Il Referendum sul Rio Ram esprime, nonostante tutto, una forte volontà di tutelare un fiume ancora intatto

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

2011-0207-rambach-filmarbeiten-24

Dopo Malles, anche il comune di Tubre in Val Monastero si è espresso con un referendum sulla costruzione di una centrale idroelettrica sul Rio Ram. Il risultato non poteva essere più risicato: 51,43% a favore e 48,2% contro, rappresentano praticamente un pari. L’alta partecipazione del ca. 50% degli aventi diritto rappresenta ad ogni modo un’ulteriore vittoria della democrazia diretta.

Va soprattutto ringraziato l’impegno e la caparbietà degli ambientalisti, che, nonostante il voto anticipato per il sì a Malles pochi mesi fa, hanno combattuto fino all’ultimo per proteggere uno dei pochi corsi d’acqua dell’arco alpino rimasto ancora in condizioni naturali. In queste condizioni, che comunque il 48,2% della popolazione di Tubre abbia votato per la tutela del Rio Ram, in un comune che potrebbe beneficiare molto dal suo sfruttamento, mostra la maturità e l’affetto di molti cittadini per il proprio torrente.

 A loro e agli ambientalisti, soprattutto all’Associazione tutela ambiente Val Venosta, va il ringraziamento di tutta la provincia, poiché a Tubre, nonostante la sconfitta, è stata data una bella lezione a chi predica la necessità di uno sfruttamento senza limiti delle acque.

 Il vero problema è che la Provincia non dispone ancora di un piano di tutela delle acque degno di questo nome e di un piano che preveda i luoghi e le aree in cui si possono o meno realizzare ulteriori centrali idroelettriche. Così tutto rimane sotto la responsabilità dei singoli comuni con il rischio che si scateni la “corsa all’oro bianco”.

 ADESSO:

  • I Comuni di Malles e di Tubre dovrebbero prendere in considerazione, oltre ai loro progetti energetici, anche l’opzione di sospendere ogni decisione, poiché – come conseguenza dello scandalo SEL – le carte verranno certamente rimescolate a favore dei comuni nella partita dell’energia.
  • Inoltre, la Provincia deve riscrivere ex novo un serio Piano per la tutela delle acque e definire un piano di distribuzione delle centrali idroelettriche. Fino ad allora è assolutamente necessario decidere una moratoria, fermando la realizzazione di nuovi impianti.

 

Bolzano, 8 aprile 2013

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]