Di quanta Europa ha bisogno l’Alto Adige?

2 Flares Filament.io 2 Flares ×

conferenza stampa Rebecca Harms - Hotel lunaRebecca Harms, con i Verdi altoatesini sul futuro della nostra provincia

Anche in questa campagna elettorale si discute del futuro istituzionale dell’Alto Adige. Il disagio diffuso della popolazione di lingua tedesca, originato da una partecipazione vissuta come insufficiente e una mancanza di democrazia, unito a una purtroppo ancora presente diffidenza verso i “vicini” italiani, viene canalizzata dai partiti della destra tedesca verso l’idea di uno “stato proprio”.

“Libero Stato” e ritorno all’Austria vengono presentati come opzioni praticabili. In questo modo si gioca sulla voglia di cambiamento avvertita dalla popolazione, ma si pianta un cuneo che divide i gruppi linguistici. Inoltre, si esclude dalle responsabilità proprio chi sarebbe il primo a doversi far carico del rinnovamento: i partiti della maggioranza al governo.

I Verdi oppongono a queste fantasie la concreta proposta di un rinnovamento democratico dell’autonomia statuto contrario (vedi i dettagli nel nostro programma) . In un dialogo aperto, in una nuova forma partecipata, cittadini e cittadine e rappresentanti di movimenti e correnti sociali dovrebbero lavorare insieme per una convivenza che si fondi su nuove basi. Risorsa essenziale e caratteristica identitaria della nostra provincia è il multilinguismo e la presenza di più culture in una precisa area alpina.

In questa visione l’Europa assume grande importanza . E’ l’ insieme più grande in cui la nostra provincia è inserita, al di là del sofferente e fragile stato nazionale italiano.Ma soprattutto l’Europa è la garanzia di una convivenza pacifica tra stati, regioni e popoli del nostro continente.

La presidente dei Verdi al Parlamento europeo Rebecca Harms ricorda l’idea dei “trasferimenti di solidarietà”, che sta alla base dell’Europa e che ancora conserva il suo valore. Le tendenze disgregatrici che si manifestano in diversi luoghi in Europa sono spesso espressione di egoismo, dell’insicurezza finanziaria di regioni ristrette e la voglia di separarsi da chi è economicamente più debole.
Non c’è dunque bisogno di un’astratta “più Europa”, ma di una autentica fiducia nella nostra comunità internazionale. “In definitiva ‐ ha detto Rebecca Harms ‐ è la cosa migliore che abbiamo prodotto negli ultimi cento anni. Di più: un miracolo!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]