Fondo speciale del presidente Durnwalder

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Bolzano, 19. Febbraio 2013

Utilizzo del fondo speciale: le giustificazioni dell’avvocato Brandstätter e del presidente Durnwalder sono fragili

Le recenti spiegazioni del presidente Durnwalder e dell’avvocato Brandstätter, che hanno spigato che le gratifiche per dipendenti provinciali pagate con il fondo speciale sarebbero solo un piccolo riconoscimento per prestazioni eccezionali e che le spese private del Presidente sarebbero stati solo saldi a compensazione, sono molto discutibili. A queste argomentazioni si può obbiettare:

  • Il contratto collettivo pubbliche e tutte le norme sui dipendenti pubblici non prevedono “mance” a funzionari pubblici, poiché esse non passano attraverso la normale contabilità né sono sottoposte a imposte o contributi. Anche se si tratta di piccole gratifiche con funzione di gratitudine ed incentivo, tali pagamenti al di fuori della pubblica contabilità costituiscono una violazione del fondamentale principio di trasparenza. Di più: la distribuzione generosa di gratifiche crea un ampio margine di discrezionalità, in contrasto con i principi della buona amministrazione. Inoltre, va notato che l’ex direttore Platter era inquadrato in una classe elevata di stipendio, dotata di diversi bonus extra che non rendevano necessarie mance aggiuntive. Seguendo la logica del Landeshauptmann e del suo avvocato, meriterebbero gratifiche assai più generose il segretario generale Berger e il super-funzionario Eros Magnago, vista la responsabilità che portano e il lavoro notturno che certamente comporta. La distribuzione di mance ai funzionari è un non senso, non è coperta da alcuna norma giuridica e solo un modo per premiare la fedeltà personale.
  • Il costante mescolamento delle spese del Fondo Speciale e gli anticipi per spese private del Presidente è una pratica per lo meno strana che desta perplessità. Il privato cittadino Luis Durnwalder dovrebbe ben disporre di una propria carta bancomat per effettuare le proprie spese private, senza far prelevare dal Fondo Speciale gli importi per i viaggi aerei, le riparazioni dell’auto o gli abbonamenti TV. Anticipare queste spese col Fondo Speciale è un mescolamento giuridicamente insostenibile tra contabilità pubblica e privata.
  • Il fatto che imprenditori abbiano alimentato un ulteriore “Fondo Speciale” con donazioni extra è inaccettabile e va respinto. Le risorse messe a disposizione da questi “sponsor” hanno consentito a Durnwalder di presentarsi come un benefattore, ma ne deriva oggettivamente anche per lui una sorta di gratitudine leale verso questi ” nobili donatori “. Pratiche simili non si chiamano carità ma lobbismo. La situazione di tacito obbligo del presidente verso questi donatori costituisce per la pubblica amministrazione un rischio enorme e giuridicamente discutibile.
  • Con tutto il dovuto rispetto per il Presidente Durnwalder e per i suoi meriti: è stato proprio l’insano mix di finanziamenti pubblici e di affari e amicizie private ad aver caratterizzato negativamente la sua azione di governo negli ultimi decenni. Il conflitto tra le sue funzioni di rappresentante supremo delle istituzioni democratiche da un lato e la sua personale concezione del potere come quello di un sovrano che dispensa felicità, doni e favori al popolo è diventata evidente nel caso del Fondo Speciale. E’ assolutamente necessario e urgente che d’ora in poi le istituzioni e gli interessi privati vengano totalmente separati. Operare una radicale democratizzazione e una totale trasparenza sono le sfide più importanti di qualsiasi nuovo Presidente della Provincia e di una nuova era per la politica altoatesina.

Hans Heiss

Riccardo Dello Sbarba

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]