Assistenza alla prima infanzia a ore?

8 Flares Filament.io 8 Flares ×

asilo-nidoDomani la Giunta deve decidere sull’omologazione delle tariffe per gli asili nido, le microstrutture e le Tagesmutter. In futuro tali tariffe dovranno essere calcolate su base oraria, con serie conseguenze.

A essere colpiti in modo particolarmente duro saranno gli asili nido che si differenziano molto dalle altre forme di assistenza all’infanzia. Gli asili nido, presenti principalmente a Bolzano, Merano, Bressanone e Laives, hanno una storia più lunga, una struttura diversa e una mission sociale diversa rispetto alle altre strutture. Si basano su un principio pedagogico complessivo che offre al bimbo e alla bimba una vita quotidiana alternativa alla famiglia, con rituali volti a dare sicurezza e uno svolgimento regolare e riconoscibile. I genitori sanno che negli asili nido i loro figli e le loro figlie vengono assistiti/e nel modo più completo, anche in situazioni problematiche.

Se venisse inserita una tariffazione oraria, i genitori dovranno rifare i conti ed eventualmente prendere in considerazione solo il minimo di ore necessario. Sarebbe un cambiamento gravoso per la vita di tutti i giorni delle bambine e dei bambini che si ritroverebbero ad avere un ritmo diverso di giorno in giorno. E per le strutture stesse si presenterebbero dei disagi notevoli per la pianificazione delle attività. I gruppi continueranno a cambiare composizione, con conseguenze negative sulla necessità di sicurezza e protezione tipica di bimbe bimbi piccoli.

Il fatto che questo cambiamento radicale avvenga proprio in mezzo all‘anno scolastico (1.1.2017) dimostra poi poca sensibilità nei confronti delle famiglie e dei loro bisogni organizzativi. Chi sa quanto siano difficili i primi mesi di scuola fino a che i ritmi famigliari si stabilizzino, non può desiderare che a gennaio tutto venga rimesso in discussione.

Infine, in quanto forza politica che pensa in modo interculturale, sottolineiamo che il nuovo sistema andrà principalmente a scapito delle famiglie residenti nelle città, in special modo delle famiglie italiane che stimano e fanno maggiormente riferimento a questo servizio. Invece di dare un riconoscimento al grande servizio che gli asili nido danno alla nostra terra e di rendere accessibili gli aspetti innovativi di queste strutture a tutto il servizio di assistenza all’infanzia, l’incomprensibile smania di razionalizzazione rischia di ledere e alla fine anche di dissanguare queste strutture.

Sarebbe una grave perdita per la diversità sociale della nostra terra e avrebbe come conseguenza una situazione di continua emergenza per le famiglie che fanno affidamento su queste strutture. Chiediamo alla Giunta di sospendere la delibera. Il piccolo risparmio che si potrebbe ottenere non può essere paragonato alle possibili conseguenze negative per l’assistenza all’infanzia.

Bolzano, 11.4.2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]