Nel 2017 la chiusura temporanea dei passi dolomitici

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Il problema è stato riconosciuto, la soluzione è ancora lontana, ma è un primo passo.

Dolomiti Passo SellaSabato, gli assessori Gilmozzi, Mussner e Theiner hanno concordato la chiusura del passo Sella per 10 giorni nel 2017.

Le giornate di chiusura, chiamate „Green Days“, sono da riconoscere senza dubbio come primo atto politico importante contro l‘invasione del traffico sui passi dolomitici: dopo anni di discussioni spesso accese e prive di effetti, la decisione mostra chiaramente come siano ineluttabili misure concrete contro l’inquinamento acustico e ambientale in continuo aumento. Organizzazioni ambientaliste, addetti a un turismo responsabile e l‘attenzione mediatica ne parlano da tempo, ma sono stati troppo spesso tacciati di essere dei fondamentalisti fuori dal mondo. Che ora autorevoli politici da Trentino e Alto Adige riconoscano l’urgenza di azioni concrete come le giornate di chiusura sotto la denominazione di „Green Days“ denota che la consapevolezza ha fatto finalmente breccia.

A questo primo passo, che serve soprattutto come atto di sensibilizzazione e come prova, devono seguire fino al 2022 altre fasi di una strategia metodica: chiusura temporanea, periodi di chiusura continuata durante tutta la stagione e su tutti i passi, affiancata da mobilità elettrica, offerte di mobilità pubblica sostitutiva e attività di sensibilizzazione a 360 gradi. Il tutto accompagnato da continue occasioni di scambio e accordo tra tutte le istituzioni e i gruppi target coinvolti. Solo in questo modo resterà credibile la denominazione di “Dolomiti patrimonio dell’UNESCO”. E soprattutto sarà finalmente possibile tutelare la natura e la qualità di vita dei centri abitati.

I sistemi di mobilità del 21° secolo sono poco impattanti, sia per l’inquinamento che per il rumore, sono pubblici e soprattutto tendono alla diminuzione. I passi dolomitici sono un caso di prova per un cambiamento generale che non si accontenta dei “green days”, ma punta a un “futuro verde”.

Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Bolzano, 12. 9. 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

L'atteggiamento ballerino della SVP sulla doppia cittadinanza è un flirt rischioso con i secessionisti. La lettera firmata da 19 consiglieri al governo austriaco sulla doppia cittadinanza ha fatto scalpore... non tanto per i contenuti, quanto piut[...]
Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Oggi i consiglieri comunali della Lega a Bolzano hanno distribuito ai passanti delle finte banconote da 1000 Euro con l’immagine dell’assessora Maria Laura Lorenzini. Questa azione  vuole portare l’attenzione (e l’odio!) della gente sull’iniziativa[...]
Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]