Inceneritore senza carburante: arriverà “combustibile da rifiuto” dal Trentino?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

INTERROGAZIONE

Muell_artikelBoxSembra che il nuovo inceneritore di Bolzano riceva dal 30% al 40% di rifiuti in meno rispetto alla quantità ottimale per il suo funzionamento. Com’è noto il Trentino ha intanto rinunciato a costruire un suo inceneritore. Il nuovo assessore trentino Mauro Gilmozzi ha perciò auspicato “una maggiore integrazione tra Alto Adige e Trentino” per quanto riguarda la politica dei rifiuti. Altrimenti detto: il Trentino trasformerebbe il suo rifiuto secco in Css, cioè combustibile da rifiuto – Combustibile solido secondario (CSS) – , che potrebbe essere poi incenerito a Bolzano. Anche il governatore trentino Ugo Rossi ha dichiarato di aver inviato a Bolzano una simile proposta. Il progetto partirebbe a metà 2014, anche in considerazione dell’imminente esaurimento delle discariche disponibili in Trentino.

Va ricordato che la nostra legge provinciale vieta l’importazione di rifiuti da fuori provincia.

Considerato tutto ciò,

Si chiede:

  • Gli amministratori Gilmozzi e/o Rossi hanno davvero avanzato alla Provincia proposte che prevedano l’incenerimento del loro rifiuto secco, come tale o in forma di Css, nell’inceneritore di Bolzano?
  • Se sì, qual’era esattamente la proposta e che cosa ha risposto la Provincia di Bolzano?
  • A quali normative generali è sottoposto il Css? Non è più considerato vero e proprio rifiuto? E che trattamento è consentito?
  • Il Css è compreso dalla norma di legge altoatesina che vieta l’importazione di rifiuti da fuori provincia, oppure tali materiali non rientrano nelle fattispecie pdella nostra legge, per cui non ne sarebbe vietata l’importazione?
  • Ritiene la provincia di Bolzano che, se perdurasse l’attuale penuria di “carburante” per l’inceneritore di Bolzano, l’utilizzo di Css o “combustibile da rifiuto” possa essere presa in considerazione per portare l’impianto al suo funzionamento ottimale? Se sì, con quali ragioni e in base a quali bilanci ambientali, energetici ed economici?

Cons. provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hans Heiss

Bolzano, 22.11.2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]