Energia: procedura d’infrazione UE 2011/2026

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

INTERROGAZIONE

Concessioni idroelettriche: Procedura d’infrazione UE 2011/2026 – Governo e Provincia hanno risposto?

GrosswasserkonzeptionenCon lettera del 26.09.2013 il Commissario europeo per il Mercato Interno Michel Banner ha inviato al ministro italiano Emma Bonino l’avviso della procedura di infrazione nr. 2011/2026 (“Normativa italiana in materia di concessioni idroelettriche – Costituzione in mora complementare”) riguardante norme di proroga o proroghe di fatto di grandi concessioni idroelettriche sia sul territorio italiano sia su quello della Provincia autonoma di Bolzano. Oggetto della procedura di infrazione europea sono infatti sia leggi nazionali sia leggi provinciali:

Il Decreto legge 22.6.12 nr. 83, “Misure urgenti per la crescita del paese”, il cosiddetto “Decreti Monti”.

La Legge provinciale nr. 4 del 1998 della Provincia di Trento.

La Legge provinciale nr. 7 del 2006, articolo 19 bis (introdotto dalla LP nr. 122/2010) della Provincia di Bolzano.

Tutte queste normative, secondo la Commissione Europea, hanno l’effetto di prorogare “automaticamente” concessioni idroelettriche ormai scadute (ad esempio le concessioni Hydros di Brunico, Visse, Marlengo), senza alcuna gara, e questo contrasta diverse norme europee sovra ordinate, tra cui l’articolo 12 della direttiva 2006/123/CE che vieta rinnovi automatici di qualsiasi autorizzazione per una determinata attività, oppure l’articolo 49 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea sul “diritto alla libertà di stabilimento” compreso il diritto a partecipare senza subire alcuna discriminazione a gare o rinnovi di concessioni come quelle idroelettriche.

Il Commissario Barnier dava all’Italia, e attraverso l’Italia anche alle province di Bolzano e Trento, due mesi di tempo per rispondere a questa notifica.

I due mesi sono scaduti il 26 novembre 2013, ma non si ha notizia delle risposte che sono state date.

Si chiede:

  1. Risulta che la Repubblica italiana abbia risposto alla citata procedura di infrazione europea?
  2. Se sì, quando e con quali argomentazioni? Si richiede gentilmente la trasmissione del documento o dei documenti con cui la risposta è stata redatta.
  3. La Provincia di Bolzano è stata consultata sulla vicenda? Se sì, ha trasmesso al Governo italiano e/o all’Unione Europea una sua risposta, o un qualsiasi documento o argomentazione che riguardi la procedura di infrazione citata o comunque le circostanze e le norme oggetto di tale procedura? Si richiede gentilmente la trasmissione del documento o dei documenti con cui la risposta o l’argomentazione della Provincia è stata redatta.
  4. A che punto è la procedura di infrazione? Vi sono stati altri passi formali, da parte dei soggetti coinvolti (governo italiano e province autonome)? Se sì, quali e quando, e con quali esiti? Si richiede gentilmente la trasmissione della documentazione esistente al proposito.
  5. A che punto è la procedura di infrazione?

Bolzano, 31.1.2014

Cons. Provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Brigitte Foppa
Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Oggi i consiglieri comunali della Lega a Bolzano hanno distribuito ai passanti delle finte banconote da 1000 Euro con l’immagine dell’assessora Maria Laura Lorenzini. Questa azione  vuole portare l’attenzione (e l’odio!) della gente sull’iniziativa[...]
Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota