Addio a Christoph Hartung von Hartungen (1955-2013)

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Bolzano, lì 25 febbraio 2013

Che Christoph Hartung von Hartungen sia scomparso così, all’improvviso, si stenta a crederlo. Con sua moglie Dorothea, egli era una figura irrinunciabile dell’ambiente culturale di Bolzano e dell’Alto Adige, come insegnante, storico, persona pubblica e osservatore attento e mite, di un’ironia acuta ma mai offensiva.

Christoph sentiva l’impegno pubblico come un dovere civile, accanto alla cura della famiglia e al suo lavoro di insegnante al liceo, “Walther von der Vogelweide”. L’impegno e la partecipazione erano sempre stati irrinunciabili, fin dagli anni da studente al Liceo dei Francescani e poi nell’Associazione Studenti Universitari Sudtirolesi negli anni settanta.

La sua grande vocazione di storico venne presto alla luce: già nel 1980 diede un contributo decisivo alla riscoperta in Alto Adige del ribelle contadino Michael Gaismair, fin dal 1984 contribuì a mettere in discussione il mito di Andreas Hofer e nel 1985 con Reinhold Staffler mise a disposizione del vasto pubblico la prima e divulgativa storia dell’Alto Adige nel XX° Secolo.

Attaccato dalla pubblicistica conservatrice come componente del gruppo degli “auto-proclamati storici”, Christoph Hartung von Hartungen era allora – tra le persone che componevano la giovane generazione di storici critici con la vulgata ufficiale – quello che aveva la visione più universale e completa: dall’antichità a Oswald von Wolkenstein fino alle due guerre mondiali. Ed era un divulgatore eccellente, con le sue innumerevoli conferenze e pubblicazioni, con la collaborazione a diversi libri di storia locale, con le frequenti visite guidate e soprattutto come insegnante appassionato e stimolante di diverse generazioni di studenti e studentesse.

Christoph Hartung von Hartungen ha contribuito in modo decisivo al dialogo tra i gruppi linguistici, rivolgendosi sempre e riuscendo a conquistare un vasto pubblico sia di lingua italiana che di lingua tedesca.

Intorno a Christoph si respirava l’antica aria multinazionale e plurilingue della vecchia monarchia asburgica, alla cui storia la sua famiglia era profondamente legata. L’idea di un Tirolo cosmopolita e accogliente per lui era un’ovvietà.

Dopo la prima esperienza come consigliere comunale a Siusi, Christoph è in consiglio comunale a Bolzano nel periodo 2000-2005, in una fase difficile, caratterizzata nel 2002 dal referendum sulla denominazione di Piazza vittoria o Piazza della Pace, in un clima politico surriscaldato, in cui il Comune dovette anche affrontare difficoltà di tipo finanziario, come quelle legate alla mancata vendita di azioni dell’Azienda Energetica. La pressione enorme di quella fase di conflitto politico fu per lui senza dubbio una dura prova e ebbe conseguenze anche sulla sua salute.

Come rappresentante degli insegnanti e presidente del Consiglio Scolastico Provinciale dal 2006, Christoph Hartung von Hartungen portò il suo impegno in acque più tranquille, anche se a volte ancora turbolente. La sua calma, le sue posizioni calibrate e il suo acuto senso della giustizia ne hanno fatto una figura di integrazione, vocata alla riconciliazione e all’accordo. La sua capacità intellettuale, la sua apertura mentale, la sua gioia di vivere e il suo atteggiamento conciliante hanno reso Christoph von Hartungen una personalità estremamente apprezzata, di un profilo inconfondibile.

I Verdi lo ricordano come rappresentante di un Sudtirolo europeo e insieme coi piedi per terra, come viaggiatore tra diverse epoche storiche e diversi mondi. Egli ha arricchito costantemente la sua terra come insegnante e come personalità della politica e della cultura. Per tutto questo gli dobbiamo un’immensa gratitudine.

Esprimiamo le nostre sincere condoglianze a sua moglie Dorothea, a sua figlia Charlotte e ai fratelli Max e Anton.

Hans Heiss e Riccardo Dello Sbarba, Consiglieri Provinciali
Brigitte Foppa e Sepp Kusstatscher, Portavoci dei Grünen-Verdi-Vërc

Partenza ecosociale verso gli appuntamenti elettorali - commiato e nuove elezioni all’assemblea provinciale verde

Partenza ecosociale verso gli appuntamenti elettorali - commiato e nuove elezioni all’assemblea provinciale verde

C’era un fitto ordine del giorno all’assemblea provinciale verde il 27 maggio 2017 nella sala di Rappresentanza del Comune di Bolzano. Hans Heiss è stato salutato con una Standing Ovation dopo 14 mesi di co-portavoce. Sono seguite le votazioni.[...]
Salvata la pace domenicale

Salvata la pace domenicale

Legge omnibus: la Giunta provinciale voleva autorizzare i cantieri rumorosi anche nei giorni festivi. Grazie a un emendamento dei Verdi il passo è stato eliminato! Oggi si è riunita la 2 commissione legislativa del Consiglio provinciale per discut[...]
Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: peggioramento delle conoscenze della seconda lingua

Studio Kolipsi II: il peggioramento delle conoscenze della seconda lingua tra gli/le studenti non è un incidente di percorso, ma un difetto del sistema Sudtirolo. Le proposte verdi. L’analisi approfondita realizzata da Kolipsi mostra un risultat[...]
Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

Vaccini obbligatori: un gesto quanto meno precipitoso

In questi giorni in Alto Adige si discute sul provvedimento spropositato e sproporzionato del Governo che prevede 12 vaccini obbligatori con multe draconiane in caso di inadempimento. Noi Verdi sudtirolesi ci siamo sempre impegnati per la libertà di [...]
Lasciamo crescere l’erba

Lasciamo crescere l’erba

No all'uso di erbicidi a livello provinciale e comunale I Verdi presentano un disegno di legge e una proposta di mozione per limitare l’utilizzo di erbicidi che metteranno a disposizione di rappresentanti comunali. In alcuni casi si è arrivati ad[...]
Una piramide d’oro con la base d’argilla

Una piramide d’oro con la base d’argilla

Il nuovo disegno di legge sulla struttura dirigenziale dell’amministrazione provinciale punta sugli alti dirigenti. Questo a discapito di competenza ed equità sociale – e con indennità fino a 240.000 Euro! Il 18 maggio la giunta provinciale ha app[...]
Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

Migranti, sull’integrazione la Giunta provinciale fa populismo

La Giunta provinciale ha annunciato un giro di vite sui sussidi “aggiuntivi”, che andranno d’ora in poi riservati solo a chi “mostra volontà di integrazione”. L’annuncio si riferisce all’articolo 18 della legge Omnibus n. 125/2017 che verrà discusso [...]
DAI COMUNI
Appuntamenti
07/06/2017
09/06/2017
10/06/2017
11/06/2017