C’è ancora speranza per la Turchia? UE e occidente alla prova.

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

C’è ancora speranza per la Turchia? UE e occidente alla prova.

Venerdì, 9. giugno 2017, ore 18.30
Incontro e discussione c/o Ristorante Jona (Via Crispi 38, Bolzano)

Dopo un periodo di modernizzazione e di apertura, dal 2012 il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha imboccato la strada dell’autoritarismo. Il golpe fallito a luglio 2016 e il referendum costituzionale di aprile 2017, con una forte pressione da parte di Erdoğan, hanno trasformato in pochissimo tempo la Turchia in uno Stato autoritario. Le conseguenze per democrazia, persone, diritti fondamentali e minoranze sono sconvolgenti per il Paese, ma questa svolta autoritaria rappresenta una frattura profonda anche per la relazione con l’Unione Europea.

In che direzione sta andando la Turchia, quali dipendenze e legami esistono con l’Unione Europea, quali possibilità ci sono per una svolta democratica? Che ruolo svolge Erdoğan nel più grande contesto dei leader autoritari e populisti?

Oktavia Brugger, per molti anni corrispondente da Roma della RAI – Sender Bozen, ha vissuto diverso tempo a Istanbul e conosce molto bene la situazione della Turchia. Ci fornirà un quadro informato e impegnato della situazione e sarà a disposizione per rispondere a domande e contributi alla discussione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]