Chiuso per eccesso di ricchezza!

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Contro le richieste populiste della destra, a favore di una gestione pragmatica di chi fugge da guerra e miseria.

A policeman stands in front of a door of a train ready to go to Munich, Germany, as he blocks migrants without the proper documentation from getting on it, at Brenner railway station, Italy May 28, 2015. Some 200 mostly Eritrean migrants heading northwards from Italy were turned back by police in the Italian Alps on Friday and left sleeping in train stations as European countries tightened frontier checks before a global summit in Germany. Picture taken May 28, 2015. REUTERS/Stefano Rellandini - RTR4Y1QB

I partiti di destra hanno convocato una seduta straordinaria del Consiglio provinciale per trattare una mozione sui profughi. Siamo a favore di un’occasione per discutere seriamente dell’emergenza umanitaria per centinaia di migliaia di persone in fuga, ma non condividiamo per niente le vere intenzioni dei proponenti.

Milioni di persone fuggono da guerra e fame. Fuggono proprio in quei Paesi e continenti che sono co-responsabili della loro miseria. Per questo è nostro dovere prestare loro aiuto e comportarci in maniera solidale. Nel caso l‘Alto Adige/Südtirol, una delle regioni più ricche d‘Italia, volesse distinguersi limitando il numero di persone che è disposto ad accogliere non troverebbe certo grande comprensione a livello europeo.

Rifiutiamo l‘isolamento, così come il respingimento verso altre Regioni d‘Italia più povere. E rifiutiamo anche discorsi strumentali sulla legalità. Chiediamo invece una gestione pragmatica del fenomeno „fuga“: non si tratta ormai (più) di rispondere alla domanda SE dobbiamo prestare aiuto, ma solo COME possiamo farlo nel migliore dei modi.

Ecco alcune proposte concrete:

  1. Istituire una quota volontaria da parte dell‘Alto Adige/Südtirol, posta più o meno a metà tra lo standard austriaco-tirolese (1% della popolazione) e quello italiano (per l‘Alto Adige/Südtirol attualmente 0,9% dei profughi).
  2. Distribuire i profughi in piccoli gruppi su più comuni;
  3. Rafforzare in modo deciso la proposta di servizi per l‘integrazione come corsi di lingua, occasioni sociali, lavori per la comunità;
  4. Creare un tavolo di coordinamento permanente tra Commissariato del governo, Provincia (ripartizioni sociale, sanità, lavoro, scuola, formazione professionale, lingue, edilizia, ecc.) Comuni, Enti territoriali, organizzazioni non governative, la società civile, partner sociali, volontari/e;
  5. Assicurare prestazioni umanitarie migliori e più sistematiche ai profughi di passaggio;
  6. Far divenire il problema dei profughi come tema centrale dell‘Euroregione Tirol-Südtirol-Trentino;
  7. Informare e sensibilizzare meglio cittadine e cittadini dell‘Alto Adige/Südtirol. E soprattutto riconoscere meglio di quanto non sia stato fatto fino a ora il lavoro di volontari e volontarie.

Strategie chiare e azioni consapevoli portano molti più risultati rispetto a richiami di allarme e richieste di limiti massimi. Oggi l‘Alto Adige/Südtirol accoglie 850 profughi, che corrispondono al 1,5 per mille della sua popolazione. Il Tirolo ne ha già accolti 5000. Fino a che le cause di fuga (guerra, povertà, ingiustizia) non verranno arginate in modo efficace, ci dovremmo preparare a nuovi arrivi. Sarà un fenomeno epocale che richiede lungimiranza e non miopi richiami all’isolamento.

 

19.10.2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]
DAI COMUNI
Appuntamenti
26/04/2017
27/04/2017
28/04/2017