1×10 Laboratorio di giustizia

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Iniziativa 1x10

Le tasse sono uno strumento importante

L´obiettivo di una buona politica fiscale è di contribuire a un´equa distribuzione della ricchezza, in modo da diminuire il divario tra ricchi e poveri. I Verdi si pronunciano a favore di uno spazio di manovra locale e nazionale nella politica fiscale . In particolare:

  • Rivedere il DURP (per esempio contemplare le attività aziendali), trattare contributi a persone e famiglie e rivedere determinate sovvenzioni come quelle, ad esempio, per i libri scolastici.
  • Coinvolgere le parti sociali (datori di lavoro, dipendenti e il terzo settore) nella determinazione delle tasse.
  • Usare la libertà d´azione nella determinazione del l´IMU, ad esempio, tramite un incremento di tassazione in un secondo immobile non abitato.
  • Cooperare con le autorità fiscali dello stato per combattere l´evasione fiscale e la fuga di capitale. La provincia dovrebbe controllare e, dove possibile, proclamarsi come parte civile.
  • Nessuna autonomia fiscale totale altrimenti confrontiamo pericoli di distorsioni di concorrenza tra le Regioni (ad esempio la dichiarazione auto)
  • Pretese della Provincia allo Stato: introdurre la tassazione dell’eredità, tassare il capitale e le transazioni finanziarie.

Alloggio decente e alla portata tutti

Alloggiare in Alto Adige in media è troppo caro. Spesso, una percentuale molto elevata di reddito (anche 50%) deve essere spesa in affitto nel mercato immobiliare privato in Alto Adige. Il bisogno fondamentale di alloggi sociali richiede più interesse pubblico.

Proposte concrete sono:

  • Una forte iniziativa edilizia sociale che coinvolge le comunità.
  • Ristrutturazioni ad alta efficienza energetica di edifici esistenti con nuovi modelli di finanziamento (Provincia, banche, cittadine e cittadini).
  • Gli alloggi a prezzi accessibili iniziano con l’edilizia sociale – l’edilizia sostenibile riduce il costo di costruzione e di manutenzione, inoltre fa bene alla salute (offre un clima migliore, richiede meno calore d´inverno e meno energia elettrica per cittadine e cittadine più sane e più felici)
  • Vivere nella natura, rinverdire la città: No! Ai nuovi edifici, senza orti e giardini ( anche sui tetti, ….)
  • Affidare gli appartamenti non abitati all’edilizia sociale per affittarli, e nei casi non vi sia alcuna volontà di affittare questi appartamenti a lungo termine – vengano espropriati.
  • Riconsiderare i sussidi per la : meno proprietà, più affitti.
  • Costruire in modo più facile ed economico.

Educazione, Professione e formazione professionale

Il settore pubblico dovrebbe diffondere lo slogan europeo Life Long Learning (L.L.L.) a tutti i livelli in modo più chiaro e per fornire migliori requisiti di accesso.

  • Incentivi per le imprese che investono in istruzione e formazione per creare apprendistato.
  • Non ci devono essere tagli alle istituzioni che promuovono educazione e formazione professionale.

Sanità

  • Mantenere il sistema finanziario della sanità pubblica.
  • Rafforzare e riconoscere la prevenzione e un sano stile di vita per le cittadine e i cittadini,
  • Facilitare la discussione su temi come: il senso della vita, lavoro, tempo libero, altre attività e occupazioni, alimentazione, stress, ecc.
  • Migliorare la sicurezza sul lavoro.
  • Non avere medici del servizio sanitario che esercitano contemporaneamente la professione da privato.

Sulla strada per un reddito base incondizionato

Un problema della politica sociale altoatesina è che ci sarà una divisione tra prevenzione e cura, e le competenze giuridiche e amministrative tra l´UE, lo Stato, la regione e la provincia (gestione dei distretti comunali) saranno suddivise in modo impreciso. Inoltre, c´e una confusione tra le misure a base fiscale e la copertura di contributi. I Verdi sono a favore di una fusione della previdenza e dell’assistenza socialee per una maggiore trasparenza nelle competenze di base fiscale e sicurezza a tutte/i le/i cittadine/i. In particolare:

  • La creazione di un fondo di reddito d’imposta – finanziato che comprende il reddito minimo, la salute, servizi alla famiglia, cura, l´istruzione e il sostegno all’alloggio.
  • Una fusione degli organi per il benessere sociale e i piani pensionistici a un reddito minimo a competenza nazionale ( Stato: pensione sociale, la disoccupazione, la cassa di compensazione salariale. Regione: La mobilità, i soldi, la disoccupazione. La provincia: pensione d´invalidità civile, minimo sociale, istituzioni come l´INPS) ridurre la burocrazia in un unico banco di servizio.
  • Reddito di base incondizionato per tutti i minori
  • Promuovere l´equità, le iniziative dei cittadini finanziato attraverso fondi aggiuntivi per previdenza complementare, assistenza e servizi sanitari.

I nostri servizi sociali hanno bisogno di fornitori sia privati che pubblici.

I servizi sociali sono delegati dallo Stato ai comuni , agli enti territoriali e in parte vengono gestiti da fondazioni e dalle organizzazioni senza scopo di lucro. I Verdi sono a favore della diversità nei servizi sociali, anche se questo ha bisogno di una governance accurata. L’assunzione di responsabilità deve venire incoraggiata, l’iniziativa consentita e la solidarietà rafforzata. Associazioni, fondazioni, cooperative sociali e altre organizzazioni senza scopo di lucro sono una risorsa per i servizi sociali pubblici e permettono e rafforzano il coinvolgimento della comunità, l’innovazione sociale, l’assunzione di responsabilità e la solidarietà. In concreto:

  • Controllo della LG 13/91 sulla riorganizzazione dei servizi sociali
  • Una maggiore autorevolezza agli enti pubblici. Allo stesso tempo, ci vuole la partecipazione nella pianificazione e nei processi decisionali degli individui e delle organizzazioni non-profit.
  • Rafforzare la cultura dell’attenzione, della semplicità, della lentezza della professionalità, della partecipazione, acquisizioni di responsabilità, le reti sociali, valorizzare le cose nel loro contesto.
  • I comuni dovrebbero finanziare organi intercomunali nell´ambito della previdenza sociale e dei servizi sociali con una quota pro capite solidale.
  • L’approvazione e l’accettazione di diverse logiche d’azione e dei risultati.
  • Assistente sociale è una professione “nascosta” nella vita quotidiana dei cittadini; vista dal basso; Empowerment; coinvolgimento.
  • Controlli e incentivi fiscali per un’occupazione regolare della cura privata
  • Accordi integrativi regionali per i dipendenti del terzo settore
  • Regole di outsourcing con pensieri di cooperazione e non di competizione contro il dumping a gare d’appalto nel settore sociale e per l’apertura e il controllo della qualità dei servizi.

 Economia per le persone – a livello locale e in modo sostenibile

Obiettivo di qualsiasi attività economica è quello di soddisfare le esigenze delle persone, non di massimizzazione del profitto. Non è il denaro e il consumo che ci rendono felici, ma soddisfare i bisogni di base, la salute fisica e il benessere mentale, l’educazione, la cultura, le reti sociali, l’autorealizzazione e le buone relazioni. Noi sosteniamo le filiere economiche regionali e società democraticamente organizzate. La crescita economica non significa prosperità per tutti, ma il consumo di risorse, il consumo di energia, lunghe distanze di trasporto, aumento delle emissioni, aumento del consumo … cicli economici regionali e piccole imprese di lavoro funzionano anche senza una grande crescita. In particolare, chiediamo:

  • Incentivi fiscali per imprese radicate sul territorio, rispettose dell’ambiente e democraticamente strutturate
  • Produzione di prodotti durevoli, riparabili, riciclabili
  • Riciclaggio regionale
  • Tassazione dei consumi energetici
  • Incentivi per il consumo sostenibile secondo i principi della permacultura: rifiutare, ridurre, riutilizzare, riparare, reciclare(evitare, ridurre, riutilizzare, riparare, reimmettere nel ciclo)

 Prestazioni familiari

 In famiglia si intrecciano il sostegno individuale e l’incentivazione di una comunità solidale. Abbiamo bisogno di:

  • Una combinazione di servizi di prestazioni e di cassa
  • Una netta separazione tra gli assegni familiari e le prestazioni di assistenza all’infanzia
  • La fusione dei tre fondi della famiglia (paese, regione, paese)
  • Cura neonati come l’assistenza sociale e l’istruzione
  • Indennità per i membri a carico della famiglia (quota esente).
  • L’agenzia della famiglia deve essere un luogo d’incontro e di riflessioni.

Diritto ad assistenza e cura

Cura e assistenza vengono garantite all’interno delle famiglie, attraverso il lavoro professionale e dalle reti sociali. Tutte queste prestazioni devono essere ugualmente riconosciute e incoraggiate:

  • Analisi degli effetti degli assegni di accompagnamento: per che cosa vengono usati? Che impatto hanno sull’occupazione e la previdenza per le donne?
  • Reti sociali e al sistema integrato di professionisti, familiari e reti sociali locali
  • Attenzione ai diritti del lavoro nell’assistenza e nella cura sanitaria.

 Migrazione

La presenza di stranieri (UE, extra UE, rifugiati) è un dato di fatto. Questo è un processo non reversibile, che ha bisogno di essere digestito con consapevolezza:

  • L’accoglienzacome espressione di impegno per i diritti umani universali e di solidarietà attraverso le frontiere
  • La migrazione è causata da esigenze politiche, umane e sociali. Culturalismo è spesso confusione ideologica. È necessario discutere in questa direzione.
  • I diritti sociali devono essere negoziati da questo punto di vista
  • Collegare maggiormente la cooperazione internazionale con le politiche rivolte all’integrazione in Sudtirolo(vedi possibili strategie d’uscita per l’emergenza profughi dal Nord Africa).

Bolzano 30/09/2012

 Tornare alla pagina iniziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Il dibattito sulle iscrizioni di bambini e bambine „non-tedeschi/e“ nelle scuole materne tedesche apre svariate questioni tipiche della politica scolastica sudtirolese degli ultimi decenni. Ora più che mai è evidente quanto la politica della separazi[...]
Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Breve guida verde nella giungla di norme Nel corso della odierna conferenza stampa del Gruppo Verde, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba e Brigitte Foppa hanno commentato la legge sull'assestamento di bilancio che verrà discussa nella sessione di Cons[...]
È tempo di cambiare!

È tempo di cambiare!

Il sistema scolastico separato è agli sgoccioli Da molti anni noi Verdi ci impegniamo con decisione per un rinnovamento radicale del sistema scolastico sudtirolese, i cui obiettivi principali, in una provincia con più gruppi linguistici, dovrebbero [...]
Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Giunta provinciale: troppe decisioni fondamentali prese a colpi di “delibere fuori sacco”. La giunta Kompatscher si era presentata annunciando un nuovo stile, caratterizzato da trasparenza e partecipazione. Nel corso del tempo queste promesse sono[...]
Convegno internazionale a Merano

Convegno internazionale a Merano

#greeningtourism – limiti e opportunità dello sviluppo turistico in Europa e sull’Arco alpino All Inclusive? Con questa domanda i Verdi del Sudtirolo hanno accolto una platea internazionale per analizzare il conflitto, ma anche le possibili simbio[...]
Ennesima omnibus

Ennesima omnibus

Meno diritti per le persone immigrate e meno garanzie sugli OGM per consumatori e consumatrici. La legge omnibus (LGE Nr. 125/17) è l’ennesimo esempio di come non si fa legislazione. Un anno fa, in occasione della omnibus precedente, il Gruppo Ver[...]
La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

Una piramide d’oro con la base d’argilla Dopo il dibattito in Commissione legislativa, giovedì 29 giugno la legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale approda in Consiglio provinciale. Le nostre valutazioni iniziali resta[...]
Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

All Inclusive? Nature and tourism between conflict and symbiosis – Questo è il titolo della conferenza internazionale organizzata dai Verdi sudtirolesi in collaborazione con i Verdi europei il prossimo fine settimana a Merano. Venerdì 23 giugno si[...]