La Convenzione della maggioranza

1 Flares Filament.io 1 Flares ×

DSC_0067Ieri sera il Consiglio Provinciale ha votato la legge sulla Convenzione dell’autonomia. La legge è stata scritta da SVP e PD, SVP e PD l’hanno votata. Da soli. Nonostante noi Verdi fossimo favorevoli al concetto di Convenzione (tant’è che avevamo consegnato un disegno di legge analogo 2 mesi prima della SVP), il modo di procedere a cui abbiamo assistito ci delude profondamente. Perché una Convenzione, così come viene concepita nella legge, necessita di una cultura politica specifica. La partecipazione richiede dai politici delle competenze nuove, diverse da quelle solite dei giochi di potere e del Do-ut-des. Al loro posto devono porsi l’atteggiamento dell’ascolto, l’umiltà, il rispetto delle idee altrui e la consapevolezza che le proposte degli altri possono anche essere più azzeccate delle proprie. La trattazione della legge sulla Convenzione in questo senso era un test per capire se questo nuovo spirito davvero c’è. Non lo si è percepito.

Non si è sentita nessuna brezza di novità, neanche un venticello di speranza.

Le proposte dell’opposizione sono state tutte respinte, alle solite, anzi, in parte nemmeno guardate. Non c’era nessun segnale della convinzione che le idee possano anche essere sviluppate insieme o che perlomeno possano essere valutate seriamente le idee degli altri. La maggioranza non era neanche in grado di correggere in modo coerente le proprie lacune e dimenticanze commesse nella scrittura. Gli 8 cittadini quindi resteranno schiacciati dai 3/4 di nomina politica all’interno della Convenzione. Le finalità, le modalità di lavoro, la conduzione della Convenzione restano vaghi. La scrittura della legge è rimasta al maschile – e dopo la vergognosa discussione sull’uso dell’italiano in Consiglio abbiamo assistito a un dibattito ancora piu imbarazzante sulle forme femminili nella lingua).

Con queste condizioni era prevedibile che la legge sarebbe rimasta una legge della maggioranza. Ci sono quindi tutti i peggiori presupposti per la Convenzione. L’autonomia delle cittadine e del cittadini e del pluralismo democratico si farà attendere ancora un bel po‘.

Consiglieri Provinciali Brigitte Foppa, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba

Bolzano, 20 aprile 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Iniziative popolari per la DEMOCRAZIA DIRETTA: Raccolta firme prolungata!

Iniziative popolari per la DEMOCRAZIA DIRETTA: Raccolta firme prolungata!

IMPORTANTE!!! Raccolta firme prolungata! Affrettati a FIRMARE le due iniziative popolari per la DEMOCRAZIA DIRETTA fino al 18 agosto! Il numero di firme necessario non è ancora raggiunto, per cui la scadenza è stata posticipata. Informazioni e mat[...]
Pausa sudtirolese per Cem Özdemir – con intermezzo Verde

Pausa sudtirolese per Cem Özdemir – con intermezzo Verde

Anche i candidati e le candidate alle elezioni del Bundestag si prendono una pausa estiva. Accanto alle altre personalità di spicco della politica tedesca, anche Cem Özdemir, uno dei candidati di punta dei Verdi alle prossime elezioni del Bundestag, [...]
Orientamento eco-sociale per i prossimi appuntamenti elettorali. Seminario estivo dei Verdi a Montagna

Orientamento eco-sociale per i prossimi appuntamenti elettorali. Seminario estivo dei Verdi a Montagna

Le elezioni provinciali 2018 si avvicinano in fretta. E proprio a questo tema noi Verdi Grüne Vërc abbiamo dedicato la nostra tradizionale clausura estiva che ha avuto luogo il 5 agosto sull’assolato Elsenhof a Montagna. In primo piano: un bilancio d[...]
Risparmio con il passaggio a Microsoft?

Risparmio con il passaggio a Microsoft?

Per i Verdi sarà tutto a discapito di democrazia e innovazione. Il direttore generale della SIAG Stefan Gasslitter ha spiegato in questi giorni che il passaggio del sistema informatico dell’amministrazione pubblica a Microsoft è stato voluto, tra le[...]
Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Il dibattito sulle iscrizioni di bambini e bambine „non-tedeschi/e“ nelle scuole materne tedesche apre svariate questioni tipiche della politica scolastica sudtirolese degli ultimi decenni. Ora più che mai è evidente quanto la politica della separazi[...]
Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Breve guida verde nella giungla di norme Nel corso della odierna conferenza stampa del Gruppo Verde, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba e Brigitte Foppa hanno commentato la legge sull'assestamento di bilancio che verrà discussa nella sessione di Cons[...]
È tempo di cambiare!

È tempo di cambiare!

Il sistema scolastico separato è agli sgoccioli Da molti anni noi Verdi ci impegniamo con decisione per un rinnovamento radicale del sistema scolastico sudtirolese, i cui obiettivi principali, in una provincia con più gruppi linguistici, dovrebbero [...]
Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Giunta provinciale: troppe decisioni fondamentali prese a colpi di “delibere fuori sacco”. La giunta Kompatscher si era presentata annunciando un nuovo stile, caratterizzato da trasparenza e partecipazione. Nel corso del tempo queste promesse sono[...]