Carezza: villette a schiera dietro il Grand Hotel?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

grandhotel_CarezzaIl Grand Hotel Carezza sorge a 1630 metri di altitudine ai piedi di una delle più belle, importanti e famose catene delle Dolomiti. Aperto nel 1896, il Grand Hotel ha attraversato le vicende della storia della nostra provincia con sorti altalenanti, tra turismo d’élite, speculazioni, distruzioni e ricostruzioni, successi e periodi di crisi. Risulta che questo non sia un momento facile per l’Hotel e per Turiskar Srl, che lo gestisce. Sembra che la società abbia presentato un progetto che, se realizzato, getterebbe nuovo cemento in un’area che è stata ripetutamente oggetto di speculazione e di ripetute costruzioni.

Stavolta si tratterebbe della realizzazione di due serie di villette a schiera nella parte retrostante il Grand Hotel, ora occupata da campi da tennis. Le voci non sono nuove: tempo fa pareva che nella stessa area dovesse sorgere un secondo Hotel, o un’ulteriore ala del Grand Hotel stesso.

Si chiede:

  1. E’ stato depositato in Provincia un qualsiasi progetto che preveda l’ampliamento del Gran Hotel, o la costruzione di villette a schiera, o una qualsiasi nuova struttura ricettiva sui terreni di proprietà del Grand Hotel?
  2. Se sì, che tipo di progetto è stato presentato e a che punto è il suo esame?
  3. Se no, sono state presentate in altri modi proposte o idee in merito alla Provincia o a qualche rappresentante della Giunta provinciale? La Giunta ha mai discusso in merito?

Consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Bolzano, 20 agosto 2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]