Alto Adige Pass: bonus prima annunciato e poi ritirato

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

INTERROGAZIONE

AltoAdigePassL’AltoAdige Pass è nato il 14 febbraio 2012 e per tutti coloro che hanno richiesto la tessera fin dal primo momento comincia a scadere la validità annuale e occorre fare il rinnovo, che avviene in automatico per un altro anno.

Dunque una questione solo formale? Niente affatto. Infatti c’è un’unica ma sostanziale novità: al momento del rinnovo viene azzerato l’ammontare dei chilometri percorsi. La persona interessata deve ricominciare da capo la “scalata” dei chilometri, ripartendo dalla fascia a più alto prezzo, per accumulare viaggi e entrare nelle fasce più agevolate.

Il sistema tariffario infatti prevede una prima fascia da 8 cent al km (6 per le famiglie) sino al raggiungimento dei 1.000 km percorsi, e un costo che cala a 4 cent al km (3 per le famiglie) per la seconda fascia tra i 1.000 e i 10.000 km. C’è poi una terza fascia, per chi percorre tra i 10.000 e i 20.000 km, che prevede un costo ancora inferiore, pari a 2 cent per ogni km percorso, mentre una volta superata la soglia dei 20.000 km, gli ulteriori viaggi saranno a costo zero.

Al momento dell’adesione alle persone interessate è stato concesso un “bonus” di 500 Km. La cosa si è ripetuta al primo rinnovo, lo scorso anno.

Anche per il rinnovo nel 2014 gli utenti hanno ricevuto una prima comunicazione scritta che diceva che il bonus veniva concesso anche quest’anno. Ma poi, subito dopo, le stesse persone hanno ricevuto una seconda comunicazione che spiegava che dal 2014 in poi il “bonus” per il rinnovo non è più previsto: si riparte davvero “da zero”. La cosa ha suscitato lo sconcerto degli interessati, soprattutto per questo susseguirsi di due comunicazioni una l’opposto dell’altra.

Si chiede

  1. Come è potuto accadere che sia stata data prima la comunicazione della ripetizione del “bonus” anche per il 2014 e subito dopo la comunicazione opposta?
  2. Quale ufficio era responsabile di queste comunicazioni?
  3. L’annullamento del “bonus” dopo due anni era previsto fin dall’inizio dell’introduzione del sistema Alto Adige Pass, oppure è stata decisa dopo? Se dopo, quando, con quale atto e perché?
  4. Comunque sia, e in qualunque momento sia stata decisa, la sospensione del bonus dopo un certo periodo è stata messa chiaramente a conoscenza degli utenti al momento della prima richiesta della tessera per i trasporti pubblici? Se sì, come era informata la persona interessata? In quale atto a lei trasmesso o comunque da lei necessariamente letto nel corso della procedura di richiesta della tessera?
  5. Se tale informazione non era a portata di utente, tale clausola può essere considerata valida o si presta a ricorsi?

Bolzano, 17 febbraio 2014

Firmato Consiglieri

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss
Brigitte Foppa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Solidarietà a Ägidius Wellenzohn – il mondo politico e il Bauernbund devono prendere le distanze con decisione dagli avvelenamenti.

Solidarietà a Ägidius Wellenzohn – il mondo politico e il Bauernbund devono prendere le distanze con decisione dagli avvelenamenti.

Da quanto ci è dato sapere, il coltivatore di mele Ägidius Wellenzohn, un coltivatore biologico impegnato della Val Venosta, è stato vittima da poco dell’avvelenamento sistematico dei suoi campi con il glifosato. Wellenzohn, che da ormai 30 anni colt[...]
Elezioni in Germania: un segnale per l’Europa, cinque lezioni per l’Alto Adige /Südtirol

Elezioni in Germania: un segnale per l’Europa, cinque lezioni per l’Alto Adige /Südtirol

Le elezioni appena conclusesi in Germania cambiano il panorama politico, confermano la stabilità della democrazia tedesca e sono un segnale per tutta Europa. Il crollo clamoroso di CDU/CSU e SPD arriva inaspettato, ma è l’evidente conseguenza dell’af[...]
Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]