Inceneritore di Bolzano: è stata mai stipulata un’intesa ufficiale tra Provincia e Comune?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

INTERROGAZIONE

Inceneritore: è stata mai stipulata un’intesa ufficiale e scritta tra Provincia e Comune di Bolzano?

Muellverbrennungsanlage_artikelBoxNel comune di Bolzano si continua a discutere del nuovo inceneritore, della sua gestione, delle condizioni alle quali la stessa amministrazione comunale ha accettato a suo tempo la realizzazione dell’impianto sul proprio territorio e se queste condizioni siano rispettate oppure no. Spesso la discussione si svolge sulla base di ipotesi e opinioni, o su ricordi dei protagonisti di allora, e quasi mai su documenti ufficiali. Come si sa, la decisione sulla costruzione dell’inceneritore a Bolzano risale agli anni a cavallo del 2000. Esistono diverse delibere approvate dal consiglio comunale di Bolzano in cui si indicava coma da sottoscrivere, o già sottoscritta (e da verificare nella sua attuazione o da modificare) una citata “intesa con la Provincia”, di cui però non si riesce ad avere copia.

Si chiede:

  1. La Provincia e il Comune di Bolzano hanno mai sottoscritto una o più intese ufficiali e scritte sul tema della realizzazione e gestione dell’inceneritore di Bolzano?
  2. Se sì, in quale data e quali firme riportava/no l’intesa o le diverse intese? Nel caso tali intese siano state sottoscritte SE NE CHIEDE COPIA INTEGRALE.
  3. Se invece non esistono intese ufficiali e scritte tra le due amministrazioni, perché ciò non è avvenuto per un tema così rilevante?
  4. E allora, con quali atti e quando la Provincia ha preso accordi col Comune di Bolzano sul tema inceneritore e cosa prevedevano tali accordi?
  5. Altrimenti: con quali atti ufficiali e quando il Comune di Bolzano ha dato il suo sì alla costruzione dell’inceneritore? Facendo questo il comune ha sottoposto il suo sì a condizioni? Se sì, a quali condizioni? Sono poi state realizzate queste condizioni?

Bolzano, 23.1.2014

Cons. Provinciali

Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hans Heiss

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]