Il grande esodo dagli assessorati

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Pyramide L’auto-eliminazione dei direttori di dipartimento è un chiaro segnale che sono superflui 

Nel congratularci con il Comune di Bolzano per la scelta del nuovo direttore generale Andrea Zeppa vogliamo ribadire i nostri dubbi sul senso dei direttori di dipartimento.

Già a inizio anno in un’interrogazione consiliare („La piramide dorata“) abbiamo sollevato la problematicità dei direttori di dipartimento. Questi ufficialmente hanno la funzione di anello di congiunzione tra politica ed amministrazione. In realtà però si tratta di chiamate esclusivamente politiche e spesso servono per piazzare persone dall’entourage dei partiti di maggioranza. L’effetto-domino dell’abbandono dei direttori, mai visto prima in questà entità (sono già „caduti“ 5 su 8 direttori di dipartimento di questa giunta!) lo conferma in maniera fin troppo evidente.

Secondo noi sono propio superflui. Superflui e cari. Una brava assessora o un bravo assessore deve essere in grado, assistito dal/la referente personale, di interagire con i 4-5 direttori di ripartizione del suo assessorato per gestire la guida politica dell’amministrazione. Ricordiamo i costi: nel 2015 i direttori di dipartimento guadagnarono tra i 76.954,48 Euro (Carmen Plaseller, chiamata nel corso dell‘anno) e 142.716,05 Euro (Valentino Pagani) risp. 158.233,53 Euro (Eros Magnago). A queste cifre vanno aggiunte quelle dei referenti personali (complessive 559.000 Euro nel 2014).

Ciò significa che 23 persone gravano con oltre  2milioni l’anno sulla spesa pubblica. Nel momento che in tutta la provincia c’è un violento dibattito sulle necessarie priorità politiche ed economiche da porre, bisogna urgentemente ridiscutere il senso dei direttori di dipartimento.

La legge sugli incarichi dirigenziali che è in fase di preparazione ne offrirà occasione. La direzione da intraprendere sarebbe certamente quella di rafforzare la posizione dei direttori e delle direttrici d’ufficio. Innovazione, leadership, sviluppo: normalmente nascono lì dove si elaborano i progetti, quindi bisognerebbe puntare con forza sul management medio. Ma temiamo che alla fine saranno proprio rivalutati i piani più alti – dove è più facile e immediato l’intervento politico.

Sarebbe questo, comunque un fatale segno di debolezza – peraltro già testimoniato dai „fuggitivi“ direttori di dipartimento… che, uno dopo l’altro, scappano via dalla sfera d’influenza dei loro capi politici.

 

                                                                                                                                 22.07.2016

Consiglieri provinciali

Brigitte Foppa, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

L'atteggiamento ballerino della SVP sulla doppia cittadinanza è un flirt rischioso con i secessionisti. La lettera firmata da 19 consiglieri al governo austriaco sulla doppia cittadinanza ha fatto scalpore... non tanto per i contenuti, quanto piut[...]
Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Oggi i consiglieri comunali della Lega a Bolzano hanno distribuito ai passanti delle finte banconote da 1000 Euro con l’immagine dell’assessora Maria Laura Lorenzini. Questa azione  vuole portare l’attenzione (e l’odio!) della gente sull’iniziativa[...]
Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]