Il Referendum sul Rio Ram esprime, nonostante tutto, una forte volontà di tutelare un fiume ancora intatto

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

2011-0207-rambach-filmarbeiten-24

Dopo Malles, anche il comune di Tubre in Val Monastero si è espresso con un referendum sulla costruzione di una centrale idroelettrica sul Rio Ram. Il risultato non poteva essere più risicato: 51,43% a favore e 48,2% contro, rappresentano praticamente un pari. L’alta partecipazione del ca. 50% degli aventi diritto rappresenta ad ogni modo un’ulteriore vittoria della democrazia diretta.

Va soprattutto ringraziato l’impegno e la caparbietà degli ambientalisti, che, nonostante il voto anticipato per il sì a Malles pochi mesi fa, hanno combattuto fino all’ultimo per proteggere uno dei pochi corsi d’acqua dell’arco alpino rimasto ancora in condizioni naturali. In queste condizioni, che comunque il 48,2% della popolazione di Tubre abbia votato per la tutela del Rio Ram, in un comune che potrebbe beneficiare molto dal suo sfruttamento, mostra la maturità e l’affetto di molti cittadini per il proprio torrente.

 A loro e agli ambientalisti, soprattutto all’Associazione tutela ambiente Val Venosta, va il ringraziamento di tutta la provincia, poiché a Tubre, nonostante la sconfitta, è stata data una bella lezione a chi predica la necessità di uno sfruttamento senza limiti delle acque.

 Il vero problema è che la Provincia non dispone ancora di un piano di tutela delle acque degno di questo nome e di un piano che preveda i luoghi e le aree in cui si possono o meno realizzare ulteriori centrali idroelettriche. Così tutto rimane sotto la responsabilità dei singoli comuni con il rischio che si scateni la “corsa all’oro bianco”.

 ADESSO:

  • I Comuni di Malles e di Tubre dovrebbero prendere in considerazione, oltre ai loro progetti energetici, anche l’opzione di sospendere ogni decisione, poiché – come conseguenza dello scandalo SEL – le carte verranno certamente rimescolate a favore dei comuni nella partita dell’energia.
  • Inoltre, la Provincia deve riscrivere ex novo un serio Piano per la tutela delle acque e definire un piano di distribuzione delle centrali idroelettriche. Fino ad allora è assolutamente necessario decidere una moratoria, fermando la realizzazione di nuovi impianti.

 

Bolzano, 8 aprile 2013

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Partenza ecosociale verso gli appuntamenti elettorali - commiato e nuove elezioni all’assemblea provinciale verde

Partenza ecosociale verso gli appuntamenti elettorali - commiato e nuove elezioni all’assemblea provinciale verde

C’era un fitto ordine del giorno all’assemblea provinciale verde il 27 maggio 2017 nella sala di Rappresentanza del Comune di Bolzano. Hans Heiss è stato salutato con una Standing Ovation dopo 14 mesi di co-portavoce. Sono seguite le votazioni.[...]
Salvata la pace domenicale

Salvata la pace domenicale

Legge omnibus: la Giunta provinciale voleva autorizzare i cantieri rumorosi anche nei giorni festivi. Grazie a un emendamento dei Verdi il passo è stato eliminato! Oggi si è riunita la 2 commissione legislativa del Consiglio provinciale per discut[...]
Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: il peggioramento delle conoscenze della seconda lingua tra gli/le studenti non è un incidente di percorso, ma un difetto del sistema Sudtirolo. Le proposte verdi. L’analisi approfondita realizzata da Kolipsi mostra un risultat[...]
Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

In questi giorni in Alto Adige si discute sul provvedimento spropositato e sproporzionato del Governo che prevede 12 vaccini obbligatori con multe draconiane in caso di inadempimento. Noi Verdi sudtirolesi ci siamo sempre impegnati per la libertà di [...]
Lasciamo crescere l’erba

Lasciamo crescere l’erba

No all'uso di erbicidi a livello provinciale e comunale I Verdi presentano un disegno di legge e una proposta di mozione per limitare l’utilizzo di erbicidi che metteranno a disposizione di rappresentanti comunali. In alcuni casi si è arrivati ad[...]
Una piramide d’oro con la base d’argilla

Una piramide d’oro con la base d’argilla

Il nuovo disegno di legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale punta sugli alti dirigenti. Questo a discapito di competenza ed equità sociale – e con indennità fino a 240.000 Euro! Il 18 maggio la giunta provinciale ha app[...]
Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

La Giunta provinciale ha annunciato un giro di vite sui sussidi “aggiuntivi”, che andranno d’ora in poi riservati solo a chi “mostra volontà di integrazione”. L’annuncio si riferisce all’articolo 18 della legge Omnibus n. 125/2017 che verrà discusso [...]
DAI COMUNI
Appuntamenti
07/06/2017
09/06/2017
10/06/2017
11/06/2017