La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Una piramide d’oro con la base d’argilla


Dopo il dibattito in Commissione legislativa, giovedì 29 giugno la legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale approda in Consiglio provinciale. Le nostre valutazioni iniziali restano confermate: ha vinto la fazione che spingeva per valorizzare la punta della piramide (la parte del management) a discapito dei piani più bassi dell’amministrazione pubblica (che è la parte più progettuale). Non c’è traccia della tanto promessa democratizzazione e trasparenza.

Ecco una sintesi della relazione di minoranza con cui vi proponiamo una guida alla lettura della legge.

Il capo uno disciplina le indennità connesse agli incarichi dirigenziali. Oggi i 23 posti dirigenziali nei dipartimenti costano più di 2 milioni all’anno: gli otto capi di dipartimento e i tre intendenti scolastici guadagnano tra 77.000 e 142.000 Euro. A questi si aggiungono il direttore generale (128.700 Euro) e il segretario generale (158.200 Euro). Invece di rafforzare l’area progettuale ed esecutiva (direttori e direttori di ufficio assunti per concorso), il disegno di legge approvato va invece addirittura ad alzare il limite di indennità per i capi di dipartimento fino a 240.000 Euro. Riteniamo che per svolgere il compito di dirigenza politica siano sufficienti assessori e assessore competenti che devono saper comunicare direttamente con i dipartimenti, senza bisogno di costosi intermediari. L’indebolimento dell’anello più basso e la valorizzazione di quello più alto è il leitmotiv del disegno di legge.

Secondo noi sono i direttori e le direttrici di ufficio, nominati/e tramite concorso o altro tipo di selezione, la colonna portante della struttura dirigenziale della provincia. Diversi sono i nostri emendamenti in questo senso. La nostra proposta di fissare il tetto massimo delle indennità dirigenziali a 160.000 € è stata bocciata in commissione. La ripresenteremo in aula.

Il capo secondo definisce la relazione tra politica e amministrazione. La “dirigenza politica” viene indicata come importante anello di giuntura con l’amministrazione e viene rinominata con “pianificazione strategica”. Quella che sembra essere una correzione puramente linguistica comporta invece una confusione tra i diversi livelli. Il livello politico deve limitarsi ai compiti politici, mentre dovrebbe essere il livello amministrativo a occuparsi dell’attuazione e pianificazione strategica. In modo secondo noi corretto, il direttore/la direttrice generale verrà nominato/a dal Presidente della Giunta, ma il suo mandato viene legato a quello del Presidente.

Noi proponiamo che la dirigenza politica rimanga tale, senza ingerenze sul piano strategico. Il mandato del direttore o della direttrice generale non deve essere legato al Presidente, ma a un periodo di tempo (5 anni), la qual cosa garantirebbe maggiore indipendenza.

I capi terzo, quarto e quinto regolano gli ambiti di applicazione, le disposizioni transitorie, le abrogazioni, le disposizioni finanziarie e l’entrata in vigore. Sarebbe stata proprio questa l’occasione per abolire un vecchio residuo ad-personam dell’era Durnwalder che prevede che il capo di gabinetto del Landeshauptmann venga inserito automaticamente nell’albo dei dirigenti e aspiranti dirigenti.

Bocciato in commissione, presenteremo di nuovo in aula il nostro emendamento per abolire questo passo ormai fuori dal tempo.

In sintesi, nella lotta intestina all’amministrazione ha avuto la peggio chi spingeva per rafforzare l’anello più basso della piramide dirigenziale (direttori/direttrici di ufficio, coordinatori/coordinatrici). Non c’è alcuna traccia del tanto promesso impegno per più democratizzazione e trasparenza. Ancora una volta la giunta delude proprio in quell’impegno che nel 2013 aveva solennemente preso: la divisione tra politica e amministrazione sempre promessa ma che ancora viene negata.

Bolzano, 26.06.2017

Cons. prov.
Brigitte Foppa, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba

Relazione di minoranza:

Download (PDF, 59KB)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Tram Bolzano-Oltradige, il Consiglio provinciale approva la mozione del gruppo Verde. La scelta per il tram diventa così irreversibile

Tram Bolzano-Oltradige, il Consiglio provinciale approva la mozione del gruppo Verde. La scelta per il tram diventa così irreversibile

Con l'approvazione della mozione favorevole al Tram del Gruppo Verde, firmata in una versione modificata anche da alcuni colleghi del Gruppo Svp, il Consiglio provinciale fissa in modo definitivo la scelta di fondo di realizzare un collegamento su bi[...]
Doppia cittadinanza: come la politica è in grado di crearsi i problemi ed è poi incapace di risolverli

Doppia cittadinanza: come la politica è in grado di crearsi i problemi ed è poi incapace di risolverli

Chiediamo ai partiti al governo una linea chiara e di prendere in considerazione tutti i gruppi linguistici dell’Alto Adige nella discussione sul doppio passaporto. Durante il suo primo incontro con il Ministro degli esteri Alfano a Roma, la nuova[...]
Interrogazione: “Bike & Sci” nel parco naturale

Interrogazione: “Bike & Sci” nel parco naturale

Il 5 gennaio 2018, sull’Alpe di Siusi, si è tenuto l’evento “Bike & Sci”. La manifestazione, che vedeva in gara sulla pista Bullaccia una combinazione di motociclisti e sciatori, è stata organizzata dall’Alpe di Siusi Marketing Soc. coop. Da [...]
A Bolzano il Vertice Euregio sul traffico: tre azioni concrete invece di inutili promesse

A Bolzano il Vertice Euregio sul traffico: tre azioni concrete invece di inutili promesse

Se oggi i governatori dell’Euregio e gli/le assessori/e competenti di ambiente e trasporti si incontrano per un vertice su traffico e trasporti, vuol dire che tutti hanno preso atto della gravità della situazione del traffico sull’asse del Brennero: [...]
Disegno di legge provinciale - Democrazia diretta, partecipazione e formazione politica
I Verdi del Alto Adige – Südtirol con Liberi e Uguali

I Verdi del Alto Adige – Südtirol con Liberi e Uguali

Il Coordinamento Provinciale dei Verdi ha deciso nella sua riunione di sabato, 30 dicembre, di aderire alla Lista „Liberi e Uguali“ guidata dal Presidente del Senato Pietro Grasso e dalla Presidente della Camera Laura Boldrini. La decisione è stata [...]
Pensiamo alle  conseguenze - Posizione dei Verdi sulla doppia cittadinanza 

Pensiamo alle  conseguenze - Posizione dei Verdi sulla doppia cittadinanza 

  Partiamo dai fatti: già oggi in Europa migliaia di persone hanno un doppio passaporto. Ciò rispecchia a buon diritto la storia loro e della loro famiglia in un’Europa i cui confini sono stati continuamente attraversati. La nostra posizi[...]
Il governo ÖVP-FPÖ in Austria è fatto: comincia una trasformazione blu-turchese della vicina Repubblica - con preoccupanti conseguenze per l'Alto Adige

Il governo ÖVP-FPÖ in Austria è fatto: comincia una trasformazione blu-turchese della vicina Repubblica - con preoccupanti conseguenze per l'Alto Adige

I vertici di ÖVP e FPÖ hanno concluso velocemente la formazione del nuovo governo a Vienna. Esattamente due mesi dopo le elezioni, nasce il gabinetto Kurz-Strache. Con tre sorprese: tante nuove facce, una folta rappresentanza di donne nelle file dell[...]