Inaccettabile cambiare con legge i contratti di lavoro

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Legge sul personale: la posizione dei Verdi

source: http://www.provincia.bz.it/personale/default.asp

source: http://www.provincia.bz.it/personale/default.asp

Questa mattina la prima commissione legislativa ha iniziato a discutere i 53 articoli della nuova legge sul personale. La riunione di oggi è stata preceduta da alcuni incontri della Giunta provinciale con i sindacati e dall‘audizione di ieri per la commissione, organizzata e comunicata letteralmente all‘ultimo minuto. In generale viene apprezzata (anche da noi Verdi) l‘intenzione di unire i vari testi legislativi in una sorta di testo unico. Per contro non possiamo però dirci d‘accordo con la modalità con cui in varie parti della legge si interferisce per legge nella sfera dei contratti collettivi. In questo modo il legislatore si pone a senso unico sopra un contratto che invece deve essere negoziato da due parti – altrimenti non è più un contratto.

Abbiamo preparato 59 emendamenti che tra le altre cose contengono miglioramenti sui seguenti 7 punti critici:

  1. Preservare i contratti collettivi: emendamenti per eliminare tutti gli articoli che devono essere lasciati alla negoziazione all‘interno del contratto collettivo, in modo particolare per quanto riguarda i diritti sindacali, il regolamento disciplinare e il codice di comportamento.
  2. Mobilità dei dipendenti pubblici: L‘allungamento delle possibili tratte di percorso verso il posto di lavoro di buoni 50 km (!) è una grave interferenza nella quotidianità lavorativa, specialmente per le donne che già troppo spesso hanno una tabella di marcia giornaliera intensa. Le tante promesse della Giunta per quanto riguarda la compatibilità e la professione, con queste misure, si trasformano in bugie. Noi chiediamo di eliminare questo articolo o per lo meno una mitigazione.
  3. Trattamento economico legato alla produttività individuale: Qui deve essere inserita l‘applicazione trasparente della norma, altrimenti può diventare uno strumento di potere.
  4. Permessi per mandato politico: Il dato di fatto che consigliere e consiglieri comunali non potranno più avere diritto al tempo per preparare le sedute del Consiglio comunale, è una punizione non accettabile contro l’impegno politico di consigliere e consiglieri. Un buon lavoro in Consiglio comunale richiede tempo e approfondimenti, soprattutto, anche se non solo, per chi lavora all‘opposizione. Si potrebbe addirittura pensare che proprio qui si vogliano vanificare gli sforzi e il potenziale. Non sono buoni presupposti per le elezioni comunali 2015! Noi chiediamo che si conservino i permessi, così che almeno i/le dipendenti provinciali possano prendere davvero sul serio anche in futuro la loro eventuale funzione di consigliere/a. Altrimenti i consigli verranno presto occupati da una riserva di benestanti, pensionate/i e/o di partecipanti non preparati/e.
  5. Il diritto a corsi di aggiornamento deve restare assicurato.
  6. Non è interessante sapere le azioni di cui dispongono i „parenti“ dei dipendenti pubblici.
  7. E non ci sembra corretto che solo a chi ha un‘occupazione extraservizio legata all‘agricoltura sia permesso di sforare il limite del quinto dell‘orario di servizio settimanale.

Grande irritazione aveva provocato in un primo momento il fatto che alle collaboratrici, ai collaboratori e ai/lle giornalisti/e „privati/e“ della Giunta venissero riservate posizioni privilegiate. Vediamo con favore il fatto che anche la stessa Giunta abbia ammesso che un tale articolo non fosse opportuno.

Infine ricordiamo le proteste dei/lle dipendenti pubblici/he del 2012 contro le misure di risparmio che si riversavano sul personale. Ora costi aggiuntivi di 1,5 milioni devono essere risparmiati di nuovo sul personale. Se si pensa che proprio ieri sono stati destinati 20,5 milioni per la manutenzione delle strade, ci sembra che le priorità della Giunta siano passibili di qualche correzione.

 

Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss

BZ, 12.3.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]