Airport Free Zone

14 Flares Filament.io 14 Flares ×

Per un NO all’aeroporto, convinto e informato!

Airport Free ZoneCon il libretto “Airport free zone”, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale vuole offrire un accurato strumento di informazione alle cittadine e ai cittadini che domenica 12 giugno 2016 voteranno nella consultazione popolare sull’aeroporto di Bolzano.
Il libretto pubblica, in forma sintetizzata ed aggiornata, la relazione alla legge di Riccardo Dello Sbarba, accompagnata da grafici e tabelle, con una accattivante introduzione di Hans Heiss e un efficace appello al voto di Brigitte Foppa.

Da quando il Consiglio provinciale ha convocato la consultazione popolare sono successe molte cose e tutte hanno confermato le ragioni del nostro NO:

1. Durante gli incontri informativi organizzati da ABD la popolazione ha espresso la propria netta contrarietà al piano di sviluppo aeroportuale.
2. Vari comuni della Bassa Atesina e dell’Oltradige, con i sindaci in prima fila, hanno dichiarato il loro NO all’aeroporto.
3. Il Comitato ambientale dell’Agenzia provinciale per l’Ambiente ha smentito lo “screening ambientale” presentato da ABD, che minimizzava i rischi per la salute, e ha deciso di sottoporre il piano di sviluppo aeroportuale ad una vera e propria Valutazione di Impatto Ambientale (VIA). Così ha scritto Flavio Ruffini, direttore della Ripartizione Ambiente: “Il progetto, per la sua natura, la sua dimensione e la sua ubicazione potrebbe avere un notevole impatto ambientale”.
4. Numerosi esperti e operatori del settore (ultimo Niki Lauda) hanno confermato che l’aeroporto di Bolzano non è interessante per una compagnia aerea, mentre ABD non riesce a citare una compagnia, neppure una!, che abbia dimostrato concreto interesse.

Di fronte alla crescente opposizione popolare, i promotori dell’aeroporto cercano di confondere le idee. Così il presidente Michaeler, la scorsa settimana, ha affermato che i voli “saranno al massimo 5 al giorno”. Un’affermazione che contraddice lo stesso piano della ABD.
Per smentirla basta quanto scrive l’Agenzia per l’Ambiente: “Il piano di sviluppo prevede nel ‘Base Case’ ca. 40 movimenti al giorno con aeromobili ad elica di grandi dimensioni e aeromobili a reazione (esclusi i piccoli aerei sportivi). Nelle settimane di punta tali movimenti aerei salgono fino a mediamente ca. 50 al giorno. (…) E’ stato calcolato un incremento delle emissioni inquinanti tra il 150% e il 400%”. Per non parlare del rumore!

L’ultimo tentativo dei promotori è infine quello di ricattare le persone sulle conseguenze della vittoria del NO: l’aeroporto – sostengono – verrebbe messo a gara e finirebbe ai privati.
E’ una minaccia facile da smentire. Roma infatti ha deciso di trasferire l’aeroporto alla Provincia e questa, se vincerà il no, avrà tutto il potere necessario per rispettare la volontà popolare.

Il “Piano nazionale aeroporti” approvato il 27 agosto 2015 dal Governo Renzi prevede che il trasferimento avvenga con una norma di attuazione dello Statuto. Il Presidente Kompatscher è il primo a saperlo e deve
darsi da fare perché la norma sia varata al più presto.
La raggiungibilità sarà ancor meglio garantita con la ferrovia. E per chi proprio deve volare, un efficiente servizio di bus e treni collegherà Bolzano agli aeroporti vicini.

Tutta la documentazione nel libretto: “Airport free zone”: per un NO convinto e consapevole.

hans ric bri flughafen

Bolzano, 12.04.2016

Gruppo Verde in Consiglio provinciale
Riccardo Dello Sbarba, Brigitte Foppa, Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]