Basta con il riscaldamento in palestra e diamoci una mossa per una vera accoglienza

23 Flares Filament.io 23 Flares ×

prissianAccoglienza profughi.

Dopo che la palestra della Wirtschaftsoberschule di Bressanone è stata sgombrata dai profughi accolti la settimana scorsa, ora viene messa a disposizione la palestra della scuola professionale ‚Tschuggmall‘.
Pur riconoscendo l‘impegno di direttori e operatrici, queste misure provvisorie diventano di giorno in giorno sempre più imbarazzanti. Al posto delle centinaia di persone che erano attese, la polizia ha accompagnato solo qualche decina di persone dalla stazione di Bressanone alla palestra. Da lì uomini, donne e bambini ripartivano però poco dopo in direzione Brennero per raggiungere l‘Austria e la Germania.
L‘annunciata opera di decongestionamento per aiutare Baviera e Tirolo si è dimostrata un alibi con cui la Giunta e la polizia hanno finto di dare supporto ai vicini, mentre in realtà erano felici che tutte queste persone lasciassero la provincia il prima possibile. Con l‘accoglienza di circa 800 profughi l‘Alto Adige/Südtirol, con Caritas e altre organizzazioni in prima linea, dà sicuramente il suo contributo che però impallidisce se messo a confronto con i numeri del vicino Tirolo (ca. 4000, e in futuro addirittura 6000!) o di una città dell‘Alta Baviera che spesso accoglie decine di migliaia di profughi. A maggior ragione è da lodare l‘impegno di molti volontari e volontarie che non risparmiano nè tempo, nè denaro, nè disponibilità ad aiutare in qualsiasi modo.
Per allinearsi in modo credibile alla catena di solidarietà europea tanto decantata dalla Giunta nella giornata dell‘Autonomia, la quota di profughi accolti dall‘Alto Adige/Südtirol dovrebbe aumentare di parecchio e decongestionare così i centri di accoglienza sovraffollati dell‘Italia meridionale.
I Verdi suggeriscono quindi alla Giunta i seguenti passi:

  • Dare una prognosi realistica delle future cifre riguardanti i profughi in arrivo per il prossimo semestre;
  • Individuare insieme ai rispettivi comuni altri possibili luoghi di accoglienza per il prossimo futuro;
  • Equipaggiare meglio il centro di accoglienza di Brennero anche per i pernottamenti e adibirlo di un presidio costante di accoglienza e assistenza.;
  • Nominare un coordinatore per i rifugiati seguendo l‘esempio die Länder austriaci;
  • Ma soprattutto prendersi carico di un numero maggiore di profughi, un numero che rispecchi le capacità economiche e di accoglienza di cui l‘Alto Adige/Südtirol dispone.

Possiamo solo sperare che il coro dei profughi che si esibirà al Museion questa sera non sia un semplice suono esotico evocativo di simpatia, ma una performance che inciti la Giunta ad agire con più decisione e coraggio.
L‘Alto Adige non deve arrivare al livello di altri Paesi ormai sovraccarichi, ma un pochino di più si può fare anche per non farsi umiliare troppo dai vicini del nord e da altre regioni del sud.

Hans Heiss
Brigitte Foppa
Riccardo Dello Sbarba Bozen, 9. 9. 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Solidarietà a Ägidius Wellenzohn – il mondo politico e il Bauernbund devono prendere le distanze con decisione dagli avvelenamenti.

Solidarietà a Ägidius Wellenzohn – il mondo politico e il Bauernbund devono prendere le distanze con decisione dagli avvelenamenti.

Da quanto ci è dato sapere, il coltivatore di mele Ägidius Wellenzohn, un coltivatore biologico impegnato della Val Venosta, è stato vittima da poco dell’avvelenamento sistematico dei suoi campi con il glifosato. Wellenzohn, che da ormai 30 anni colt[...]
Elezioni in Germania: un segnale per l’Europa, cinque lezioni per l’Alto Adige /Südtirol

Elezioni in Germania: un segnale per l’Europa, cinque lezioni per l’Alto Adige /Südtirol

Le elezioni appena conclusesi in Germania cambiano il panorama politico, confermano la stabilità della democrazia tedesca e sono un segnale per tutta Europa. Il crollo clamoroso di CDU/CSU e SPD arriva inaspettato, ma è l’evidente conseguenza dell’af[...]
Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]