Funivia del Renon: come eliminare il rumore a bassa frequenza?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Rittner-Seilbahn-Funivia-del-RenonDopo una pausa per la manutenzione, la funivia del Renon è ripartita e purtroppo dai vicini condomini il rumore è chiaramente avvertibile e, per molte famiglie, insopportabile. Tra l’altro, molte famiglie che abitano nei condomini circostanti di propria iniziativa hanno apportato diverse modifiche ai propri appartamenti per tentare di ridurre l’effetto del rumore continuo. Gli interventi hanno riguardato soprattutto il cambio delle finestre con l’adozione di modelli dotati di una schermatura speciale anti-rumore. Ultimamente c’è anche chi si è dato da fare con fioriere e schermi fonoassorbenti anche sui balconi. I risultati sono, a detta di molte famiglie, insufficienti.

Anche la Provincia ha tentato di fare qualcosa. In una risposta a una nostra interrogazione (2957/2012) l’assessore Mussner ha affermato che problemi di rumore sono andati avanti sia nel 2010 che nel 2011, che solo a maggio 2011 si è avuto il rispetto dei limiti DIURNI nel rumore e che nel 2012 si è avuto un certo miglioramento con la riduzione della velocità a 5 m/s. Tuttavia, appena la velocità viene aumentata il rumore si ripresenta insopportabile come prima.

Inoltre diverse famiglie hanno individuato soprattutto in un rumore continuo a bassa frequenza il problema principale, e finora non risolto.

Molte persone si sono rivolte ai tecnici responsabili e questi sono sempre intervenuti con grande disponibilità anche cercando di fare da consulenti per le famiglie. In recenti colloqui sono stati fatti presenti i problemi di cui sopra, ma i tecnici hanno ribadito che tutto quello che poteva essere fatto è stato imposto e realizzato, anzi, di più. Hanno anche detto che sono a conoscenza di questa frequenza bassa, ma che non ci sarebbe modo di proteggersi dalle frequenze basse. Non ci sono materiali che la assorbono. Hanno consigliato quindi di adottare anche piccoli provvedimenti per proteggere sempre meglio gli appartamenti, usare un certo tipo di materiale per schermare i terrazzi e le finestre, rivestire di materiale fonoassorbente anche i tetti dei balconi e soprattutto…. cercare di abituarsi al rumore.

Si chiede alla Giunta provinciale:

1. Poiché è stata individuata l’emissione di una frequenza bassa molto invasiva e si sa che da tali frequenze è impossibile proteggersi, sono previsti interventi sull’impianto, e se sì quali, per la sua eliminazione o per il suo contenimento?

2. Come è possibile che – come effettivamente avviene – una mattina il tono basso sia sostenibile e quella successiva intollerabile? e così per altri orari nella giornata?

3. E’ stato fatto uno studio che tenga conto delle varie variabili che possono influire sulla percezione del rumore emesso (tempo atmosferico, direzione dell’aria, vibrazioni della cassa metallica che contiene la “grande ruota”, manovratore di turno…) ?

4. Poiché il rumore varia al variare della velocità, Chi vigila sull’osservanza della velocità della funivia? Esiste una “scatola nera” dalla quale poter desumere le velocità utilizzate nell’arco della giornata? E’ possibile che uno dei manovratori di turno non si attenga alla disposizioni?

Bolzano, lì 10 maggio 2013

Firmato Consiglieri

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Tram Bolzano-Oltradige, il Consiglio provinciale approva la mozione del gruppo Verde. La scelta per il tram diventa così irreversibile

Tram Bolzano-Oltradige, il Consiglio provinciale approva la mozione del gruppo Verde. La scelta per il tram diventa così irreversibile

Con l'approvazione della mozione favorevole al Tram del Gruppo Verde, firmata in una versione modificata anche da alcuni colleghi del Gruppo Svp, il Consiglio provinciale fissa in modo definitivo la scelta di fondo di realizzare un collegamento su bi[...]
Doppia cittadinanza: come la politica è in grado di crearsi i problemi ed è poi incapace di risolverli

Doppia cittadinanza: come la politica è in grado di crearsi i problemi ed è poi incapace di risolverli

Chiediamo ai partiti al governo una linea chiara e di prendere in considerazione tutti i gruppi linguistici dell’Alto Adige nella discussione sul doppio passaporto. Durante il suo primo incontro con il Ministro degli esteri Alfano a Roma, la nuova[...]
Interrogazione: “Bike & Sci” nel parco naturale

Interrogazione: “Bike & Sci” nel parco naturale

Il 5 gennaio 2018, sull’Alpe di Siusi, si è tenuto l’evento “Bike & Sci”. La manifestazione, che vedeva in gara sulla pista Bullaccia una combinazione di motociclisti e sciatori, è stata organizzata dall’Alpe di Siusi Marketing Soc. coop. Da [...]
A Bolzano il Vertice Euregio sul traffico: tre azioni concrete invece di inutili promesse

A Bolzano il Vertice Euregio sul traffico: tre azioni concrete invece di inutili promesse

Se oggi i governatori dell’Euregio e gli/le assessori/e competenti di ambiente e trasporti si incontrano per un vertice su traffico e trasporti, vuol dire che tutti hanno preso atto della gravità della situazione del traffico sull’asse del Brennero: [...]
Disegno di legge provinciale - Democrazia diretta, partecipazione e formazione politica
I Verdi del Alto Adige – Südtirol con Liberi e Uguali

I Verdi del Alto Adige – Südtirol con Liberi e Uguali

Il Coordinamento Provinciale dei Verdi ha deciso nella sua riunione di sabato, 30 dicembre, di aderire alla Lista „Liberi e Uguali“ guidata dal Presidente del Senato Pietro Grasso e dalla Presidente della Camera Laura Boldrini. La decisione è stata [...]
Pensiamo alle  conseguenze - Posizione dei Verdi sulla doppia cittadinanza 

Pensiamo alle  conseguenze - Posizione dei Verdi sulla doppia cittadinanza 

  Partiamo dai fatti: già oggi in Europa migliaia di persone hanno un doppio passaporto. Ciò rispecchia a buon diritto la storia loro e della loro famiglia in un’Europa i cui confini sono stati continuamente attraversati. La nostra posizi[...]
Il governo ÖVP-FPÖ in Austria è fatto: comincia una trasformazione blu-turchese della vicina Repubblica - con preoccupanti conseguenze per l'Alto Adige

Il governo ÖVP-FPÖ in Austria è fatto: comincia una trasformazione blu-turchese della vicina Repubblica - con preoccupanti conseguenze per l'Alto Adige

I vertici di ÖVP e FPÖ hanno concluso velocemente la formazione del nuovo governo a Vienna. Esattamente due mesi dopo le elezioni, nasce il gabinetto Kurz-Strache. Con tre sorprese: tante nuove facce, una folta rappresentanza di donne nelle file dell[...]