della Convenzione delle Alpi” rilasciato il 23 settembre 2013 (prot. ZVR-Zahl 255345915).

In essa il “Servizio legale” dichiara che “la riserva italiana esprime una deroga generale per i futuri progetti senza specificarli o limitarli in alcun modo. Ciò, oltre a condizionare pesantemente ogni tentativo di coordinare la politica dei trasporti, (…) è in contrasto con l’essenza, la ragion d’essere del Protocollo trasporti”. Nel parere si cita esplicitamente il progetto dell’autostrada Alemagna come uno di quelli su cui l’Italia ha particolarmente insistito in sede di trattative sul Protocollo: “Con la riserva inserita – afferma il Servizio legale – l’Italia si manterrebbe la possibilità di realizzare questo progetto stradale”.

Una conclusione assai preoccupante per la provincia di Bolzano!

Per eccepire alla “dichiarazione” italiana gli altri paesi alpini hanno avuto un anno di tempo. E’ ciò che ha fatto l’Austria, paese che ha elaborato in prima persona il Protocollo stesso, attraverso una nota dell’ambasciata austriaca a Roma, depositata il 27 novembre 2013.

Alla nota austriaca il Ministero degli affari esteri italiano ha risposto con una “nota verbale” del 30 gennaio 2014, nella quale si ribadisce che l’Italia “intende dare applicazione al Protocollo dei Trasporti”, ma che il Paese “si trova in una situazione diversa dagli altri membri della Convenzione delle Alpi, in quanto è l’unico stato a trovarsi a sud dell’arco alpino” e che “la dichiarazione interpretativa non contraddice il testo dell’articolo 11 del Protocollo stesso, che non pregiudica – ove ricorrano le condizioni del comma 2, la possibilità di realizzare progetti stradali di grande comunicazione sul territorio italiano”,

L’argomento è stato anche oggetto di una recente interrogazione alla Camera dei Deputati. Nella sua risposta all’on. Kronbichler il Viceministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Rocco Girlanda, ha ripetuto che “Il protocollo sui trasporti vieta grandi strade di attraversamento delle Alpi (“strade transalpine”), ma non nuove strade “interalpine” sul territorio italiano.

La risposta dimostra che occorre assolutamente fare chiarezza sulla materia.

Per questo motivo,

il Consiglio provinciale di Bolzano

invita il Governo e il Parlamento italiano

a ritirare la “dichiarazione interpretativa” al Protocollo dei trasporti della Convenzione delle Alpi, concernente gli articoli 11 e 14, depositata dall’Italia il 7 febbraio 2013 (BGBI. III 2013/37 ratificata con BGBI. III 2013/138), poiché potrebbe costituire un’inammissibile riserva all’attuazione del Protocollo stesso, ratificato dall’Italia il 9 novembre 2012 e su cui lo stesso Ministero degli affari esteri, nella nota verbale trasmessa all’ambasciata austriaca il 30 gennaio 2014, ha affermato che l’Italia intende dare coerente e rispettosa applicazione.

Bolzano, 21.02.2013

Consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss
Brigitte Foppa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

Gli stravolgimenti delle elezioni nazionali austriache hanno superato tutte le aspettative: la lista Kurz (una volta ÖVP) ha concluso alla grande con una campagna super-egocentrica, la FPÖ è ritornata alle vette dei tempi di Haider, la SPÖ ha chi[...]
Cinque smentite all’assessora Stocker

Cinque smentite all’assessora Stocker

La tragica vicenda del bambino profugo curdo morto a Bolzano ha sollevato in tutto l’Alto Adige una forte emozione. Ciò dovrebbe portare i responsabili politici e amministrativi a un profondo esame di coscienza. Al contrario, l’assessora Stocker cont[...]
Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: sulla ricostruzione delle circostanze che sono costate la vita al giovane Adan. Così non può andare avanti, assessora Stocker! L’agenda profughi deve passare al Presidente Kompatscher. Durante l’odierna confe[...]
L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

In merito alla tragica morte a Bolzano del minore disabile e profugo curdo-iracheno, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa interrogazione urgente per chiedere alla Giunta provinciale una dettagliata ricostruzione dei fatti e d[...]
Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo sull’Autobrennero: la protesta dei camionisti è comprensibile, ma il disagio di chi vive lungo l’a22 è molto più grande. I camionisti dell’Alto Adige e la Camera di commercio protestano all’unisono contro l’ingorgo creatosi nel fine settiman[...]
Autorizzazioni ambientali:  la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

Autorizzazioni ambientali: la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

La nuova legge n. 135/17 sulla “Valutazione ambientale per piani e progetti”  offre la possibilità di marcare finalmente una chiara distinzione tra tecnica e politica, che finora si è riservata la possibilità di ribaltare arbitrariamente i pareri[...]
Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Ordine del giorno DdL 135/17 La questione di un nuovo collegamento sciistico tra Vallelunga nell’Alta Val Venosta e Kaunertal in Tirolo si trascina da parecchio tempo. Si tratta di impianti di risalita che dovrebbero essere realizzati tra l'ancora[...]
Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Più di 2 milioni di sì per l’indipendenza della Catalogna sono un risultato impressionante. Anche se la sua legittimità giuridica è fragile, l’espressione democratica della volontà popolare è da prendere sul serio. La carenza di disponibilità a un co[...]