I Verdi per una scuola multilingue per tutti!

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

scuole

Luis Durnwalder ne ha tirata fuori un’altra delle sue: propone di creare un’apposita scuola per bambine e bambini che hanno una lingua madre diversa dal tedesco, dall’italiano o dal ladino, una scuola trilingue solo per loro, una scuola separata perché „non pesino più sulle scuole italiane e tedesche“ e perché possano impadronirsi di entrambe le lingue maggioritarie del territorio. Incredibile, ma vero! Verrebbe quasi da dire: perché gli stranieri sì e gli altri no?

Se non fossero chiari gli obiettivi discutibili e la volontà di ghettizzazione, la proposta sarebbe addirittura incoraggiante: finalmente, grazie agli “stranieri”, si apre uno spiraglio per una scuola plurilingue, così come tanti cittadini e cittadine sudtirolesi auspicano da molto tempo, per far diventare i loro figli e le loro figlie dei cittadini e cittadine europee esemplari e aperte al mondo!

Il rischio invece che si riduca alla creazione di ghetti per stranieri è grande e contrasta con tutta la politica portata avanti dalla stessa Provincia e con i principi della recente „legge sull’integrazione“ che addirittura fissava quote sia nella composizione delle classi che nell’assegnazione degli alloggi sociali affinché non si creassero ghetti separati e „società parallele“.

Se la proposta di Durnwalder intende „liberare“ dai migranti le scuole dei „nostri figli“ e far loro apprendere le lingue in un contesto separato, asettico e “paritetico”, per evitare che poi le famiglie migranti si dichiarino in maggioranza italiane, cosa effettivamente successa all’ultimo censimento, i Verdi si dichiarano fermamente contrari.

Che molte classi siano ampiamente “miste”, soprattutto all’asilo e alle elementari, è una verità, ma è il risultato del cocciuto rifiuto della politica dominante di rispondere al desiderio di plurilinguismo delle famiglie con l’unica soluzione sensata: una scuola multilingue, ma per tutti e tutte!, come offerta aggiuntiva alla scuola in madrelingua.

E questa è da anni la proposta dei Verdi: una scuola dove tutti, dai bidelli a chi insegna fino a chi dirige, ma soprattutto i bambini e le bambine, siano di tutte le lingue di questa provincia, una scuola che faccia della formazione di persone plurilingui il suo scopo fondamentale, una scuola istituita e pensata dalle tre intendenze scolastiche come progetto comune in una visione pienamente europea. Una scuola che potrebbe diventare esemplare in tutta Italia, che indichi la via su come valorizzare in tutto il sistema scolastico, in cui ancora fortunatamente vige la libertà di scelta, quel bagaglio di conoscenze in più che tanti bambini bi- o addirittura trilingui fin dalla nascita portano con sé e che fino a oggi vengono considerati solo come pesanti zavorre.

Consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]