Airport Free Zone

14 Flares Filament.io 14 Flares ×

Per un NO all’aeroporto, convinto e informato!

Airport Free ZoneCon il libretto “Airport free zone”, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale vuole offrire un accurato strumento di informazione alle cittadine e ai cittadini che domenica 12 giugno 2016 voteranno nella consultazione popolare sull’aeroporto di Bolzano.
Il libretto pubblica, in forma sintetizzata ed aggiornata, la relazione alla legge di Riccardo Dello Sbarba, accompagnata da grafici e tabelle, con una accattivante introduzione di Hans Heiss e un efficace appello al voto di Brigitte Foppa.

Da quando il Consiglio provinciale ha convocato la consultazione popolare sono successe molte cose e tutte hanno confermato le ragioni del nostro NO:

1. Durante gli incontri informativi organizzati da ABD la popolazione ha espresso la propria netta contrarietà al piano di sviluppo aeroportuale.
2. Vari comuni della Bassa Atesina e dell’Oltradige, con i sindaci in prima fila, hanno dichiarato il loro NO all’aeroporto.
3. Il Comitato ambientale dell’Agenzia provinciale per l’Ambiente ha smentito lo “screening ambientale” presentato da ABD, che minimizzava i rischi per la salute, e ha deciso di sottoporre il piano di sviluppo aeroportuale ad una vera e propria Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Così ha scritto Flavio Ruffini, direttore della Ripartizione Ambiente: “Il progetto, per la sua natura, la sua dimensione e la sua ubicazione potrebbe avere un notevole impatto ambientale”.
4. Numerosi esperti e operatori del settore (ultimo Niki Lauda) hanno confermato che l’aeroporto di Bolzano non è interessante per una compagnia aerea, mentre ABD non riesce a citare una compagnia, neppure una!, che abbia dimostrato concreto interesse.

Di fronte alla crescente opposizione popolare, i promotori dell’aeroporto cercano di confondere le idee. Così il presidente Michaeler, la scorsa settimana, ha affermato che i voli “saranno al massimo 5 al giorno”. Un’affermazione che contraddice lo stesso piano della ABD.
Per smentirla basta quanto scrive l’Agenzia per l’Ambiente: “Il piano di sviluppo prevede nel ‘Base Case’ ca. 40 movimenti al giorno con aeromobili ad elica di grandi dimensioni e aeromobili a reazione (esclusi i piccoli aerei sportivi). Nelle settimane di punta tali movimenti aerei salgono fino a mediamente ca. 50 al giorno. (…) E’ stato calcolato un incremento delle emissioni inquinanti tra il 150% e il 400%”. Per non parlare del rumore!

L’ultimo tentativo dei promotori è infine quello di ricattare le persone sulle conseguenze della vittoria del NO: l’aeroporto – sostengono – verrebbe messo a gara e finirebbe ai privati.
E’ una minaccia facile da smentire. Roma infatti ha deciso di trasferire l’aeroporto alla Provincia e questa, se vincerà il no, avrà tutto il potere necessario per rispettare la volontà popolare.

Il “Piano nazionale aeroporti” approvato il 27 agosto 2015 dal Governo Renzi prevede che il trasferimento avvenga con una norma di attuazione dello Statuto. Il Presidente Kompatscher è il primo a saperlo e deve
darsi da fare perché la norma sia varata al più presto.
La raggiungibilità sarà ancor meglio garantita con la ferrovia. E per chi proprio deve volare, un efficiente servizio di bus e treni collegherà Bolzano agli aeroporti vicini.

Tutta la documentazione nel libretto: “Airport free zone”: per un NO convinto e consapevole.

hans ric bri flughafen

Bolzano, 12.04.2016

Gruppo Verde in Consiglio provinciale
Riccardo Dello Sbarba, Brigitte Foppa, Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

Ritorno del lupo: le misure di prevenzione ci sono, ma in Alto Adige nessuno le adotta

La conferma ora è ufficiale: sebbene esistano misure efficaci per prevenire gli attacchi del lupo alle greggi e che esse siano finanziate generosamente dalla Provincia, in Alto Adige finora nessuno ne ha adottato neppure una. Sono queste le conseguen[...]
Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Mozione approvata: "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri"

Siamo molto contente/i che la nostra mozione sia stata approvata! La Giunta provinciale ha accettato di avviare una campagna sia per informare uomini e giovani sul mestiere di maestro di scuola dell’infanzia o primaria, sia e per lottare contro gli s[...]
Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

Proteggere le minoranze anziché la SVP nel parlamento italiano

L’opposizione al completo (16 consigliere e consiglieri provinciali) chiedono una nuova e più giusta legge elettorale. Anche il Gruppo Verde ha partecipato oggi alla conferenza stampa comune e ha sostenuto in aula la mozione-voto unitaria. “Vogliamo [...]
Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Verità per i prodotti a marchio Alto Adige

Il marchio Alto Adige – Südtirol dovrebbe essere garanzia di qualità, origine e autenticità. La carne di maiale da cui vengono confezionati i salumi però, proprio come lo speck, può arrivare anche da fuori regione. È dunque impossibile per la [...]
Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Mozione: Ius soli - il parlamento concluda l’iter legislativo

Il Parlamento italiano sta discutendo un disegno di legge per istituire lo ius soli temperato e lo ius culturae per l’attribuzione della cittadinanza italiana a bambine e bambini nati e/o cresciuti sul territorio italiano. La situazione attuale A[...]
Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Paesaggio in pericolo – Interessi delle lobby sotto tutela

Un primo commento sulla nuova legge urbanistica Politica degli annunci e strategia della zebra: questi i principali punti critici sottolineati dai Verdi alla presentazione della nuova legge urbanistica „territorio e paesaggio“. Il processo che ha [...]
Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Interrogazione: Maestre tramutate in guardie sanitarie?

Dal gruppo di rappresentanza del personale pedagogico delle scuole materne (KAS) riceviamo una lettera piena di dubbi e domande sulla questione vaccini. Noi Verdi condividiamo pienamente le loro perplessità. Le maestre si chiedono, in vista dell’att[...]
Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Visite private contro le liste d’attesa – non è una buona soluzione

Da tempo le pazienti e i pazienti sudtirolesi soffrono delle lunghe liste d’attesa nella sanità. Oggi veniamo a sapere dal direttore generale Schael e dalla Giunta che l’emergenza verrà affrontata con l’aumento delle visite private e che al momento s[...]