Abo Minus

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

AltoAdigePassCome previsto possiamo assistere oggi alle conseguenze della generosità preelettorale dell’allora assessore Widmann per quanto riguarda l’ABO+.
Già ai tempi dell’introduzione dell’abbonamento gratuito per giovani e anziani/e i Verdi avevano avvertito che non sarebbe stata un’operazione economicamente sostenibile. In risposta a una nostra interrogazione sono emerse chiaramente alcune cifre: i 112.300 utenti paganti coprono le spese di 147.500 utenti esonerati. Che un sistema del genere non possa reggere è chiaro. La Giunta ora reagisce e fa partecipare alla copertura dei costi anche giovani e anziani ed eleva leggermente le tariffe in generale.

Secondo la nostra opinione, ci si sta muovendo di nuovo in maniera sbagliata, perché di nuovo con una cifra forfettaria vengono colpiti tutti e di nuovo vengono trascurati i/le pendolari che avrebbero maggiormente bisogno di una tariffa agevolata.
In tutto questo si mantiene il vecchio sistema tariffario nei suoi tratti fondamentali, peggiorandolo sotto parecchi aspetti. Non solo con l‘introduzione indifferenziata di una tariffa per giovani e anziani, ma soprattutto perché la conseguenza più grave ricade ancora una volta sulle spalle di chi paga normalmente: per questi ultimi, non solo sono state aumentate le tariffe, ma è stata addirittura inserito un ulteriore gradino tariffario tra i 1000 e i 2000 km.

La nostra impostazione, lo ripetiamo ancora una volta, sarebbe stata invece:

  • Prevedere una tratta pendolare con tariffa agevolata per ogni Pass valida indipendentemente dal numero di viaggi;
  • Prevedere una tariffa forfettaria solo per coloro che se la possono permettere. Il diritto alla gratuità può essere verificato tramite la presentazione del DURP.
  • Gli oneri burocratici possono essere ridotti con dei controlli degli aventi diritto alla gratuità eseguiti a campione.

Ancora una volta dobbiamo constatare che nuovo non significa automaticamente diverso.

12.11.2014
Brigitte Foppa
Hans Heiss
Riccardo Dello Sbarba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Per gli animali e le persone

Per gli animali e le persone

Presentazione del disegno di legge per un “Divieto di utilizzo di esche e bocconi avvelenati” Il disegno di legge è stato presentato trasversalmente da Brigitte Foppa, Riccardo Dello Sbarba, Hans Heiss, Andreas Pöder e Paul Köllensperger e il 21 apr[...]
La legge sul fine vita

La legge sul fine vita

Serata-Info-Abend Bolzano-Bozen, Sala Comune/Gemeindesaal, Vicolo Gumer Gasse La legge sul fine vita Die Patientenverfügung con/mit On. DELIA MURER e/und MINA WELBY On. DELIA MURER, deputata "Articolo1-MDP", è prima-firmataria della legge[...]
Osservatore elettorale in Turchia.

Osservatore elettorale in Turchia.

Questa domenica, domenica di Pasqua, in Turchia avrà luogo il contestato referendum sulla cosiddetta riforma costituzionale con la quale il presidente Erdogan cerca di legalizzare ed assicurare a sé stesso e al suo partito AKP quel potere pressoché a[...]
Sguardi 2016

Sguardi 2016

Per il Gruppo Verde si è concluso ormai un altro anno intenso. Ancora una volta possiamo guardarci indietro soddisfatti e fare un bilancio delle attività svolte nel 2016. Ci siamo impegnate e impegnati su tutti i fronti caldi dell’attualità provin[...]
Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Riforma sanità: il buon lavoro politico paga

Ben dieci importanti emendamenti dei Verdi approvati dal Consiglio provinciale (cui se ne aggiungono altri due già approvati in commissione). La riforma resta problematica, ma qualche passo avanti è stato fatto, tramite il reciproco ascolto tra maggi[...]
Maestri cercasi

Maestri cercasi

Consenso sulla proposta "Cercasi uomini che vogliano fare i maestri" Il Consiglio provinciale oggi ha discusso le nostre proposte per incentivare la presenza maschile nelle scuole materne e nelle scuole elementari. Il dibattito ha dimostrato che s[...]
Sanità, una riforma malriuscita.

Sanità, una riforma malriuscita.

Le proposte del gruppo Verde per garantire il diritto alla salute a cittadine e cittadini Non è la „grande riforma“ che era stata promessa. Restano due diverse leggi a regolare il settore. Manca qualsiasi piano finanziario. L'auspicato coordinam[...]