9,9 % (più x) per Oktavia Brugger e la lista Per un’altra Europa con Tsipras

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

okti danke

Le elezioni europee e lo spoglio delle schede ormai sono alle nostre spalle e i Verdi dell‘Alto Adige/Südtirol si possono dire soddisfatti. Il risultato con il 9,9% (18.948 voti) confermano che con la candidatura Oktavia Brugger nella lista Per un’altra Europa con Tsipras siamo riusciti a dare una vera alternativa all‘elettorato eco-sociale.

Con questa lista siamo riusciti a superare lo scoglio del 4%, il che ci dimostra che la decisione di unirci alla lista Tsipras è stata strategicamente corretta.

Che poi Oktavia Brugger fosse la candidata migliore lo conferma il fantastico risultato personale: con 15.845 preferenza in Sudtirolo e 21.446 è stata la candidata più votata nella circoscrizione del nord-est.
Purtroppo questo risultato non basta per ottenere un mandato nel Parlamento europeo, poiché nelle altre circoscrizioni la lista Tsipras ha avuto un risultato migliore rispetto al nord-est. È proprio un peccato, perché siamo sicuri che Oktavia Brugger sarebbe stata una vera risorsa per la rappresentanza sudtirolese a Bruxelles.

E così rimane solo l‘SVP ad avere un mandato europeo. La legge elettorale elaborata con il beneplacito della SVP funziona dunque benissimo, nel rendere la vita degli altri il doppio più difficile. Per partiti sotto i 50.000 voti è infatti necessario inserirsi in liste nazionali, cosa che compromette molto la loro visibilità.

Nel nostro caso abbiamo subito un ulteriore danno, quando il resto dei Verdi italiani guidati da Marco Boato sono stati ammessi in extremis sulla scheda: per il nostro elettorato si è trattato di un elemento di grande confusione. Questa lista, a livello italiano, non ha nemmeno raggiunto l‘1%, ma i 7.500 voti che sono riusciti a raccogliere in Alto Adige in gran parte erano probabilmente voti di elettori che hanno dato la loro preferenza a Oktavia Brugger nella lista dei Verdi. Questa supposizione viene avvalorata dal numero risicato di preferenze ottenute dai candidati di questa lista in Sudtirolo (il più votato è stato Marco Boato con 339 preferenze!).

Tutti questi ostacoli rendono ancora più grande la soddisfazione per il risultato davvero positivo di Oktavia Brugger.
A Oktavia e a tutto il giovane team che l’ha supportata per tutto il corso della campagna va il nostro più sincero ringraziamento. E grazie anche alle nostre elettrici e ai nostri elettori, che ancora una volta ci hanno dato la loro fiducia e così motivazione e slancio per continuare nel nostro impegno politico.

 

Brigitte Foppa e Giorgio Zanvettor

Co-portavoci Verdi Grüne Vërc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l'oggi

60 anni da Castel Firmiano: contraddizioni di una manifestazione - e cosa ci dicono per l’oggi Il 17/11/1957 a Castel Firmiano resta una data di riferimento per l’Alto Adige. Circa 35.000 persone, donne e uomini, espressero con la loro presenza e [...]
Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Vecchia Ferrovia delle Val di Fiemme: riconosciamo e rendiamo visibile la verità storica

Mozione: Consiglio Regionale La ferrovia della Val di Fiemme (in tedesco Fleimstalbahn) era una ferrovia a scartamento ridotto, costruita dal Genio militare austriaco all’inizio del ‘900 che congiungeva la ferrovia del Brennero da Ora a Predazzo[...]
L’università trilingue merita il patentino

L’università trilingue merita il patentino

  In occasione del 40° compleanno dell’esame di bilinguismo, il Gruppo Verde in Consiglio provinciale ha presentato questa mozione. Ci sembra paradossale che chi frequenta una scuola superiore in italiano e una università in Germania, o v[...]
I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

I Verdi parlano di etichette, i Freiheitlichen capiscono “no alla carne”.

In fondo si tratta di una cosa molto semplice: pubblicare nei menù delle mense pubbliche (di scuole, case di riposo, ospedali, asili) la provenienza della carne offerta nei piatti. Perché è importante? Solo una piccolissima parte della carne che arri[...]
Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: la pista non deve essere allungata

Aeroporto: Kompatscher promette che “la pista non sarà allungata”. Bene! E allora perché non fissare questo impegno nel piano urbanistico di Laives? La maggioranza SVP-PD ha oggi votato contro la mozione dei Verdi che chiedeva di eliminare dal p[...]
Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Morte del piccolo Adan: ancora nessuna chiarezza

Sulla morte del piccolo Adan l’assessora si nasconde dietro un muro di burocratico silenzio. Con una interrogazione del Gruppo verde la TRAGICA vicenda del profugo curdo irakeno è arrivata per la prima volta in Consiglio provinciale. Dall’assessora [...]
Oggi il Parlamento europeo vota
Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

Consultazioni in Veneto e Lombardia: forte segnale democratico, risultato ambiguo

La consultazione popolare sull’autonomia in Veneto e Lombardia si è conclusa con una notevole partecipazione popolare, rispettivamente del 60% e del 39%. Un risultato, impressionante per il Veneto e considerevole per la Lombardia, che dà adito a inte[...]