Acquisto della quota ENEL: un importante passo avanti, con molti interrogativi

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

SELL’acquisto della quota Enel del 40% della società SE Hydropower da parte di SEL può essere considerato come un passo necessario per liberare la politica energetica del Sudtirolo dai gravi errori e dalle ipoteche della passata gestione. Un’opzione simile era stata prospettata dal Gruppo Verde già all’epoca dello scandalo Sel.

Va ricordato inoltre che già alla fine degli anni ’90 Enel offrì alla Provincia l’acquisto in blocco di tutte le sue centrali ma la Provincia guidata da Luis Durnwalder rifiutò, al contrario della Valle d’Aosta che da 20 anni detiene la piena proprietà delle sue centrali. Andrà prima o poi calcolato il prezzo complessivo che il Sudtirolo ha pagato per questa scelta e per quel che è seguito: le gare manipolate, i contratti capestro a tutto vantaggio di Enel, il conflitto permanente con i comuni e le altre società elettriche del territorio. Questo conflitto non è ancora finito, ma il passo dell’acquisto della quota Enel può facilitarlo.

Per dare un giudizio definitivo sull’operazione restano da chiarire molti punti essenziali:

  1.  Andrà chiarito non solo il prezzo effettivo di acquisto, ma soprattutto chi e come lo pagherà. Ricordiamo che i mutui e le fideiussioni concesse finora dalla Provincia a favore di Sel hanno destato l’attenzione delle autorità europee che vietano “aiuti di stato” alle imprese.
  2. Va chiarito se verrà modificato e come il prospettato accordo con AEW e, in particolare, se nella eventuale nuova società i Comuni di Bolzano e Merano avranno ancora il 41,5% delle quote. I valori delle quote infatti erano stati definiti sulla base di una Sel partecipe solo al 60% in SE Hydropower, che rappresenta quasi la metà dell’intera produzione idroelettrica del Sudtirolo. Se adesso Sel sale al 100%, scenderà il valore relativo di AEW e dunque le quote riservate ai Comuni?
  3. Va chiarito quali e quanti dei contratti stipulati da SE Hydropower con Enel (resi obbligatori dagli accordi SEL-Enel firmati tra il 2008 e il 1010) resteranno in vigore e fino a quanto. In particolare hanno garantito notevoli vantaggi a Enel:
    a. I due contratti di compra-vendita dell’energia, secondo i quali tutta l’energia prodotta da SWE Hydropower viene rilevata da Enel a prezzo di costo e poi venduta sul mercato da Enel stessa, salvo un rimborso a Sel di un prezzo-base più basso di quello realizzabile disponendo autonomamente dell’energia. Questi contratti hanno portato a Enel vantaggi e alla Provincia perdite di entrate fiscali nell’ordine di decine di milioni all’anno.
    b. I numerosi contratti di servizio che obbligano SE Hydropower e Sel ad affidare numerosi servizi tecnici, amministrativi, gestionali, di dispacciamento ecc… a Enel, con un compenso per quest’ultima che ad oggi è stato quantificato in 18 milioni/anno.
  4. L’acquisto comprende anche il “pacchetto clienti” Enel sul nostro territorio o solo le centrali? Ricordiamo che in Trentino da anni tutti i clienti Enel sono passati a Dolomiti energia, mentre in Alto Adige ancora nel 2011 ben 85.000 utenti ricevevano le bollette da Enel.

Riassumendo: un grosso passo avanti, che va riconosciuto alla nuova Giunta provinciale, ma accompagnato da diverse questioni aperte: tra le altre soprattutto la futura posizione di AEW e dunque dei comuni di Merano e Bolzano.

Bolzano, 7 novembre 2014

Cons. prov.
Riccardo Dello Sbarba

Brigitte Foppa

Hans Heiss

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]