Ancora BBT

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

CANTIERE BRENNER BASISTUNNELI dubbi dei Verdi vengono confermati per l’ennesima volta

Dopo un lungo tergiversare finalmente è stato pubblicato lo studio sulla salute pubblica Public-Health-Studie del prof. Lercher di Innsbruck, il quale conferma tutti i dubbi che noi Verdi abbiamo espresso da sempre criticando l’insensatezza del Tunnel di base del Brennero.

In particolar modo viene sottolineato che i vari disagi per coloro che vivono lungo l’asse del Brennero non diminuiranno in maniera sostanziale anche dopo la costruzione del tunnel. L’impostazione della giunta provinciale, la quale sostiene che il trasferimento da strada su rotaia avverrà solo una volta compiuto il BBT (si veda il programma dell’SVP: “Il Tunnel di base del Brennero è il presupposto con cui si potrà obbligare il trasferimento del trasporto pesante dalla strada alla rotaia”), significa che la popolazione dovrà sopportare questa situazione di disagi per ambiente e salute ancora per parecchi anni. E lo studio ci dice pure che la situazione non cambierà anche a conclusione dell’opera! Inoltre è più che dubbio il modo in cui la SVP intende ottenere il passaggio obbligatorio dalla strada alla rotaia, se fino a ora non è nemmeno riuscita a ottenere dei costi reali di pedaggio che comprendano tutti i danni ambientali e per la salute. L’introduzione di questa misura porterebbe automaticamente alla riduzione di traffico “deviato”(che così seguirebbe una tratta più diretta, attraversando altri stati alpini, attualmente più costosi come la Svizzera) e costringerebbe i camionisti e i gestori della ferrovia a utilizzare meglio l’attuale capacità del trasporto su rotaia.

Alla luce delle nuove informazioni, questo progetto mastodontico sembra sempre più assurdo. Chiediamo al governo provinciale di cambiare al più presto direzione, anche se tardi, e di considerare un progetto meno costoso con meno effetti collaterali per la diminuzione del trasporto pesante sull’asse del Brennero. Citiamo qui solo la Borsa dei transiti alpini oppure il Mercato delle emissioni (Cap and Trade).

Brigitte Foppa e Giorgio Zanvettor, Co-portavoce provinciali dei Verdi Grüne Verc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]