L’Alto Adige deve sostenere l’Austria contro lo svuotamento del protocollo trasporti

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

ProtocolloTrasportiIl tempo stringe: l’Alto Adige deve sostenere il ricorso dell’Austria contro l’„Alemagna“ e lo svuotamento del protocollo trasporti

Ormai 15 mesi fa, esattamente il 9 novembre 2012, l’Italia ha finalmente ratificato il Protocollo trasporti della Convenzione delle Alpi. Nell’occasione però è stata approvata anche una „nota interpretativa” che annacqua notevolmente i contenuti del protocollo tanto da rendere ancora possibile la realizzazione della „Alemagna“. È davvero urgente che il Presidente Kompatscher cerchi, insieme all’Austria, di opporsi a questa interpretazione. Fino al 6 febbraio è ancora possibile fare ricorso e la visita a Vienna in corso sembra essere l’occasione ideale per coordinare l’azione del Sudtirolo e dell’Austria.

Promemoria: Il 9 novembre 2012 il Capo dello Stato ha promulgato la legge che ratifica il Protocollo trasporti della Convenzione delle Alpi, dopo l’approvazione di Camera e Senato. L’Italia ha però corredato due articoli sostanziali (11 e 14) con una grave nota interpretativa, conseguenza di un ordine del giorno approvato, firmato da tutti i maggiori partiti (Centro destra, Lega, Pd).

Nell’ordine del giorno, il divieto di costruire strade di grande comunicazione per l’attraversamento delle Alpi, previsto nell’articolo 11, viene così interpretato: „ le disposizioni previste nell’articolo 11 non pregiudicano la possibilità di realizzare progetti stradali di grande comunicazione sul territorio italiano, comprese le infrastrutture necessarie per lo sviluppo degli scambi con i Paesi situati a nord dell’arco alpino„.

In parole povere, ciò non significa altro che il proseguimento della „Alemagna“ dal Cadore attraverso la Val Pusteria fino al confine statale è ancora possibile, una prospettiva che viene rifiutata con fermezza sia in Tirolo che in Sudtirolo. E per questo è ancora più importante che l’Austria consegni entro il 6 febbraio 2014 il ricorso contro l’integrazione italiana al Protocollo trasporti della Convenzione delle Alpi. Già un anno fa Cristina Kury, ex consigliera provinciale dei Verdi, aveva fatto riferimento a questa possibilità e informazioni più recenti l’hanno confermato.

Il parlamentare tirolese Georg Willi ha già sollecitato con forza il Ministro degli esteri Kurz e quello all’agricoltura Rupprechter a intervenire. Ora anche il nostro presidente Kompatscher, in visita a Vienna, dovrebbe sostenere con urgenza, insieme al suo collega tirolese, gli interessi di Tirolo e Sudtirolo.

Se entro il 6 febbraio 2014 non verrà consegnato alcun ricorso ufficiale da parte dell´Austria, non sarà più possibile opporsi al proseguimento della “Alemagna” dal Cadore attraverso la Val Pusteria fino al confine. L´Alto Adige, rappresentato ora dal Presidente Kompatscher, ha la possibilità di richiedere la “tutela” dell’Austria per un tema molto importante. Il termine per il ricorso non può essere lasciato scadere senza far nulla, magari solo per ragioni “diplomatiche”.

Hans Heiss

Brigitte Foppa

Riccardo Dello Sbarba

Bolzano, 27. 1. 2014

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Salvata la pace domenicale

Salvata la pace domenicale

Legge omnibus: la Giunta provinciale voleva autorizzare i cantieri rumorosi anche nei giorni festivi. Grazie a un emendamento dei Verdi il passo è stato eliminato! Oggi si è riunita la 2 commissione legislativa del Consiglio provinciale per discut[...]
Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: il peggioramento delle conoscenze della seconda lingua tra gli/le studenti non è un incidente di percorso, ma un difetto del sistema Sudtirolo. Le proposte verdi. L’analisi approfondita realizzata da Kolipsi mostra un risultat[...]
Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

In questi giorni in Alto Adige si discute sul provvedimento spropositato e sproporzionato del Governo che prevede 12 vaccini obbligatori con multe draconiane in caso di inadempimento. Noi Verdi sudtirolesi ci siamo sempre impegnati per la libertà di [...]
Lasciamo crescere l’erba

Lasciamo crescere l’erba

No all'uso di erbicidi a livello provinciale e comunale I Verdi presentano un disegno di legge e una proposta di mozione per limitare l’utilizzo di erbicidi che metteranno a disposizione di rappresentanti comunali. In alcuni casi si è arrivati ad[...]
Una piramide d’oro con la base d’argilla

Una piramide d’oro con la base d’argilla

Il nuovo disegno di legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale punta sugli alti dirigenti. Questo a discapito di competenza ed equità sociale – e con indennità fino a 240.000 Euro! Il 18 maggio la giunta provinciale ha app[...]
Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

La Giunta provinciale ha annunciato un giro di vite sui sussidi “aggiuntivi”, che andranno d’ora in poi riservati solo a chi “mostra volontà di integrazione”. L’annuncio si riferisce all’articolo 18 della legge Omnibus n. 125/2017 che verrà discusso [...]
La legge elettorale va in aula: migliorarla è possibile!

La legge elettorale va in aula: migliorarla è possibile!

Questa settimana il Consiglio provinciale si occupa della legge elettorale SVP per le elezioni provinciali. Già in commissione legislativa noi Verdi abbiamo sottolineato le gravi mancanze del disegno di legge. Dopo un lungo, ma costruttivo lavoro, an[...]