NO alla violenza contro le donne

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Lo cyberstalking è la nuova forma di violenza contro le donne, salita a livelli spropositati negli ultimi anni in tutti i 28 stati membri dell‘Unione Europea. Con questo termine si indicano le minacce e le intimidazioni che le donne subiscono in Internet. Questa perfida tipologia di stalking ha già portato donne e ragazze al suicidio.

E purtroppo anche le forme tradizionali di violenza fisica contro le donne sono aumentate, in famiglia, sul lavoro, nella vita pubblica. Una donna su tre in Europa è vittima di una aggressione sessuale, come è stato reso noto nella ricerca dell’Agenzia europea dei diritti fondamentali. Circa 62 milioni di cittadine europee tra i 17 e i 74 anni ne sono vittime. Particolarmente allarmante è il fatto che la maggior parte di loro non si ribella e non denuncia l’aggressore, nonostante il moltiplicarsi di strutture attrezzate per il supporto psicologico e legale. In Sudtirolo solo una donna su 20, vittima di violenza, si rivolge a strutture di supporto ufficali, come era stato denunciato ancora nel novembre scorso dall’Assessorato provinciale alla famiglia.

Per questo è importante rafforzare la consapevolezza delle ragazze già in giovane età, sia in famiglia che a scuola. In Sudtirolo c’è bisogno di un’ente di monitoraggio indipendente, che si batta contro lo cyberstalking. Stereotipi e pubblicità sessiste non possono essere tollerate e devono essere denunciate e combattute, prima che subentri l’abitudine e che iniziamo a considerarle come “normali”.

Oktavia Brugger, 7 marzo 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]