CARISPA: pensionato di lusso per Durnwalder?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Carispa

L’odierna assemblea della Cassa di Risparmio di Bolzano non avrà solo il compito di approvare il bilancio, prendendo atto di un evidente calo degli introiti, ma dovrà rieleggere il consiglio di amministrazione e il consiglio di sorveglianza della stessa Cassa di Risparmio. La nomina dovrebbe tuttavia avere un termine molto breve: l’attuale consiglio di amministrazione, il cui incarico triennale è ormai scaduto, dovrebbe essere riconfermato in blocco ma solo per un anno.

Le voci che accompagnano questa riconferma temporanea sono preoccupanti: tra un anno, dopo il cambio di guardia alla guida della Giunta provinciale, l’attuale presidente della Fondazione Carispa Brandstätter dovrebbe passare al consiglio di amministrazione della Cassa, mentre il suo posto alla guida della Fondazione dovrebbe essere ereditato dall’ormai ex Landeshauptmann Durnwalder che, diventato nuovo Presidente, gestirebbe alla sua maniera la “cornucopia” della Fondazione Carispa.

Di fronte alla decisione odierna e alle voci che la accompagnano, la Cassa di Risparmio e il suo presidente avrebbero il dovere di esporre in modo chiaro ed inequivocabile gli scopi di questa insolita proroga a tempo degli organi societari.

L’intreccio tra politica e economia, considerato in passato come un „peccato veniale“, oggi non è più accettabile e va decisamente respinto. L’invocato “rinnovamento” della SVP perde ogni credibilità se questo partito continua a accaparrarsi benefici e posti di potere nell’economia e se la sua ala economica tenta di garantire al suo patriarca Durnwalder un posto da pensionato ben dotato di denaro e influenza, elevando contemporaneamente il proprio multi-funzionario Brandstätter a una nuova posizione di potere.

La “Créme” dell’imprenditoria altoatesina, che siede negli organi sia della Cassa che della Fondazione, dovrebbe invece chiedersi fino a che punto può consentire che motivi di opportunità politica abbiano il sopravvento sulla tanto spesso decantata libertà imprenditoriale e sul principio della qualificazione come criterio base per le nomine nel mondo economico.

Bolzano, 30 Aprile 2013

Hans Heiss
Riccardo Dello Sbarba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

L'atteggiamento ballerino della SVP sulla doppia cittadinanza è un flirt rischioso con i secessionisti. La lettera firmata da 19 consiglieri al governo austriaco sulla doppia cittadinanza ha fatto scalpore... non tanto per i contenuti, quanto piut[...]
Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Oggi i consiglieri comunali della Lega a Bolzano hanno distribuito ai passanti delle finte banconote da 1000 Euro con l’immagine dell’assessora Maria Laura Lorenzini. Questa azione  vuole portare l’attenzione (e l’odio!) della gente sull’iniziativa[...]
Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]