It’s rainin’ again.

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

FlashMobLe proposte verdi per migliorare le condizioni di lavoro del personale delle scuole materne.

Ieri le maestre delle scuole materne si sono riunite ancora una volta sotto la pioggia davanti al Consiglio provinciale. Hanno protestato contro l’aumento di lavoro e responsabilità e hanno ribadito l’importanza delle scuole materne nel percorso di formazione di bambini e bambine.

La protesta delle maestre, in seguito alle quali ci sono state alcune reazioni da parte della giunta, fa capo anche alla legge sull‘istruzione che verrà discussa oggi in Consiglio provinciale. I Verdi hanno trovato il modo di portare in aula il dibattito sulla situazione del personale delle scuole materne.

In un primo momento abbiamo fatto il punto della situazione grazie a diverse interrogazioni con cui abbiamo potuto appurare l’impressionante mole di lavoro che grava oggi sulle insegnanti delle scuole materne: il limite di sopportazione è stato superato e le nostre proposte dovranno essere tenute in considerazione anche in futuro.

Abbiamo preparato due emendamenti alla legge che riguardano:

  1. La dotazione del personale per sezione. La legge provinciale del 16 luglio 2008, n. 5 dice che per ogni sezione “sono assegnati due insegnanti, di cui una o uno in possesso del relativo titolo di specializzazione, ed una collaboratrice pedagogica o un collaboratore pedagogico.” Al momento questo passo viene interpretato in modo che i posti di insegnante e di collaboratrice pedagogica possono essere anche part-time e quindi non devono essere integrati con ulteriore personale. Questa grave interpretazione della legge è concausa dell’attuale carico di lavoro. Spesso infatti c‘è solo una persona a dover gestire un gruppo di più bambini. Le implicazioni anche di responsabilità legale possono essere pesanti. I due posti di lavoro devono quindi essere intesi come equivalenti al 100%.
  2. La grandezza massima delle sezioni deve essere ridotta da 25 a 20 bambini. La grandezza attuale delle sezioni con un massimo di 25 bambini comporta regolarmente il superamento del limite di sopportazione da parte del personale. Nell’articolo 6 della legge provinciale del 16 luglio 2008, n. 5 la grandezza massima delle sezioni di 25 bambini deve essere sostituita con 20.

In più abbiamo presentato un ordine del giorno (mozione relativa alla legge) in cui chiediamo al Consiglio e alla Giunta i seguenti provvedimenti:

  • Dare ascolto a rappresentanti di scuole materne, genitori e sindacati in una audizione in Consiglio provinciale.
  • Accanto a provvedimenti immediati per il nuovo anno scolastico nella legge di bilancio 2017 aumentare il personale nelle scuole materne in modo che alleggerisca davvero la mole di lavoro.
  • Iniziare immediatamente la trattativa sul contratto di categoria per il personale delle scuole materne.

Insieme alle maestre che ieri hanno di nuovo alzato la loro voce, pensiamo che così non si possa continuare. Questa professione che ricopre un ruolo chiave nel percorso di crescita di bambine e bambini deve essere valorizzata tenendo pienamente conto della prestazione innovativa portata nelle scuole materne in questi ultimi anni. Esprimiamo la nostra solidarietà al personale delle scuole materne e chiediamo alla giunta di ascoltare le richieste delle maestre con un nuovo regolamento sul numero dei posti di lavoro in relazione al numero di bambini da accudire e con la loro parificazione anche in termini di stipendio con gli/le insegnanti delle scuole elementari.

09.06.2016

L.Abg.
Brigitte Foppa
Hans Heiss
Riccardo Dello Sbarba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]