Air Alps: 6 milioni investiti da Provincia e Regione vanno in fumo

1 Flares Filament.io 1 Flares ×

AIR ALPS - esposto alla Corte dei Conti - Dello Sbarba e Heiss 002ESPOSTO

L’Air Alps va in liquidazione e i 6 milioni investiti da Provincia e Regione vanno in fumo.

Possibile danno erariale.

I sottoscritti Riccardo Dello Sbarba e Hans Heiss, consiglieri della Provincia autonoma di Bolzano, espongono quanto segue.

Il 20 agosto 2013 i responsabili di Air Alps hanno comunicato ufficialmente la messa in liquidazione della compagnia aerea. E’ un esito ampiamente prevedibile, vista la storia fallimentare di questa società.

Provincia e Regione tra il 2005 e il 2006 (quando Presidente di entrambe le giunte era Luis Durnwalder) vi hanno investito 6 milioni di euro prelevati dalle tasse dei cittadini. La Provincia, tramite STA, investì 4.470.000 € (oggi la partecipazione è del 4,58%); la Regione 1,5 milioni di euro (partecipazione dell’1,8%). A questo denaro vanno aggiunti circa 4 milioni di euro pagati dalla Provincia ad Air Alps dal 2012 al 2013 per il volo Bolzano-Roma.

L’avventura in Air Alps si è rivelata una catastrofe finanziaria per Provincia e Regione. Per scongiurarla noi Verdi per anni abbiamo chiesto con forza – già con una mozione del lontano 2009 (nr. 127: “Uscire subito da Air Alps.”) che i due enti uscissero il prima possibile da questa società, in modo da mettere al riparo il denaro pubblico dalle conseguenze di una probabile messa in liquidazione. Infine due nostre mozioni di analogo contenuto sono state approvate a grande maggioranza dal Consiglio Regionale il 14 maggio 2013 (mozione nr. 54 del 2013) e dal Consiglio Provinciale il 5 giugno 2013 (mozione nr. 643 del 2013).

Non ci risulta che le Giunte provinciale e regionale abbiano dato seguito alle mozioni approvate. Ora Provincia e Regione vedono entrambe andare in fumo il proprio investimento, come socie di una compagnia in liquidazione e rischiano anche di dover contribuire – per la propria quota – al risarcimento dei debitori.

Entrambe le partecipazioni non erano assolutamente giustificate, poiché non vi è alcun pubblico interesse nel gettare denaro pubblico in una compagnia aerea privata e per di più fin dall’inizio fallimentare. Questo denaro dei cittadini e delle cittadine avrebbe potuto essere impiegato molto più utilmente per sostenere le persone più fragili dagli effetti della crisi economica, oppure per sviluppare la ricerca, la cultura, l’innovazione.

Va ricordato che la maggioranza politica provinciale e la Giunta provinciale hanno fatto di tutto per liberarsi dal dovere di evitare partecipazioni che non rientrino nel pubblico interesse. Lo dimostrano le successive modifiche subite dalla legge provinciale nr. 12 del 2007, articolo 1 comma 4, che vietava alla Provincia partecipazioni in società fornitrici di beni che non fossero di pubblico interesse e imponeva alla stessa Provincia l’uscita da tali partecipazioni. La norma interessava ovviamente anche la società Air Alps, compagnia aerea privata (infatti di pubblico interesse è stato dichiarato solo il volo Bolzano-Roma, che tuttavia viene messo a gara e può essere effettuato da qualsiasi compagnia vinca l’appalto, come effettivamente è successo, escludendo Air Alps da qualsiasi servizio su Bolzano). La dismissione doveva avvenire entro due anni, dunque entro il 2009.

Ma proprio nel 2009 la maggioranza politica provinciale, su proposta della Giunta, approva una riforma della legge 12/07 con l’articolo 13 della legge provinciale nr. 41/2009, che stabilisce che l’incompatibilità riguardi solo “le partecipazioni dirette” e così dunque viene “salvata” la partecipazione in Air Alps che la Provincia ha messo in atto non direttamente ma tramite la società STA, che appartiene comunque alla Provincia.

Con questa modifica si aggirano di fatto le norme europee sulla base delle quali era stata promulgata la legge 12/2007.

Va ricordato inoltre che nel 2010, quando la difficoltà di Air Alps era già chiara e la crisi fu evitata in extremis dall’ingresso della società Welcome Air, mentre gli investitori altoatesini (una cordata di imprenditori locali) vendettero le loro quote alla Welcom Air, i soli soggetti che non cedettero alcuna quota (e quella era forse l’ultima occasione per liberarsene senza perdere tutto il capitale) furono proprio la Provincia di Bolzano e la Regione Trentino-Alto Adige- Südtirol. Un’inerzia irragionevole (mentre i privati locali si mettono in salvo!) che ha certamente bisogno di spiegazioni!

Per tutti questi motivi,

i sottoscritti consiglieri provinciali invitano codesta Procura regionale presso la Corte dei Conti ad accertare se nel sopra descritto caso si sia verificato un danno erariale e se ci siano gli estremi per procedere di conseguenza.

I sottoscritti chiedono di essere informati sugli eventuali sviluppi degli accertamenti che codesta Procura vorrà intraprendere.

Con distinti saluti, i consiglieri provinciali

Riccardo Dello Sbarba
Hans Heiss

Bolzano, 22.08.2013

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

Doppia cittadinanza o doppia strategia?

L'atteggiamento ballerino della SVP sulla doppia cittadinanza è un flirt rischioso con i secessionisti. La lettera firmata da 19 consiglieri al governo austriaco sulla doppia cittadinanza ha fatto scalpore... non tanto per i contenuti, quanto piut[...]
Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Il fango resta attaccato alla mano che lo lancia. I Verdi del Sudtirolo e i Verdi di Bolzano condannano l’azione leghista contro la collega Maria Laura Lorenzini

Oggi i consiglieri comunali della Lega a Bolzano hanno distribuito ai passanti delle finte banconote da 1000 Euro con l’immagine dell’assessora Maria Laura Lorenzini. Questa azione  vuole portare l’attenzione (e l’odio!) della gente sull’iniziativa[...]
Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]