Governo regionale: trattative scandalose

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Giunta regionale sede TrentoIn questi giorni assistiamo allibiti alle trattative per la formazione della Giunta regionale. Il punto cruciale, è ormai chiaro a tutti, si chiama Roberto Bizzo. Per quanto importante possa essere una sistemazione soddisfacente per il Vicepresidente del Consiglio provinciale all’interno della coalizione di governo, facciamo notare che il destino di un solo politico non può bloccare in questo modo scandaloso la formazione di una giunta.

Il Consiglio regionale è bloccato, la discussione politica sta degenerando e l‘opinione pubblica scrolla le spalle e si distanzia sempre piú da questa cultura politica che dovrebbe appartenere al passato, così come troppe volte annunciato.

Il diabattito deprimente sulle quote di genere poi non è un dettaglio, ma un aspetto importante di tutta la vicenda. Così come viene trasmesso, sembra quasi che il rispetto delle quote rosa sia un peso ingombrate da rifilare ai vari partner piú deboli. Che la presenza di una (1) assessora nel governo possa essere vista come un arricchimento della squadra non passa nemmeno per l‘anticamera del cervello di chi al momento detiene il potere.

Chiediamo ai partner di governo di chiudere al più presto queste trattative deprimenti e indegne e di presentare finalmente una squadra di governo degna di questo nome, che rispetti le aspettative di cittadini e cittadine.

Brigitte Foppa
Hans Heiss
Riccardo Dello Sbarba

Consiglieri regionali Verdi Grüne Verc

Bolzano Bozen, 6.2.2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]