Blocco dei finanziamenti FSE per “gravi incongruenze”?

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

logo_ueLa Giunta provinciale ha approvato in data 1 Luglio 2013 due delibere che riguardano la gestione del programma FSE 2007-2013: la nr. 976 e la nr. 983. Tali delibere sono collegate tra loro e cercano di rispondere a una situazione di grave emergenza che si è verificata nel settore dei finanziamenti europei a progetti FSE. Un’ispezione della CE avrebbe infatti rilevato irregolarità nella gestione dei programmi. I dubbi della CE sono stati comunicati alla Provincia di Bolzano con due atti ufficiali:

  • lettera dell8 maggio 2013, prot n. 41.07.04/258517
  • lettera del 12 giugno 2013, prot. N. 41.07.04/337829.

In tali missive, la CE ha comunicato la sospensione dei pagamenti, visto le “gravi criticità” riscontrate nelle procedure seguire dalla Provincia. Si tratta di circa 20 milioni di euro così ripartiti:

  • € 14.507.243 in scadenza 31 ottobre 2013
  • € 5.384.007 in scadenza dicembre 2013.

Risulta che questi soldi sono già stati anticipati dalla Provincia, che ne attende la restituzione da parte dell’Europa. La situazione è dunque preoccupante.

Nelle missive della Commissione Europea e nelle successive attività di verifica dell’amministrazione provinciale, sono emersi i seguenti problemi:

  1. AUTORITA’ DI AUDIT – La CE solleva dubbi sul ruolo e la corrispondenza alla normativa dell’Autorità di Audit (AdA) istituita dalla Provincia di Bolzano. L’AdA è obbligatoria nella normativa europea e serve a verificare i programmi e la loro implementazione. La normativa europea stabilisce che questa AdA sia “funzionalmente indipendente dall’autorità di gestione e certificazione”, che nel nostro caso sono sotto il controllo della Ripartizione Europa della Provincia. La Provincia di Bolzano ha affidato questa AdA all’Organismo di Valutazione, istituito dalla Provincia stessa con legge 10/1992. Evidentemente la CE non ritiene tale Organismo di valutazione sia un organo “funzionalmente indipendente dall’autorità di gestione e certificazione”. Per correre ai ripari con la delibera 976 la Provincia ha dunque istituito “a decorrere dal 1° agosto 2013” una nuova AdA “come area a sé stante funzionalmente indipendente”. Basterà a tranquillizzare la CE? E che ne sarà dei finanziamenti e dei progetti gestiti con la vecchia AdA?
  2. AUTORITA’ DI GESTIONE – Parallelamente, nell’ambito di un vertice del Comitato di Sorveglianza tenutosi il 6 giugno 2013, “sono state rilevate alcune incoerenze- è scritto nella delibera nr. 983 – nelle procedure di gestione e controllo all’interno dell’Autorità di Gestione FSE tramandate dai primi anni della presente programmazione. Più in particolare, si tratta di errate procedure di impegno in seguito all’approvazione delle operazioni, di debolezze nei controlli di primo livello nonché di incoerenze nell’applicazione della normativa sulle entrate e sull’affidamento o sulla delega di attività a terzi all’interno delle singole operazioni”. Per verificare come stanno le cose, la Giunta provinciale con delibera nr. 983 ha dato alla società T&D di Bologna l’incarico di eseguire un controllo a campione su 30 procedure FSE per verificare la loro conformità alla normativa europea e “l’individuazione di eventuali importi indebitamente certificati”.
  3. 60 PROGETTI CON “INCONGRUENZE” – Esistono inoltre “60 progetti conclusi – recita la stessa delibera nr. 983 – che non erano a suo tempo stati gestiti da parte dei beneficiari in accordo con le disposizioni e sui quali, in seguito ad un primo controllo della documentazione rendicontale, sono state verificate incongruenze tali da richiedere competenze tecniche e giuridiche che esulano da quelle ordinarie”. Per controllare e chiudere questi progetti è stato dato un incarico alla stessa società T&D.

La situazione è dunque molto delicata e richiede un’attenta valutazione da parte dell’amministrazione provinciale. E’ importante anche una costante e puntuale informazione ai consiglieri e alle consigliere provinciali.

si chiede:

SULL’AUTORITA’ DI AUDIT:

  1. Quali sono i rilievi che la Commissione Europea ha avanzato nei confronti della Provincia di Bolzano? Si richiede copia delle seguenti comunicazioni della CE:
    lettera dell8 maggio 2013, prot n. 41.07.04/258517
    lettera del 12 giugno 2013, prot. N. 41.07.04/337829.
  2. Istituendo dal 1° agosto 2013 una nuova Autorità di Audit, la Provincia riconosce che l’Organismo di valutazione non era un organo “funzionalmente indipendente dall’autorità di gestione e certificazione”? In base a queli valutazioni in passato è stato affidato a quest’Organismo la funzione di AdA? E perché oggi queste valutazione si sono rivelate sbagliate?
  3. Che cosa sarà, presso quale organismo sarà insediata, come sarà composta e come funzionerà la nuova AdA “come area a sé stante funzionalmente indipendente”? La CE è stata sentita a proposito e ha dato un suo consenso in modo da fugare ogni dubbio d’ora in poi? L’anomalia riscontrata finora nella vecchia AdA mette in pericolo i finanziamenti e i progetti gestiti con il sistema di Audit affidato al vecchio Organismo di Valutazione?
  4. In un’intervista il direttore della Ripartizione Europa afferma che: “Non avevo nessun tipo d’informazione sul lavoro svolto dal nucleo di valutazione” incaricato dell’Audit. Come si spiega questa affermazione, visto che l’Audit era affidato all’Organismo di Valutazione che ha sede nel Palazzo provinciale nr. 1, Piazza Magnago, telefono 0471 412480?
  5. Come fluivano le informazioni tra l’Organismo di Valutazione e la Ripartizione Europa? Se non c’era contatto e nessuno sapeva nulla dell’altro, per quali ragioni ciò accadeva? Tutto questo corrisponde ai principi della buona amministrazione?
  6. Nella stessa intervista il direttore della Ripartizione Europa afferma che l’Organismo di valutazione non rispondeva a nessuno. Come si spiega questa affermazione? A chi rispondeva dunque l’Organismo di valutazione? Non sta sotto la Direzione Generale, assessore competente dott. Luis Durnwalder, lo stesso della Ripartizione Europa?

SULL’AUTORITA’ DI GESTIONE:

  1. A proposito delle “incoerenze nelle procedure di gestione e controllo all’interno dell’Autorità di Gestione FSE tramandate dai primi anni della presente programmazione”, si chiede: qual è il periodo esatto cui si fa riferimento alludendo ai “primi anni”, chi era responsabile allora di questa AdG e chi era responsabile in quello stesso periodo della Ripartizione Europa della Provincia autonoma di Bolzano?
  2. Quanti progetti, per l’ammontare di quali finanziamenti, sono interessati da queste “incoerenze”?
  3. Tali eventuali “incoerenze” riguardano anche procedure amministrative (gestione, controllo…), e se sì, quali e chi ne era responsabile in quel periodo? Se le “incoerenze” fossero confermate, ”, quali conseguenze ne trarrebbe la Provincia verso i responsabili?
  4. Se fosse confermato che tali incoerenze riguardano anche “importi indebitamente certificati”, quali conseguenze ne trarrebbe la Provincia sia verso i beneficiari che verso i propri organi amministrativi?

SUI 60 PROGETTI NON GESTITI IN ACCORDO CON LE DISPOSIZIONI:

  1. Sui “60 progetti conclusi che non erano a suo tempo stati gestiti da parte dei beneficiari in accordo con le disposizioni”, si chiede l’elenco completo dei progetti citati, con tutte le informazioni a essi riferite: asse, beneficiario, operazione, anno, atto di approvazione, totale importo pubblico approvato, importi erogati, eventuali note.
  2. Che tipo di “incongruenze nella documentazione rendicontale” sono state riscontrate in tali progetti? Tali incongruenze riguardano anche “eventuali importi indebitamente certificati”?
  3. Se le “incongruenze” fossero confermate, quali conseguenze ne trarrebbe la Provincia sia verso i beneficiari che verso i propri organi amministrativi?

Consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Bolzano, 3 luglio 2013

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]