Giudichiamoli dai fatti

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

2014 10 16 PressekonferenzKonvent-ConvenzioneIl dibattito consigliare sarà un banco di prova per la legge sulla Convenzione.
Questa settimana il Consiglio provinciale decide sulla legge per la Convenzione sull‘autonomia. Di per sé si tratta di un momento storico che potrebbe segnare l‘inizio di una nuova epoca per la nostra autonomia. Primo passa di una nuova era, nella quale i grandi cambiamenti non vengono più decisi a porte chiuse, ma nella quale sono le cittadine e i cittadini a essere le esperte e gli esperti del loro territorio, ricoprendo un ruolo decisivo nelle scelte che riguardano il futuro della nostra provincia.

Per la Convenzione sull’autonomia ci sono due disegni di legge. Già a ottobre 2014 noi Verdi abbiamo consegnato la nostra proposta, a dicembre è arrivata quella di SVP-PD. Entrambi i disegni di legge si basano su proposte della Rete per la partecipazione e propongono una assemblea composta da rappresentanti della democrazia rappresentativa, da esperti ed esperte e da una rappresentanza di cittadine e cittadini. La proposta della SVP è meno dettagliata rispetto alla nostra e riduce la rappresentanza dei cittadini a un numero minimo.

Il nostro disegno di legge, però – proprio seguendo il „vecchio“ stile SVP – non è nemmeno arrivato alla discussione per articoli nella commissione legislativa ed è stato bocciato dalla maggioranza. Ora vogliamo verificare nel dibattito in Consiglio provinciale quanto serio sia l‘impegno della maggioranza verso una „ampio coinvolgimento“ e verso un „approccio partecipativo“. I banchi di prova non mancheranno:

  1. Noi proponiamo che i due disegni di legge (Foppa/Heiss/Dello Sbarba e Steger/Bizzo) vengano discussi insieme. Un vero approccio „aperto“ prenderebbe il meglio da entrambe le bozze per creare la legge migliore possibile. Sinora non abbiamo riscontrato alcun tentativo di incontro.
  2. Per contribuire in ogni caso al miglioramento della legge SVP-PD, abbiamo preparato 51 emendamenti. La metà sono variazioni linguistiche, poiché la rappresentanza femminile della cittadinanza è stata completamente dimenticata. Speriamo che gli emendamenti linguistici vengano accolti interamente.
  3. Una seconda serie di emendamenti prova a risolvere deficit e mancanze riscontrabili nella legge SVP. Anche perché mancano gli obiettivi e una definizione del documento finale perseguito: proponiamo di definire in modo chiaro entrambi („Obiettivo della Convenzione è la riforma dello statuto di autonomia. I suoi compiti consistono quindi nell’individuare e ridefinire i temi della convivenza all’interno della Provincia autonoma di Bolzano o di singoli suoi territori, della Regione Trentino-Alto Adige/Südtirol, dell’Euregio Tirolo Alto-Adige Trentino, della Repubblica italiana e della comunità internazionale, che nello Statuto di autonomia sono disciplinati in un modo non più adeguato ai tempi. Nell’ambito della Convenzione si possono affrontare tutti i temi che emergeranno in questo contesto. A tale riguardo la Convenzione elabora soluzioni che vanno a integrare l’attuale Statuto oppure anche a sostituirlo in alcune sue parti.“ e „Al termine dei lavori della Convenzione, quale documento conclusivo, viene elaborato un disegno di legge di riforma dello Statuto di autonomia, composto da una introduzione e da diversi articoli, da sottoporre al Consiglio provinciale. Il disegno di legge è messo ai voti secondo il procedimento di cui all’art. 103 dello Statuto di autonomia.“). La formulazione molto vaga della bozza SVP non è un mandato serio alla Convenzione.
  4. Altri emendamenti riguardano la composizione dell’assemblea. Noi proponiamo di raddoppiare il numero di cittadini e cittadine e di ridimensionare invece quello dei politici e delle politiche di professione. Riteniamo inoltre che il coinvolgimento dei Comuni dell‘Euregio sia più importante rispetto a quello di imprenditori e sindacati che rappresentano comunque solo una parte di lavoratrici e lavoratori. E deve essere garantita una composizione giusta ed equilibrata dal punto di vista della rappresentanza di genere e linguistica.
  5. In conclusione critichiamo le modalità di lavoro della Convenzione che nella proposta SVP-PD viene solo abbozzata e lascia aperti molti problemi. La nostra bozza offre a questo proposito delle proposte più che valide. Ad ogni modo è comunque necessario offrire il massimo della trasparenza con la trasmissione delle sedute in streaming e con la pubblicazione online dei documenti elaborati dalla Convenzione, fare un buon lavoro di comunicazione e di informazione, creare un collegamento con il Trentino e infine creare le condizioni per una buona conciliazione tra famiglia, lavoro e attività della Convenzione.

Se la maggioranza mostrerà disponibilità a trovare dei punti di incontro sui 5 punti sopra elencati, sosterremo il progetto di legge SVP-PD secondo una logica di collaborazione costruttiva. Ma se invece prevarranno i giochi di forza e di potere non lo sosterremo. Questo dibattito sulla Convenzione offre alla maggioranza l’occasione di mostrare quanto sia sincera la disponibilità a superare i vecchi schemi e a osare qualche cosa di veramente nuovo.
Questo qualcosa di nuovo, una vera Convenzione per l’autonomia, prenderà vita solamente nel momento in cui verrà sostenuto da una maggioranza politica larga che superi i partiti di governo. Se invece il sostegno sarà garantito dai soli partiti di maggioranza, l’intero processo sarà destinato a fallire.

Cons. prov.
Brigitte Foppa
Hans Heiss
Riccardo Dello Sbarba

BZ, 14.4.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]