Girarci intorno, rimuovere, scaricare: così non può andare avanti, assessora Stocker!

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Girarci intorno, rimuovere, scaricare: sulla ricostruzione delle circostanze che sono costate la vita al giovane Adan. Così non può andare avanti, assessora Stocker! L’agenda profughi deve passare al Presidente Kompatscher.

Durante l’odierna conferenza stampa della Giunta provinciale l’assessora Stocker ha preso posizione sulla morte di Adan, tredicenne profugo curdo. L’assessora ha rigettato ogni responsabilità sua e della giunta provinciale e ha affermato che la famiglia, nonostante la famosa “Circolare Critelli”, avrebbe potuto almeno provvisoriamente essere accolta.
Con queste parole la tragedia di questo bambino sconfina ancora di più nell’assurdo e il simbolo del fallimento della politica per i profughi della Provincia di Bolzano.
Se per la Provincia il principio di umanità valesse prima di tutto, e senza se o ma, non si sarebbe verificata la catena di avvenimenti che è costata la vita al giovane Adan.

Non è assolutamente accettabile che nella sua ricostruzione dei fatti l’assessora scarichi verso il basso la responsabilità (“Il SIS è autonomo in questa sua prima valutazione”) e addirittura sembri dare la colpa alle volontarie e ai volontari (“In base alla comunicazione che a tutta la famiglia era stato procurato una sistemazione, non è stata fatta alcuna ulteriore ricerca di sistemazione. Se una simile necessità fosse stata comunicata, dal SIS, in base alle informazioni più aggiornate, sarebbe sicuramente stata fatta una ulteriore valutazione per l’accoglienza”), o paradossalmente chiami in causa perfino la famiglia (“Se poi qualcuno si è mosso autonomamente dall’Hotel Adria verso qualche altra parte, questa è una sua libera decisione”).

Noi vogliamo ricordare che – in mancanza di un’accoglienza da parte delle competenti istituzioni pubbliche! “ le volontarie e i volontari hanno raccolto denaro per garantire alla famiglia una sistemazione pur precaria e che le stesse persone volontarie sono state quelle che per un’intera settimana si sono occupate di questa famiglia in stato di grave difficoltà. Scaricare indirettamente su queste persone generose anche la minima responsabilità, addirittura da parte dell’onnipotente amministrazione provinciale che in base alle proprie normative sia politiche che burocratiche è in grado di decidere accoglienza o respingimento delle persone, è assolutamente inaccettabile e di bassissimo profilo.

E’ ormai chiaro che l’assessora non è in grado di gestire l’agenda profughi, o viene mal consigliata. Questo difficile fenomeno sociale non può essere affrontato con certe giustificazioni e il cinismo burocratico. Invece di scaricare la colpa verso il basso, l’assessora dovrebbe cedere le sue competenze verso l’alto: è tempo che la responsabilità delle politiche sui profughi se la assuma direttamente il Presidente Kompatscher!

Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Le associazioni sono apartitiche – basta con la propaganda elettorale!

Le associazioni sono apartitiche – basta con la propaganda elettorale!

Domani, giovedì 19 ottobre 2017 la prima commissione regionale tratterà il nostro disegno di legge n.34 con cui vogliamo affrontare l’increscioso tema della pubblicità elettorale da parte delle associazioni. Ricordiamo: già qualche tempo fa il[...]
L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

L’Austria in turchese-blu e le conseguenze per l’Alto Adige

Gli stravolgimenti delle elezioni nazionali austriache hanno superato tutte le aspettative: la lista Kurz (una volta ÖVP) ha concluso alla grande con una campagna super-egocentrica, la FPÖ è ritornata alle vette dei tempi di Haider, la SPÖ ha chi[...]
Cinque smentite all’assessora Stocker

Cinque smentite all’assessora Stocker

La tragica vicenda del bambino profugo curdo morto a Bolzano ha sollevato in tutto l’Alto Adige una forte emozione. Ciò dovrebbe portare i responsabili politici e amministrativi a un profondo esame di coscienza. Al contrario, l’assessora Stocker cont[...]
L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

L’ennesimo dramma dell’accoglienza negata

In merito alla tragica morte a Bolzano del minore disabile e profugo curdo-iracheno, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa interrogazione urgente per chiedere alla Giunta provinciale una dettagliata ricostruzione dei fatti e d[...]
Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo A22: protesta dei camionisti comprensibile, disagio di chi ci vive vicino molto più grande

Ingorgo sull’Autobrennero: la protesta dei camionisti è comprensibile, ma il disagio di chi vive lungo l’a22 è molto più grande. I camionisti dell’Alto Adige e la Camera di commercio protestano all’unisono contro l’ingorgo creatosi nel fine settiman[...]
Autorizzazioni ambientali:  la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

Autorizzazioni ambientali: la politica rispetti l'indipendenza dei comitati tecnici

La nuova legge n. 135/17 sulla “Valutazione ambientale per piani e progetti”  offre la possibilità di marcare finalmente una chiara distinzione tra tecnica e politica, che finora si è riservata la possibilità di ribaltare arbitrariamente i pareri[...]
Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Collegamento sciistico Vallelunga-Kaunertal: i risultati del Comitato ambientale vanno rispettati!

Ordine del giorno DdL 135/17 La questione di un nuovo collegamento sciistico tra Vallelunga nell’Alta Val Venosta e Kaunertal in Tirolo si trascina da parecchio tempo. Si tratta di impianti di risalita che dovrebbero essere realizzati tra l'ancora[...]
Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Referendum in Catalogna: dopo il risultato incombe un nuovo scontro – e l’Europa non c’è

Più di 2 milioni di sì per l’indipendenza della Catalogna sono un risultato impressionante. Anche se la sua legittimità giuridica è fragile, l’espressione democratica della volontà popolare è da prendere sul serio. La carenza di disponibilità a un co[...]