Fondo di garanzia per i vitalizi: gestione deficitaria?

1 Flares Filament.io 1 Flares ×

Al Presidente

del Consiglio regionale

INTERROGAZIONE

Fondo di garanzia per i vitalizi: gestione deficitaria?

HH_BF_RDSUna delle motivazioni per la legge nr. 6 del 2012 sui vitalizi, oggi al centro di una forte contestazione da parte della popolazione per gli enormi anticipi liquidati, andrebbe ricercata nei risultati negativi della gestione delle somme accantonate nel “fondo di garanzia” da cui il Consiglio regionale attinge per pagare i vitalizi. In questi giorni altre dichiarazioni alla stampa hanno aggiunto interessanti particolari, da approfondire.

In una intervista recente il consigliere trentino Mattia Civico, che nella scorsa legislatura era membro dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale, l’organo che elaborò sia la legge che le delibere di attuazione, ha affermato: “La riforma Thaler ha avuto il merito di chiudere il fondo enorme di garanzia dei vitalizi che era di 350 milioni di euro, investiti in fondi che stavano dando rendimenti altalenanti, a volte negativi. (…) Il fondo che governava i vitalizi aveva cifre astronomiche, un sommerso stratificato da anni e soggetto ai marosi della finanza. Andando avanti facendo finta di niente entro pochi anni si sarebbe prodotto il risultato che per garantire i vitalizi avremmo dovuto erodere il bilancio regionale. La riforma Thaler ha messo al riparo le istituzioni da questo pericolo perché il rendimento dei fondi segnava un meno. E anche un -1% sono milionate ogni trimestre, io non dormivo la notte. Si erodeva il bilancio!”.

Tutto ciò premesso,

Si chiede di sapere:

  1. A quanto ammontavano le somme iscritte a bilancio per il “fondo di garanzia” nei diversi esercizi finanziari dal 2003 ad oggi?
  2. Come erano gestiti queste somme? In particolare, erano investire in fondi e se sì in quali “fondi di investimento” o altri impieghi finanziari sono state investite le somme del fondo di garanzia e a quale società di gestione era affidata la gestione e l’investimento?
  3. Quando e come (gara, affidamento diretto…) era stata scelta tale società di gestione e a quali condizioni era avvenuto l’affidamento? Si chiede copia del contratto tra consiglio regionale e società di gestione.
  4. Quali risultati avevano avuto tali investimenti o fondi negli anni dal 2003 ad oggi? Si chiede i dati sia in termini percentuali che in termini di cifre assolute.
  5. Il Consiglio regionale era mai dovuto intervenire per coprire le perdite facendo ricorso a risorse proprie? Se sì, quando e con quali somme?
  6. Che ruolo hanno avuto i risultati della gestione delle somme del “fondo di garanzia” nella definizione sia della legge 6/2012, sia delle delibere attuative?
  7. In particolare, la decisione di “svuotare” almeno in parte (141 milioni, come dichiarato dall’Ufficio di presidenza) il “fondo di garanzia”, attribuendo una parte delle somme direttamente ai singoli consiglieri e consigliere in forma di quote del “Fondo Family”, aveva anche lo scopo di liberare almeno in parte il bilancio regionale dai rischi finanziari di una gestione negativa anche in futuro?
  8. I giornali hanno parlato di una “garanzia del 4%” per le quote del Fondo Family, garanzia assicurata dalla Regione o dal Consiglio regionale. Di tale garanzia non abbiamo trovato traccia nei documenti che Pens Plan ha consegnato a ogni titolare delle quote. Tuttavia dobbiamo su questo avere certezze, visto che se la tale garanzia esistesse sarebbe un fatto molto grave. Quindi chiediamo: esiste o non esiste tale garanzia? Oppure le quote del Fondo Family sono esposte alla normale fluttuazione dei mercati finanziari, senza alcuna forma di “compensazione” dell’ente pubblico?

A termini di regolamento si chiede risposta scritta.

Cons. Regionali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss
Brigitte Foppa

Bolzano, 17 marzo 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]