Commissione dei 6: espropriazione delle competenze del Consiglio provinciale

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Riccardo Dello SbarbaIl Governo nomina i membri della Commissione dei 6 e dei 12: “proroghe” abusive ed espropriazione delle competenze del Consiglio provinciale

Egregia Presiedente del Consiglio provinciale, cara Martha,

per lunedì 23 ci hai convocato come Collegio dei Capigruppo del Consiglio provinciale e tra i punti all’ordine del giorno c’è anche: “Proposte per la valorizzazione del Consiglio provinciale”.

La mia prima proposta è questa: “IMPEDIRE L’ESPROPRIO DI COMPETENZE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE!”.  A questo fine Ti chiedo un intervento immediato presso il Presidente della Giunta provinciale e il Governo di Roma, in particolare Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Graziano Delrio.

Il tema è quello della nomina comunicata oggi dallo stesso Ministero dei componenti delle commissioni dei Sei e dei Dodici, cioè gli organi fondamentali per la preparazione e l’approvazione delle Norme di attuazione dello Statuto di autonomia.

Organi più importanti non potrebbero esserci. E dunque non potrebbe esserci competenza più importante per i Consigli provinciali e regionale della nomina, che loro spetta, di una parte dei membri di tali Commissioni.

La nomina è regolata dall’articolo 107 dello Statuto che così recita:

107. Con decreti legislativi saranno emanate le norme di attuazione del presente Statuto, sentita una commissione paritetica composta di dodici membri di cui sei in rappresentanza dello Stato, due del Consiglio regionale, due del Consiglio provinciale di Trento e due di quello di Bolzano. Tre componenti devono appartenere al gruppo linguistico tedesco.In seno alla commissione di cui al precedente comma è istituita una speciale commissione per le norme di attuazione relative alle materie attribuite alla competenza della Provincia di Bolzano, composta di sei membri di cui tre in rappresentanza dello Stato e tre della Provincia. Uno dei membri in rappresentanza dello Stato deve appartenere al gruppo linguistico tedesco; uno di quelli in rappresentanza della Provincia deve appartenere al gruppo linguistico italiano.

Dunque: tre membri della Commissione dei Sei per la Provincia di Bolzano devono essere eletti dal Consiglio provinciale, che così ha fatto all’inizio di ogni Legislatura.

Il comunicato del Ministro Delrio di oggi è in palese contrasto con tale norma. Lo riporto per chiarezza:

IL MINISTRO DELRIO NOMINA LE COMMISSIONI PARITETICHEDI FRIULI VENEZIA GIULIA E TRENTINO-ALTO ADIGEIl Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie Graziano Delrio ha provveduto alla nomina delle Commissioni paritetiche delle Regioni a statuto speciale Friuli Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige. Il Ministro ha nominato i componenti governativi e ratificato i componenti indicati dalle Autonomie, dando via libera alle Commissioni.La Commissione paritetica del Trentino-Alto Adige risulta composta da: on. Lorenzo Dellai, on. Gianclaudio Bressa, Brunhilde Platzer, on. Daniel Alfreider, Franca Penasa, on. Michele Nicoletti nominati dal Governo, Siegfried Brugger e Roberto Pinter nominati dal Consiglio regionale, on. Karl Zeller e Alberto Zocchi nominati dal Consiglio provinciale di Bolzano, Mario Magnani e Diego Pintarelli, nominati dal Consiglio provinciale di Trento.

Non si capisce che senso abbia la frase, che ho sottolineato, sulla “ratifica” dei componenti indicati dalle “Autonomie locali”. Non mi risulta che il Consiglio provinciale abbia rinnovato queste nomine, come è suo diritto e dovere a ogni inizio Legislatura, né che abbia “indicato” alcunché, né tantomeno che sia stato consultato in merito dal Governo. I Nomi indicati sono quelli dei componenti eletti nella scorsa Legislatura, precisamente nel lontano 3 febbraio del 2009 (Zocchi e Zeller).

Non vorrei che questa “indicazione” fosse venuta non dal Consiglio provinciale, che è l’unico organo che ha sovranità in materia, ma dal Presidente della Giunta provinciale. Sarebbe una gravissima espropriazione dei poteri dell’Organo Legislativo dell’Autonomia!

Purtroppo ho motivo di pensare che sia andata proprio così. Lo deduco da un comunicato stampa diffuso dall’Ufficio stampa della Giunta lo scorso 9 dicembre 2013, che riportava le seguenti affermazioni del Presidente Durnwalder:

DALLA GIUNTA: OK ALLA PROROGA DELLE COMMISSIONI PARITETICHE. Dalla Giunta provinciale è arrivata oggi (9 dicembre) l’intesa alla proroga nell’incarico per qualche mese degli attuali membri di nomina provinciale e regionale nelle Commissioni partetiche dei 6 e dei 12. Si potrà pertanto lavorare da subito alle nuove norme di attuazione sul finanziamento dell’autonomia. Le Commissioni dei 6 e dei 12 sono chiamate ad elaborare le norme di attuazione che aggiornano l’autonomia speciale e sono in attesa di rinomina in coincidenza della nuova legislatura. Considerato però che l’agenda politica di Governo e Province prevede un varo in tempi rapidi di alcune norme essenziali – tra cui quelle sul futuro finanziamento dell’autonomia e sul nuovo assetto del parco nazionale dello Stelvio – il Governo valuta l’opportunità di prorogare nella carica le attuali Commissioni, come prospettato nei giorni scorsi dal ministro alle Regioni Graziano Delrio al presidente Luis Durnwalder. La Giunta provinciale ha dato oggi il suo assenso: “Le commissioni paritetiche resteranno nell’attuale composizione presumibilmente per un paio di mesi, prima di essere nominate ex novo da Governo, Province e Regione, ma nel frattempo potranno garantire l’operatività per predisporre le nuove norme”, ha detto il presidente Durnwalder. Gli attuali rappresentanti locali nella Commissione dei 6 sono Alberto Zocchi e Karl Zeller (nominati dal Consiglio provinciale) nonché Siegfried Brugger (di nomina regionale).

Egregia Presidente, cara Martha,

credo tu comprenda quale “vulnus” è stato portato ai poteri del Consiglio se davvero risultasse che sulla testa di tutti e tutte noi Governo e Presidente della Provincia hanno concordato una proroga di fatto di nomine che spettano al Consiglio provinciale. E’ a questo organismo che il Governo semmai doveva rivolgersi per ogni decisione in merito ai nominati nelle Commissioni paritetiche.

Vorrei anche ricordare che nell’ultima riunione dei/delle Capigruppo tu stessa, Presidente, ci hai consegnato un “Elenco di punti istituzionali da trattare” subito dopo l’elezione della Giunta provinciale in cui, al punto nr. 3, è prevista la “Designazione di due persone in rappresentanza del Consiglio provinciale quali membri delle Commissioni paritetiche (Commissione dei Sei e dei Dodici)”.

La vicenda è troppo seria e va immediatamente chiarita.

Per questo ti chiedo con urgenza:

  1. Di metterti immediatamente in Contatto col Ministro Delrio per chiarire le prerogative del Consiglio provinciale in materia e avere informazioni certe su cosa sia successo. Al Ministro va chiesto se, e se sì perché, si sia rivolto al Presidente della Provincia e non al Consiglio provinciale (e a Te, Martha, come nostra Presidente). Va chiesto in quale forma egli si sia rivolto, e se esista un carteggio ufficiale tra Governo e Provincia di Bolzano in materia. Se esiste, va richiesta la consegna di questo carteggio al Consiglio provinciale, attraverso la Tua persona, in modo che Tu poi possa farne avere copia a ogni capogruppo.
  2. Di metterti immediatamente in contatto ciol Presidente della Provincia Durnwalder per fargli le stesse domande e acquisire ogni documentazione utile per chiarire che cosa sia successo. A Durnwalder va chiesto perché si sia appropriato di un potere che spettava al Consiglio, perché non ci abbia neppure consultato e in base a quale norma giuridica abbia agito. Gli va anche ricordato che i poteri devono rispettare le reciproche prerogative e che in una democrazia è gravissimo che l’esecutivo espropri il legislativo di una competenza fondamentale.
  3. Ti chiedo altresì di confermarci che la designazione dei rappresentanti del Consiglio provinciale nelle commissioni dei Sei e dei Dodici sarà fatta al più presto come terzo punto all’ordine del giorno dopo l’elezione della Giunta provinciale. Ti chiedo di informare di questo Ministro e Presidente della Giunta, nonché i vecchi membri – ormai scaduti – designati nel lontano marzo 2009, affinché possano valutare l’opportunità di decisioni prese in fretta e furia prima che il Consiglio abbia potuto procedere alle nomine.

La mia preoccupazione riguarda anche la legittimità di atti compiuti da Commissioni i cui membri siano stati in modo anomalo “indicati” da un potere diverso da quello.

Riccardo Dello Sbarba

Bolzano, 17.12.2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Le scuole materne „tedesche“ e le contraddizioni della politica scolastica in Alto Adige

Il dibattito sulle iscrizioni di bambini e bambine „non-tedeschi/e“ nelle scuole materne tedesche apre svariate questioni tipiche della politica scolastica sudtirolese degli ultimi decenni. Ora più che mai è evidente quanto la politica della separazi[...]
Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Disposizioni sull’assestamento di bilancio in Consiglio provinciale

Breve guida verde nella giungla di norme Nel corso della odierna conferenza stampa del Gruppo Verde, Hans Heiss, Riccardo Dello Sbarba e Brigitte Foppa hanno commentato la legge sull'assestamento di bilancio che verrà discussa nella sessione di Cons[...]
È tempo di cambiare!

È tempo di cambiare!

Il sistema scolastico separato è agli sgoccioli Da molti anni noi Verdi ci impegniamo con decisione per un rinnovamento radicale del sistema scolastico sudtirolese, i cui obiettivi principali, in una provincia con più gruppi linguistici, dovrebbero [...]
Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Dove sono finite trasparenza e partecipazione?

Giunta provinciale: troppe decisioni fondamentali prese a colpi di “delibere fuori sacco”. La giunta Kompatscher si era presentata annunciando un nuovo stile, caratterizzato da trasparenza e partecipazione. Nel corso del tempo queste promesse sono[...]
Convegno internazionale a Merano

Convegno internazionale a Merano

#greeningtourism – limiti e opportunità dello sviluppo turistico in Europa e sull’Arco alpino All Inclusive? Con questa domanda i Verdi del Sudtirolo hanno accolto una platea internazionale per analizzare il conflitto, ma anche le possibili simbio[...]
Ennesima omnibus

Ennesima omnibus

Meno diritti per le persone immigrate e meno garanzie sugli OGM per consumatori e consumatrici. La legge omnibus (LGE Nr. 125/17) è l’ennesimo esempio di come non si fa legislazione. Un anno fa, in occasione della omnibus precedente, il Gruppo Ver[...]
La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

La legge sulla dirigenza arriva in Consiglio provinciale

Una piramide d’oro con la base d’argilla Dopo il dibattito in Commissione legislativa, giovedì 29 giugno la legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale approda in Consiglio provinciale. Le nostre valutazioni iniziali resta[...]
Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

Natura e turismo, conflitto e simbiosi: conferenza internazionale a Merano con patrocinio verde.

All Inclusive? Nature and tourism between conflict and symbiosis – Questo è il titolo della conferenza internazionale organizzata dai Verdi sudtirolesi in collaborazione con i Verdi europei il prossimo fine settimana a Merano. Venerdì 23 giugno si[...]