1×10 Laboratorio di giustizia

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Iniziativa 1x10

Le tasse sono uno strumento importante

L´obiettivo di una buona politica fiscale è di contribuire a un´equa distribuzione della ricchezza, in modo da diminuire il divario tra ricchi e poveri. I Verdi si pronunciano a favore di uno spazio di manovra locale e nazionale nella politica fiscale . In particolare:

  • Rivedere il DURP (per esempio contemplare le attività aziendali), trattare contributi a persone e famiglie e rivedere determinate sovvenzioni come quelle, ad esempio, per i libri scolastici.
  • Coinvolgere le parti sociali (datori di lavoro, dipendenti e il terzo settore) nella determinazione delle tasse.
  • Usare la libertà d´azione nella determinazione del l´IMU, ad esempio, tramite un incremento di tassazione in un secondo immobile non abitato.
  • Cooperare con le autorità fiscali dello stato per combattere l´evasione fiscale e la fuga di capitale. La provincia dovrebbe controllare e, dove possibile, proclamarsi come parte civile.
  • Nessuna autonomia fiscale totale altrimenti confrontiamo pericoli di distorsioni di concorrenza tra le Regioni (ad esempio la dichiarazione auto)
  • Pretese della Provincia allo Stato: introdurre la tassazione dell’eredità, tassare il capitale e le transazioni finanziarie.

Alloggio decente e alla portata tutti

Alloggiare in Alto Adige in media è troppo caro. Spesso, una percentuale molto elevata di reddito (anche 50%) deve essere spesa in affitto nel mercato immobiliare privato in Alto Adige. Il bisogno fondamentale di alloggi sociali richiede più interesse pubblico.

Proposte concrete sono:

  • Una forte iniziativa edilizia sociale che coinvolge le comunità.
  • Ristrutturazioni ad alta efficienza energetica di edifici esistenti con nuovi modelli di finanziamento (Provincia, banche, cittadine e cittadini).
  • Gli alloggi a prezzi accessibili iniziano con l’edilizia sociale – l’edilizia sostenibile riduce il costo di costruzione e di manutenzione, inoltre fa bene alla salute (offre un clima migliore, richiede meno calore d´inverno e meno energia elettrica per cittadine e cittadine più sane e più felici)
  • Vivere nella natura, rinverdire la città: No! Ai nuovi edifici, senza orti e giardini ( anche sui tetti, ….)
  • Affidare gli appartamenti non abitati all’edilizia sociale per affittarli, e nei casi non vi sia alcuna volontà di affittare questi appartamenti a lungo termine – vengano espropriati.
  • Riconsiderare i sussidi per la : meno proprietà, più affitti.
  • Costruire in modo più facile ed economico.

Educazione, Professione e formazione professionale

Il settore pubblico dovrebbe diffondere lo slogan europeo Life Long Learning (L.L.L.) a tutti i livelli in modo più chiaro e per fornire migliori requisiti di accesso.

  • Incentivi per le imprese che investono in istruzione e formazione per creare apprendistato.
  • Non ci devono essere tagli alle istituzioni che promuovono educazione e formazione professionale.

Sanità

  • Mantenere il sistema finanziario della sanità pubblica.
  • Rafforzare e riconoscere la prevenzione e un sano stile di vita per le cittadine e i cittadini,
  • Facilitare la discussione su temi come: il senso della vita, lavoro, tempo libero, altre attività e occupazioni, alimentazione, stress, ecc.
  • Migliorare la sicurezza sul lavoro.
  • Non avere medici del servizio sanitario che esercitano contemporaneamente la professione da privato.

Sulla strada per un reddito base incondizionato

Un problema della politica sociale altoatesina è che ci sarà una divisione tra prevenzione e cura, e le competenze giuridiche e amministrative tra l´UE, lo Stato, la regione e la provincia (gestione dei distretti comunali) saranno suddivise in modo impreciso. Inoltre, c´e una confusione tra le misure a base fiscale e la copertura di contributi. I Verdi sono a favore di una fusione della previdenza e dell’assistenza socialee per una maggiore trasparenza nelle competenze di base fiscale e sicurezza a tutte/i le/i cittadine/i. In particolare:

  • La creazione di un fondo di reddito d’imposta – finanziato che comprende il reddito minimo, la salute, servizi alla famiglia, cura, l´istruzione e il sostegno all’alloggio.
  • Una fusione degli organi per il benessere sociale e i piani pensionistici a un reddito minimo a competenza nazionale ( Stato: pensione sociale, la disoccupazione, la cassa di compensazione salariale. Regione: La mobilità, i soldi, la disoccupazione. La provincia: pensione d´invalidità civile, minimo sociale, istituzioni come l´INPS) ridurre la burocrazia in un unico banco di servizio.
  • Reddito di base incondizionato per tutti i minori
  • Promuovere l´equità, le iniziative dei cittadini finanziato attraverso fondi aggiuntivi per previdenza complementare, assistenza e servizi sanitari.

I nostri servizi sociali hanno bisogno di fornitori sia privati che pubblici.

I servizi sociali sono delegati dallo Stato ai comuni , agli enti territoriali e in parte vengono gestiti da fondazioni e dalle organizzazioni senza scopo di lucro. I Verdi sono a favore della diversità nei servizi sociali, anche se questo ha bisogno di una governance accurata. L’assunzione di responsabilità deve venire incoraggiata, l’iniziativa consentita e la solidarietà rafforzata. Associazioni, fondazioni, cooperative sociali e altre organizzazioni senza scopo di lucro sono una risorsa per i servizi sociali pubblici e permettono e rafforzano il coinvolgimento della comunità, l’innovazione sociale, l’assunzione di responsabilità e la solidarietà. In concreto:

  • Controllo della LG 13/91 sulla riorganizzazione dei servizi sociali
  • Una maggiore autorevolezza agli enti pubblici. Allo stesso tempo, ci vuole la partecipazione nella pianificazione e nei processi decisionali degli individui e delle organizzazioni non-profit.
  • Rafforzare la cultura dell’attenzione, della semplicità, della lentezza della professionalità, della partecipazione, acquisizioni di responsabilità, le reti sociali, valorizzare le cose nel loro contesto.
  • I comuni dovrebbero finanziare organi intercomunali nell´ambito della previdenza sociale e dei servizi sociali con una quota pro capite solidale.
  • L’approvazione e l’accettazione di diverse logiche d’azione e dei risultati.
  • Assistente sociale è una professione “nascosta” nella vita quotidiana dei cittadini; vista dal basso; Empowerment; coinvolgimento.
  • Controlli e incentivi fiscali per un’occupazione regolare della cura privata
  • Accordi integrativi regionali per i dipendenti del terzo settore
  • Regole di outsourcing con pensieri di cooperazione e non di competizione contro il dumping a gare d’appalto nel settore sociale e per l’apertura e il controllo della qualità dei servizi.

 Economia per le persone – a livello locale e in modo sostenibile

Obiettivo di qualsiasi attività economica è quello di soddisfare le esigenze delle persone, non di massimizzazione del profitto. Non è il denaro e il consumo che ci rendono felici, ma soddisfare i bisogni di base, la salute fisica e il benessere mentale, l’educazione, la cultura, le reti sociali, l’autorealizzazione e le buone relazioni. Noi sosteniamo le filiere economiche regionali e società democraticamente organizzate. La crescita economica non significa prosperità per tutti, ma il consumo di risorse, il consumo di energia, lunghe distanze di trasporto, aumento delle emissioni, aumento del consumo … cicli economici regionali e piccole imprese di lavoro funzionano anche senza una grande crescita. In particolare, chiediamo:

  • Incentivi fiscali per imprese radicate sul territorio, rispettose dell’ambiente e democraticamente strutturate
  • Produzione di prodotti durevoli, riparabili, riciclabili
  • Riciclaggio regionale
  • Tassazione dei consumi energetici
  • Incentivi per il consumo sostenibile secondo i principi della permacultura: rifiutare, ridurre, riutilizzare, riparare, reciclare(evitare, ridurre, riutilizzare, riparare, reimmettere nel ciclo)

 Prestazioni familiari

 In famiglia si intrecciano il sostegno individuale e l’incentivazione di una comunità solidale. Abbiamo bisogno di:

  • Una combinazione di servizi di prestazioni e di cassa
  • Una netta separazione tra gli assegni familiari e le prestazioni di assistenza all’infanzia
  • La fusione dei tre fondi della famiglia (paese, regione, paese)
  • Cura neonati come l’assistenza sociale e l’istruzione
  • Indennità per i membri a carico della famiglia (quota esente).
  • L’agenzia della famiglia deve essere un luogo d’incontro e di riflessioni.

Diritto ad assistenza e cura

Cura e assistenza vengono garantite all’interno delle famiglie, attraverso il lavoro professionale e dalle reti sociali. Tutte queste prestazioni devono essere ugualmente riconosciute e incoraggiate:

  • Analisi degli effetti degli assegni di accompagnamento: per che cosa vengono usati? Che impatto hanno sull’occupazione e la previdenza per le donne?
  • Reti sociali e al sistema integrato di professionisti, familiari e reti sociali locali
  • Attenzione ai diritti del lavoro nell’assistenza e nella cura sanitaria.

 Migrazione

La presenza di stranieri (UE, extra UE, rifugiati) è un dato di fatto. Questo è un processo non reversibile, che ha bisogno di essere digestito con consapevolezza:

  • L’accoglienzacome espressione di impegno per i diritti umani universali e di solidarietà attraverso le frontiere
  • La migrazione è causata da esigenze politiche, umane e sociali. Culturalismo è spesso confusione ideologica. È necessario discutere in questa direzione.
  • I diritti sociali devono essere negoziati da questo punto di vista
  • Collegare maggiormente la cooperazione internazionale con le politiche rivolte all’integrazione in Sudtirolo(vedi possibili strategie d’uscita per l’emergenza profughi dal Nord Africa).

Bolzano 30/09/2012

 Tornare alla pagina iniziale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]